L'estrema destra irrompe nelle aziende tedesche

di Diego Rojos

 

Mentre si svolgono le elezioni sindacali in Germania, viene confermata la presenza di liste di candidati e organizzazioni di estrema destra nei comitati aziendali.

I gruppi neonazisti sono concentrati in aziende automobilistiche come BMW, Daimler, Opel o Porsche dove raggiungono la rappresentanza nei comitati aziendali fino al 15%.

 

Le elezioni che coinvolgeranno i dipendenti dell’intera Germania si svolgeranno tra marzo e maggio. Il risultato delle elezioni configureranno i 28.000 comitati aziendali sparsi nel paese. Allo stabilimento della BMW di Lipsia si è già votato. Il 12% dei dipendenti ha votato il sindacato Auto Center. Questa giovane organizzazione fondata nel 2009, si presenta come una "alternativa" ai tradizionali sindacati tedeschi, per lo più, d’ispirazione socialdemocratica. “I grandi sindacati fanno parte dell’establishment. Difendono il lavoro temporaneo, aumenti molto bassi e uno sviluppo insufficiente della mobilità elettrica " critica Auto Center. In linea di principio, il discorso di questo nuovo sindacato pare innocuo per la vita dell'azienda.

 

"Non abbiamo ancora esperienza con loro. Fino ad ora si sono comportati correttamente, le elezioni si sono sviluppate normalmente. Prima delle elezioni, è stato concordato tra tutti i sindacati, tra cui Auto Center, di fare una campagna pulita, senza un comportamento antidemocratico. E così è stato ", ha spiegato BMW. "Ma rimaniamo a guardare", riconoscono alla compagnia bavarese.

 

Auto Center nello stabilimento BMW di Lipsia ha ottenuto quattro rappresentanti sindacali. La casa automobilistica ammette di prestare particolare attenzione a questa lista sindacale perché associata all'estrema destra. "Alcuni dei loro rappresentanti, non votano il partito di destra Alternativa per Germania (AFD), ma sono degli attivisti neonazisti", dice il sociologo Klaus Dörre, docente senior presso l'Università di Jena e specialista della vita sindacale tedesca.

 

Dörre spiega che Oliver Hilburger, leader di Auto Center faceva parte del gruppo musicale Noie Werte, una band della scena neonazista tedesca. Per diciassette anni ha fatto parte del gruppo, la cui musica è stata utilizzata in uno dei video firmati dalla banda terrorista Clandestinità nazionalsocialista (NSU). Quest’organizzazione è attiva da undici anni, dall'inizio di questo secolo, e ha ucciso dieci persone e ferite altre venti.

 

Hilburger ha dovuto rispondere a una commissione del Parlamento del Land del Baden-Würtemberg in merito al suo presunto collegamento con la NSU, negando qualsiasi relazione. "Hilburger ha definito “errori di gioventù” i suoi giorni neonazisti, ma è stato 20 anni in questo ambiente. Che oggi sia distante da quell’ambiente non è credibile", dice Dörre. Tanto più che ci sono altri membri di Auto Center con un passato simile. "Le loro radici sono nella militanza di estrema destra", spiega il professore all'Università di Jena.

 

Tuttavia, Hilburger e compagnia hanno lasciato per sempre le chitarre e la musica neo-nazista. Da anni Hilburger fa parte del comitato aziendale della casa automobilistica Daimler a Untertürkheim, a Stoccarda (sud-ovest tedesco), dove Auto Center vanta la miglior sua presenza, contando sei rappresentanti.

 

Indubbiamente, Daimler, azienda dai marchi quali Mercedes-Benz o Smart, è quella che conta la maggiore presenza di questo "sindacato". In altri centri, come Sindelfingen o Rasttat, anch'essi situati vicino a Stoccarda, Auto Center ha rispettivamente tre e due rappresentanti sindacali.

 

"Osserviamo scrupolosamente il fenomeno", indica Daimler. Sono consapevoli della problematica presenza di questi attori del mondo del lavoro. "In linea di principio, l'impegno politico al di fuori del rapporto di lavoro è qualcosa di privato. Tuttavia, se ci fossero comportamenti rilevanti in materia di diritto del lavoro o di diritto penale, esamineremo il caso individualmente e agiremo di conseguenza ", affermano a Daimler.

 

Complessivamente, Auto Center è presente in dieci centri di produzione di diverse aziende. Oltre ad avere due dei suoi "sindacalisti" nello stabilimento Siemens di Görlitz, la città più a est della Germania, l’associazione si è focalizzata sul settore automobilistico. Insieme ai nuovi rappresentanti di BMW e Daimler, per ora, conta altri due rappresentanti in un centro di produzione Opel e altri due in Porsche.

 

"In Germania, l'industria automobilistica è il maggior fornitore di lavoro. È qui che le liste radicali sono più facili da presentare. Anche qui, i consigli di fabbrica tendono a raggiungere accordi, favorendo così l'esistenza di un grande potenziale di malcontento", afferma Dörre.

 

Hilburger e compagnia cercano di approfittare del malcontento. Per crescere i suoi consensi, Auto Center non si manifesta in aziende con messaggi di estrema destra. "Dicono di combattere contro la globalizzazione e criticano i sindacati tradizionali accusandoli di far parte dell’establishment", dice il sociologo.

 

I sindacati tradizionali, come IG-Metall, la più grande organizzazione di lavoratori nel ramo industriale tedesco, non vogliono perdere la loro supremazia a scapito di attori sindacali come Auto Center. Wolfgang Schroeder, professore all'Università di Kassel e rinomato esperto nel mondo sindacale teutonico, ne è convinto.

 

Schroeder sottolinea che Auto Center "non è un sindacato, ma un'associazione. Un sindacato si definisce dal numero di membri, dalla sua forza organizzativa, dalla sua capacità di negoziare i contratti e promuovere degli scioperi. Tutte cose che Auto Center non è in grado di fare". Secondo lui, le associazioni come quella di Hilburger sono "molto deboli", "poiché sono un fenomeno presente solo in alcune grandi aziende". Casi come quelli di BMW a Lipsia sono "un'eccezione assoluta. Nelle elezioni sindacali i mandati in gioco sono 180.000. Complessivamente, queste liste riusciranno ad ottenere circa una cinquantina di mandati" prevede l'esperto di sindacati dell'Università di Kassel.

 

Tuttavia, Dörre sottolinea quanto sia sconsigliabile sottovalutare quanto accaduto alla BMW di Lipsia, dove Auto Center rappresenta la prima forza. Soprattutto in un contesto dove il 15% dei lavoratori sindacalizzati ha votato per AfD alle ultime elezioni generali tedesche. "AfD è un partito che ha soldi, presente in Parlamento e in grado di coordinare le sue attività", dice Dörre, riferendosi al principale partito di opposizione nel Bundestag.

 

Anche se AFD non ha ottenuto dei successi con il suo apparato sindacale Allarme!, alle elezioni sindacali fa campagna per i candidati patrioti. "Questo fatto potrebbe contribuire a spostare a destra i lavoratori", avverte il professore dell'Università di Jena. "Il fenomeno potrebbe non avere dimensioni enormi, ma per i centri di produzione in cui si trovano, i rappresentanti di Auto Center costituiscono un fardello pesante", conclude Schroeder.

 

 

 

TORNA ALLA HOME