venerdì 25 maggio 2018 - aggiornato alle 11.00


Le virtù dimenticate del debito pubblico

di Laurent Cordonnier, Maître de conférences in economia all’Università Lille-I.

 

Diciamolo subito in modo chiaro e tondo, anche a costo di sorprendere: non esiste alcuna ragione suprema che giustifichi che lo Stato s’indebiti. Quest’ultimo, come le imprese, le società, le cooperative, etc., produce dei beni e dei servizi di cui noi giudichiamo l’utilità; e, se questi beni hanno un costo, vanno pagati in un modo o nell’altro.

leggi di più

Abbiamo bisogno di te

Aiutaci a garantire la presenza di ForumAlternativo sui temi importanti della socialità, la politica, l'economia, la sanità, l'ambiente, il lavoro, l'educazione, ...

leggi di più

Il prossimo 10 giugno VOTIAMO 2 SÌ

di ForumAlternativo

 

I contrari defininiscono l’Iniziativa moneta intera un salto nel buio. Per il ForumAlternativo invece è orientata verso la luce, quella della trasparenza e del controllo democratico.

leggi di più

Salari, il Ticino la lanterna rossa, si conferma la disparità tra uomo e donna, frontalieri e stranieri meno retribuiti

di Red

 

La rilevazione della struttura dei salari recentemente pubblicata dall’Ufficio federale di statistica delinea un quadro opaco e preoccupante, ed evidenzia diverse criticità che meritano di essere evidenziate.

leggi di più

Dibattito sull'Iniziativa Moneta Intera

leggi di più

Salario minimo: no alla legalizzazione della povertà

leggi di più

Iniziativa Moneta Intera: I soldi sono dello Stato o delle banche?

leggi di più

Gaza: "noi palestinesi reclamiamo il nostro diritto alla libertà"

leggi di più

Salario minimo legale: prepariamoci al Referendum

leggi di più

Opporsi senza se e senza ma al Progetto fiscale 17

leggi di più

Il metodo del ricatto per imporre sgravi fiscali fa scuola a livello federale

Sindacato Unia Ticino e Moesa

 

Come era prevedibile, il “metodo ticinese” per imporre regali fiscali ai ricchi che lo scorso 29 aprile ha consentito al governo e alla maggioranza delle forze politiche di vincere (seppur di misura) la votazione sulla controversa revisione della legge tributaria, sta facendo scuola anche a livello federale.

leggi di più

Chi beneficia di sgravi fiscali non deve delocalizzare!

 Partito Comunista - Ticino

 

Lo avevamo preannunciato al momento dell'accettazione (per meno di 200 voti di scarto) della iniqua riforma fiscale il 29 aprile, e ora concretizziamo... Ci sono aziende che usufruiscono dei privilegi fiscali previsti dalla Legge sull’Innovazione economica e poi - dopo averne bellamente approfittato sulle spalle dei cittadini - delocalizzano verso altri lidi, magari dove possono sfruttare manodopera a basso costo.

leggi di più

 I PIÙ LETTI  >>  

Gobbi ordina il Blitz contro la tifoseria BiancoBlù: fermate 13 persone!

leggi di più

Lettera aperta a Ignazio Cassis

leggi di più

Giorno di festa per i super ricchi, grazie all'élite del Partito Socialista

leggi di più

Abbattere il tabù dell’Unione europea

di Damiano Bardelli

 

"Parte della sinistra, purtroppo, continua a guardare con simpatia all'Unione europea, a riconferma dello scollamento sempre più evidente tra socialdemocrazia e popolazione. Da noi il PSS sostiene ancora l'adesione della Svizzera all'UE, mentre in Italia il PD e le altre formazioni del centro-sinistra sono succubi dell'ideologia dell'europeismo.

leggi di più

Manifestazione "No LIA, basta burocrazia" - Bellinzona 9.5.2018

I° MAGGIO 2018 - LOCARNO

Francia: 2'500 poliziotti attaccano la ZAD di Notre Dame des Landes

Moneta Intera: Rossi spiega ad Ermotti come funzionano le banche


Marx vivo e vegeto

di Franco Cavalli

 

Il 5 maggio di 200 anni fa nacque a Treviri Carlo Marx: la cittadina tedesca, ancora oggi molto conservatrice, ha sempre avuto grosse remore con l’onorare in modo adeguato il suo figlio più famoso.

leggi di più

Parità salariale. Punto e basta! È tempo di scegliere tra solidarietà e divisione sociale.

di Red

 

Vi proponiamo il discorso pronunciato a Zurigo in occasione della Festa del 1 maggio da Vania Alleva presidente nazionale del sindacato Unia. Un discorso che ben evidenzia come la lotta per i diritti debba coinvolgere l’insieme delle persone senza distinzione di genere o nazionalità.

leggi di più

La fabbrica di svizzeri inferiori

di Ivan Miozzari

 

Siamo alle soglie degli anni venti del ventunesimo secolo. E forse la gente di questa nostra Patria, così fiera della propria democrazia, ha cambiato idea. Forse non vale più la pena difendere la parità delle persone, stessi diritti, stesse opportunità, stessi doveri, uguali per tutti.

leggi di più

Colombia: una «pace» insanguinata

di Damiano Matasci

 

Dopo l’accordo di pace siglato tra le Forze armate rivoluzionarie colombiane (FARC) e il governo colombiano nel mese di novembre 2016, più di 40 ex-combattenti, familiari e leader comunitari sono stati assassinanti da gruppi criminali o paramilitari legati all’estrema destra.

leggi di più

Accoglienza e rappresentazioni democratiche della pluralità nel nostro territorio

di Francine Rosenbaum

 

Attraverso una succinta storia dei migranti che hanno segnato 100 anni fa l’inizio del riconoscimento di Ascona e Locarno come centro artistico, filosofico e politico europeo, vorrei segnalare il progressivo slittamento squalificante delle rappresentazioni dominanti sulla migrazione e interrogare il conseguente smarrimento della memoria storica di questo nostro patrimonio non soltanto nelle giovani generazioni.

leggi di più

La scuola delle (in)competenze

Massimiliano Ay Partito Comunista

 

Sul Corriere della Sera del 17 aprile 2018 si poteva leggere un articolo intitolato: “Scuola, l’America fa dietrofront: più conoscenze, meno competenze” che riprendeva i dati emersi in un articolo intitolato “Why american students haven’t gotten better at reading in 20 years” pubblicato su “The Atlantic” il 13 aprile 2018. I due testi sono eloquenti, visto che nel piano di studi del nostro Cantone l’approccio per competenze assume una certa rilevanza.

leggi di più

L’amore del Pride vincerà sull’odio degli integralisti

di Red

 

Negli scorsi giorni, il Municipio di Lugano ha deciso di non consentire l’organizzazione di un rosario pubblico contro la parata del Gay Pride che si terrà sulle rive del Ceresio il prossimo 2 giugno.

leggi di più