Lavoro

Un lavoro che crea paure e malattie

di Red

 

Le statistiche rese note negli scorse settimane e mesi fotografano un quadro desolante del mercato del lavoro e delle condizioni di impiego della salariate e dei salariati. Non sfugge a questa triste realtà l’inchiesta sulla salute pubblicata dall’Ufficio federale di statistica secondo la quale il 21% dei lavoratori soffre di stress e la metà è a rischio burnout. Sono dati oltremodo preoccupanti , in crescita rispetto all’ultima rilevazione che confermano il progressivo degrado delle condizioni di impiego nel nostro Paese.

leggi di più

Mercato del lavoro: il Ticino sia riconosciuto come un Cantone a statuto speciale

Verdi e Sinistra alternativa

 

La grave situazione di degrado e precarietà in cui versano le lavoratrici e i lavoratori in Ticino ha bisogno di essere fermata. Occorre agire urgentemente per fermare un fenomeno in costante peggioramento esigendo che il Ticino sia riconosciuto come un ‘Cantone a statuto speciale’. È con questo scopo che i Verdi e Sinistra alternativa - con i rappresentanti in Gran Consiglio de i Verdi e del Partito Comunista - presentano un’iniziativa parlamentare.

leggi di più

Stefano Artioli, un imprenditore d’altri tempi

di ForumAlternativo

 

Le considerazioni dell’imprenditore Stefano Artioli riprese ieri da alcuni portali locali (leggi) sono arroganti, irrispettose della sofferenza che vivono oggi molti salariati e disoccupati, e traducono una visione ottocentesca della realtà.

leggi di più

Mercato del lavoro ticinese: è ora di cambiare!

di ForumAlternativo

 

I dati relativi al numero di frontalieri presenti in Ticino confermano che il nostro mercato del lavoro conosce dei problemi profondi ai quali la nostra classe politica non è in grado di rispondere, sia per mancanza di capacità che per scarsa volontà di intervenire sulle condizioni quadro che ne reggono il funzionamento.

leggi di più

Un mercato del lavoro sempre più precario

di Red

 

La presentazione dei diversi dati relativi al mercato del lavoro permette di avere un fotografia nitida ed oggettiva delle gravi problematiche che investono i salariati. Purtroppo ne emerge un quadro davvero preoccupante. Dopo la statistica sui bassi salari resa pubblica a metà luglio, che conferma come in Ticino si paghino salari da fame, è il turno in questi giorni di quella relativa al fenomeno della sottoccupazione.

leggi di più

In Ticino salari sempre più bassi. E la classe politica resta a guardare

di Red

 

La scorsa settimana, l’Ufficio federale di statistica ha presentato la Rilevazione svizzera della struttura dei salari 2016. Ne emerge un quadro estremamente preoccupante per il nostro Cantone, in particolare per quel che concerne il dilagante fenomeno del dumping salariale. Persino il filogovernativo Corrierone ha dovuto titolare che “Il Ticino è una terra di bassi salari”.

leggi di più

La libertà economica di generare sempre più precari

di ForumAlternativo

 

“Con il divieto di subappalto nella nuova legge sulle commesse pubbliche in Ticino, diventa praticamente impossibile per i prestatori di personale fornire la propria manodopera per gli appalti pubblici. Ciò rappresenta una grave interferenza nella libertà economica delle imprese di lavoro temporaneo e dei loro clienti. Per questo abbiamo inoltrato ricorso al Tribunale federale” (dal comunicato del 16 luglio 2019 di Swisstaffing, associazione padronale delle agenzie interinali in Svizzera).

leggi di più

Le verità nascoste della Gucci

di Francesco Bonsaver

 

La fuga dal Ticino della Luxury Goods International, rientrata in Italia dopo la miliardaria multa fiscale e la conseguente fine dell'elusione fiscale con la fatturazione in terra elvetica di quanto prodotto in Italia, ...

leggi di più

Servono più risorse per combattere usura e caporalato

di Federico Franchini

 

Lo scorso 25 aprile, il procuratore pubblico ticinese Moreno Capella ha rinviato a giudizio due dirigenti della Elia Costruzioni Sa. Avrebbero sfruttato 18 operai, sottopagandoli e approfittando del loro stato di bisogno. Pochi giorni prima, l’emissione Falò ha svelato i soprusi che hanno colpito alcuni lavoratori attivi sul cantiere AlpTransit. Casi isolati? Si direbbe di no.

leggi di più

Salario minimo, basta prendere in giro

I Verdi del Ticino, Partito Comunista e ForumAlternativo

 

La presa di posizione di Aiti – attraverso il suo presidente Fabio Regazzi – tesa a ulteriormente ritardare l'introduzione del salario minimo legale in Ticino è semplicemente sconcertante.

leggi di più

Parità, solidarietà. Rispetto Ogni giorno. Senza muri e senza paure

USS Gruppo Donne Ticino e Moesa

 

Una delle rivendicazioni delle manifestazioni del Primo Maggio, è l’aumento del potere d’acquisto. I sindacati dell’Unione sindacale svizzera ne fanno una priorità assoluta. Di fatto i salari reali di salariati e salariate stanno stagnando da almeno due anni, mentre quelli dei manager continuano ad aumentare.

leggi di più

Alptransit del Monte ceneri: il cantiere della vergogna

di Red

 

Triste e agghiacciante. Come definire altrimenti il contenuto del servizio “Le ceneri del lavoro” andato in onda ieri sera nell’ambito di Falò.

leggi di più

"Se l'Accordo quadro verrà approvato, sarà Referendum!"

Jacopo Scarinci

 

«Da questo Accordo quadro il Ticino ne uscirebbe a pezzi. E se verrà approvato, siamo già pronti a fare referendum». Non c’è che dire, è sulle barricate Enrico Borelli, segretario di Unia Ticino.

leggi di più

Driver in piazza: ferma Amazon

di Red

 

Martedì gli autisti lombardi che operano per Amazon hanno scioperato per protestare contro le indegne condizioni di lavoro cui sono sottoposti. Un segnale importante, un segnale incoraggiante che evidenzia che non solo è necessario ma che è anche possibile battersi contro la precarizzazione delle condizioni di impiego.

leggi di più

Salario minimo: decisione scandalosa!

di ForumAlternativo

 

La decisione assunta ieri dalla Commissione della gestione di non portare in Parlamento la discussione sul salario minimo è semplicemente vergognosa e rappresenta una pugnalata alla schiena nei confronti della popolazione ticinese che nel lontano 2015 aveva votato a maggioranza l’introduzione di un salario minimo legale.

leggi di più

Specchietti per le allodole

facebook.com/unia.ticino

 

Le statistiche dell’occupazione sembrano rose e fiori, abbiamo chiesto al segretario di Unia Enrico Borelli un parere: Enrico, i posti aumentano, la disoccupazione diminuisce! Fantastico no? O almeno così dicono i dati statistici pubblicati sui media. Cosa ne pensi Enrico?

leggi di più

Un padronato ingordo

di Claudio Carrer

 

Orari di lavoro senza limiti e fuori controllo. È questo l’obiettivo che le forze politiche borghesi e il padronato vorrebbero realizzare attraverso una duplice revisione della Legge sul lavoro in discussione a livello parlamentare e che si potrebbe concretizzare nei prossimi mesi.

leggi di più

Il miracolo poggia sul dumping

di Francesco Bonsaver

 

Dalla “prodigiosa” creazione d’impieghi in Ticino la popolazione residente è rimasta esclusa per colpa dei bassi stipendi imposti dal padronato. Il “miracolo” economico ticinese poggia su bassi salari, precariato e sostituzione della manodopera residente.

leggi di più

Con 3'000 franchi al mese si fa dumping di Stato

di ForumAlternativo

 

Un salario tra i 19 e i 19.50 franchi l’ora, è questa la soglia indicata dalla maggioranza dei partiti di Governo. Come era ampiamente prevedibile il dibattito sul salario minimo sta prendendo decisamente una brutta piega. La proposta attualmente in discussione...

leggi di più

Officine: intervista a Gianni Frizzo

di Red

 

Per finire dopo la città di Bellinzona , anche il Parlamento cantonale ha votato il credito per le nuove "officine". Città di Bellinzona, Governo e Parlamento cantonale che hanno voltato le spalle ai lavoratori e, sia detto senza troppo giri di parole, tristemente calato le braghe di fronte agli interessi delle FFS.

leggi di più

Dare un senso a ciò che facciamo

di Graziano Pestoni

 

Una volta si lavorava troppo. Anche 11 o 12 ore al giorno. Sei giorni su sette. Anche i bambini dovevano lavorare. Poi, progressivamente, il tempo di lavoro si è ridotto, anche se resta spesso molto elevato.

 

leggi di più

Edilizia, vince la forza collettiva dei lavoratori

di Francesco Bonsaver

 

Settimana scorsa è arrivata la nota stampa congiunta: c’è l’accordo fra padronato e sindacati sul rinnovo contrattuale nazionale dell’edilizia. Le mobilitazioni (imponenti) d’autunno sono state decisive.

leggi di più

Le trattative proseguono

sindacati Unia e Syna

 

Trattative sul Contratto nazionale mantello, l’aumento salariale e il pensionamento anticipato nell’Edilizia. I sindacati Unia e Syna e la Società svizzera degli impresari costruttori (SSIC) non sono riusciti a raggiungere un’intesa nel loro incontro di ieri a Olten. Una prossima tornata contrattuale è prevista per il 3 dicembre.

leggi di più

Verso lo sciopero nazionale delle donne

di RedQ

 

Il 22 settembre 2018 oltre 20’000 persone sono sfilate per le strade di Berna per la grande manifestazione a difesa della parità salariale e per i diritti delle donne.

leggi di più

Quei costi insostenibili

di Generoso Chiaradonna

 

Sindacati e forze di sinistra in piazza contro il peso dei premi di cassa malati. È il tema che più preoccupa i cittadini. Le manifestazioni si terranno in tutta la Svizzera questo sabato. L ’appuntamento ticinese è a Bellinzona. Ne parliamo con Enrico Borelli, segretario cantonale del sindacato Unia.

leggi di più

SÌ, RIVOLUZIONE! In viaggio cento anni dopo lo sciopero nazionale

di Flavio Stroppini

 

Cento anni dopo cosa ricorda la gente? Siamo partiti da questa domanda, io e Monica De Benedictis, quando la regista Liliana Heimberg ci ha invitati a rappresentare il Cantone Ticino all’interno dello spettacolo 1918.ch.

leggi di più

Impresari costruttori pronti a riconsiderare le proprie richieste estreme

sindacati Unia e Syna

 

18esima tornata di trattative CNM. Dopo le giornate di protesta condotte dai lavoratori edili, la delegazione negoziale degli impresari costruttori ha compreso che non sarebbe riuscita ad imporre le proprie posizioni radicali contro l’opposizione degli edili.

 

 

leggi di più

100º anniversario dello sciopero generale 1918

 

Sabato 10 novembre 2018 dalle 14 alle 17, nella vecchia officina principale delle FFS a Olten - Gösgerstrasse 40 – 60, avrà luogo l'evento centrale delle commemorazioni del centenario dello sciopero generale.

 

leggi di più

L’edilizia si ferma: Oltre 4000 edili bloccano il ponte della stazione di Zurigo

sindacati Unia e Syna

 

Ieri la protesta degli edili ha raggiunto un primo apice. Oltre 4000 edili hanno organizzato la loro pausa pranzo sul Bahnhofbrücke, il ponte della stazione di Zurigo. Nelle scorse settimane gli edili di tutta la Svizzera sono scesi in piazza per difendere il loro pensionamento a 60 anni e il loro contratto collettivo di lavoro.

leggi di più

Edilizia: la marcia di protesta arriva a Zurigo

di Red

 

Continuano le mobilitazioni dei lavoratori edili contro gli imprenditori sordi ad ogni rivendicazione. Se al tavolo delle trattative gli imprenditori si presenteranno con la stessa arroganza degli ultimi mesi si andrà verso lo sciopero nazionale.

leggi di più

Di scioperi, mobilitazioni e tensioni sociali

di Red

 

A pochi giorni dalle commemorazioni ufficiali dello sciopero generale del 1918, che si terranno sabato prossimo ad Olten vi proponiamo il dibattito andato in onda ieri su rsi nell’ambito della trasmisisone Modem.

 

leggi di più

L’edilizia si ferma: oltre 4000 lavoratori edili protestano a Losanna

 sindacati Unia e Syna

 

Oggi e domani, i lavoratori edili vodesi incrociano le braccia. Oltre 4000 edili si sono riuniti oggi a Losanna, lanciando un forte segnale contro i massicci attacchi sferrati dagli impresari costruttori al Contratto nazionale mantello (CNM) e al pensionamento a 60 anni.

leggi di più

L’edilizia è ferma: 700 lavoratori edili incrociano le braccia nel cantiere della stazione di Berna

sindacati Unia e Syna

 

Dopo le azioni di protesta in Ticino e nella Svizzera romanda, è oggi la volta della Svizzera tedesca. 700 lavoratori edili provenienti da tutto il Canton Berna si radunano nel cantiere centrale della stazione di Berna.

 

leggi di più

L’edilizia si ferma: più di 1500 edili protestano nella Svizzera romanda

sindacati Unia e Syna

 

La protesta degli edili prosegue. Dopo le agitazioni in Ticino e a Ginevra, oggi più di 1500 edili sono scesi in piazza in vari Cantoni della Svizzera romanda. Hanno incrociato le braccia per difendere il loro pensionamento a 60 anni e per lottare per il loro contratto collettivo di lavoro.

leggi di più

Si rafforza l’opposizione nei confronti delle agenzie interinali

di Red

 

Dall’inizio degli anni 2000 ad oggi non si è arrestata la crescita del lavoro interinale in Ticino. Le persone assunte con contratto interinale sono oggi quasi 12'000, le società di lavoro interinale sono più che triplicate, così come il numero delle ore di lavoro generate dagli interinali.

leggi di più

La Camera di commercio fuori dalla realtà e incapace di leggere la sofferenza della popolazione

di ForumAlternativo

 

L’assemblea annuale della Camera di commercio tenutasi negli scorsi giorni offre interessanti spunti di riflessione. In particolare l’intervento del suo presidente, l’imprenditore Glauco Martinetti, che come riportato dai media, ha introdotto il suo discorso ricordando "i valori tipicamente svizzeri...

leggi di più

Le lotte nell'edilizia sono la locomotiva per i diritti di tutti i lavoratori

di Red

 

Lo scorso lunedì 15 ottobre si è svolto una giornata di mobilitazione cantonale nel ramo edile nell’ambito del rinnovo contrattuale nazionale. La risposta dei muratori è stata imponente, con quasi 3'500 partecipanti al corteo di Bellinzona.

Ne parliamo con Enrico Borelli, segretario di Unia Ticino.

leggi di più

Le proteste degli edili a Ginevra proseguono

sindacati Unia, Syna e SIT

 

I 2500 lavoratori edili che ieri sono scesi in piazza a Ginevra per difendere il loro contratto e il loro pensionamento a 60 anni hanno deciso di proseguire la loro protesta almeno fino a oggi, mercoledì 17 ottobre.

leggi di più

La giornata di mobilitazione dei lavoratori edili!

 

I cantieri si chiudono uno dopo l’altro in tutto il Ticino, i lavoratori convergono a Bellinzona dove alle 11 si terrà la grande Assemblea Generale degli edili. In difesa del CNM e del prepensionamento, tutti a Bellinzona.

Segui la diretta su https://www.facebook.com/forumalternativoticino/

leggi di più

Mobilitazione del settore edile!

 

Un decennio di successi. Un decennio di volumi di lavoro record. Ma un’esplosione senza fine di pretese nei confronti dei lavoratori che vedono il loro potere d’acquisto diminuire, le ore di lavoro aumentare, lo stress sui cantieri crescere a dismisura.

leggi di più

La Società Svizzera degli impresari costruttori vuole smantellare il CNM

sindacati Unia e Syna

 

Giornate lavorative di 12 ore e soppressione dei salari minimi per le imprese straniere: la pazienza degli edili è finita! Si preannuncia un autunno caldo sui cantieri.

leggi di più

Solidali con gli edili. Tutti allo sciopero

di ForumAlternativo

 

Non resta che l’arma dello sciopero agli edili in lotta per il rinnovo del loro Contratto collettivo. Ben 17 tornate di trattative non sono servite a far ritirare al Padronato le proposte, che se fossero accettate svuoterebbero il più importante Contratto collettivo nazionale di qualsiasi significato.

leggi di più

Provazioni e diktat padronali

di Red

 

A pochi giorni dallo sciopero indetto dagli edili il prossimo 15 ottobre a Bellinzona pubblichiamo il contributo di Dario Cadenazzi, responsabile di Unia Ticino per il settore dell'edilizia, che risponde ad una presa di posizione del direttore cantonale degli impresari che auspica la flessibilizzazione delle condizioni d'impiego.

leggi di più

La pazienza è finita!

sindacati Unia e Syna

 

Malgrado che i sindacati Unia e Syna abbiano continuato a segnalare la propria disponibilità ad una soluzione di compromesso in occasione del 15esima tornata di trattative del Contratto nazionale mantello nel settore dell’edilizia principale (CNM) tenutasi ieri, gli impresari costruttori restano inflessibili con le proprie eccessive richieste.

leggi di più

CCL vendita: un contratto che sdogana il dumping e che preclude l’occupazione ai residenti

di Red

 

È grazie ad operazioni di questo tipo, rese possibili da sindacati che hanno abdicato rispetto ai loro compiti, che continua a crescere il divario salariale tra il Ticino e le altre regioni del Paese.

leggi di più

Chiasso stoppa le agenzie interinali. Un passo nella giusta direzione

di Red

 

Il Municipio di Chiasso ha accolto negli scorsi giorni una mozione presentata da 4 consiglieri comunali che chiedeva di vietare l’impiego di interinali nell’ambito degli appalti pubblici comunali.

leggi di più

Consiglio Federale ed élites politiche sempre più contro gli interessi del Ticino. Cassis e Schneider Ammann a casa!

di Red

 

Tira decisamente una brutta aria per le salariate ed i salariati di questo Paese. A Berna la classe politica non è intenzionata a concretizzare decisioni e soluzioni che permetterebbero di frenare le derive di un mercato del lavoro oramai fuori controllo.

leggi di più

Salario minimo, una questione di dignità e di prospettive

di Maurizio Montesi

 

Il governo ticinese, privo di coraggio e genuflesso sugli interessi padronali, ha perso un’occasione importante per ristabilire le condizioni minime di retribuzione salariale nel disastrato mondo del lavoro cantonale.

leggi di più

Mercato del lavoro, se il Comune dà il cattivo esempio

Daniele Cavalli CC di Losone (Lista della Sinistra)

 

 

In questi anni abbiamo sentito crescere la preoccupazione di tutti i cittadini per la situazione del nostro mercato del lavoro.

 

leggi di più

Il castello di carta della Fashion Valley Ticino

di Nestor Buratti

 

Nome del progetto: Prometheus. Obiettivo: “ridefinire l’ingegneria” del montaggio finanziario attorno alla società Luxury Good International (LGI), filiale di Cadempino di Kering, la multinazionale francese che controlla marchi come Gucci o Bottega Veneta.

leggi di più

Istituzione di un tavolo di discussione sul mercato del lavoro

USS Ticino e Moesa

 

Onorevole Consigliere di Stato,

l’Unione Sindacale Svizzera sezione Ticino e Moesa (USS-Ti), alla luce della situazione sempre più problematica che investe il nostro mercato del lavoro, purtroppo oggetto di un preoccupante processo di destrutturazione, chiede l’istituzione di un tavolo di discussione.

leggi di più

È urgente un tavolo di discussione sul mercato del lavoro!

di Red

 

Non siamo soliti pubblicare atti parlamentari. In questo caso, anche alla luce della valenza del tema toccato, che investe un mercato del lavoro sempre più in sofferenza facciamo un’eccezione.

leggi di più

Lavoro interinale: un cancro che va combattuto!

di Red

 

In Ticino le agenzie per il “lavoro su chiamata” sono in continuo aumento. Praticamente, oggi devi passare dai loro uffici per potere trovare un lavoro (precario). Il lavoro interinale “inventato” per sopperire a temporanei aumenti di produzione è ormai diventate l'unica porta d'accesso per poter essere “assunti”.

leggi di più

Mercato del lavoro ticinese sempre più fuori controllo. Abusi e infrazioni la fanno da padrone

di Enrico Borelli

 

I dati relativi agli abusi contro le misure di accompagnamento, resi noti domenica dalla NZZ am Sonntag, ripresi dalla Segreteria di Stato dell’econonomia, evidenziano inequivocabilmente quanto sia malato il mercato del lavoro in Ticino.

leggi di più

OVS: Chiudete pure le filiali... ma non avete ancora chiuso con noi!

UNIA Ticino e Moesa

 

Sabato 21 luglio sarà l’ultimo giorno di apertura per le filiali del gruppo OVS in Svizzera.

leggi di più

Il valore alla frontiera. Quando le migrazioni e il lavoro interinale si incontrano

di Red

 

Lo storico e ricercatore Paolo Barcella presenta il quadro del lavoro notificato (i lavoratori distaccati) e dei frontalieri interinali attivi in Ticino. Un quadro che rinvia ad una fortissima precarizzazione delle forme di impiego di tutto il mercato del lavoro ticinese, che permette a chi li occupa (come ad esempio le agenzie interinali svizzere) impressionati margini di guadagno.

leggi di più

Perchè le nostre vite valgono più dei loro profitti!

di Enrico Borelli

 

Un filo resistente lega le lotte delle lavoratrici e dei lavoratori andate in scena in questo ultimo periodo. Il filo della solidarietà e della difesa dei diritti che quotidianamente vengono calpestati!

leggi di più

Il capitan Beraldo ha abbandonato la nave?

di Red

 

Con grande coraggio oggi una delegazione di lavoratrici e lavoratori dell’OVS si è recata a Mestre, in provincia di Venezia, per contestare il brutale licenziamento di 1200 dipendenti in Svizzera, una quarantina in Ticino.

leggi di più

"L'irresponsabilità" sociale delle imprese

di Generoso Chiaradonna

 

Per Enrico Borelli (Unia) il caso Ovs mette in luce pratiche manageriali scellerate che scaricano i costi sulla società

leggi di più

Cassis ha gettato la maschera. Qualcuno lo fermi

di ForumAlternativo

 

L’attitudine manifestata da Ignazio Cassis sul tema del mercato del lavoro e delle misure di accompagnamento è semplicemente irresponsabile.

leggi di più

Rivivi in 10 minuti le ragioni di una mobilitazione

leggi di più

EDILI A ZURIGO - VIDEO

leggi di più

Edilizia: lavoratori manifestano in difesa dei loro diritti e della loro dignità

di Red

 

Con l'imponente manifestazione di ieri a Zurigo, gli oltre 18'000 edili (numerosa la partecipazione dal Ticino) hanno chiaramente fatto capire che combatteranno a difesa del Contratto Collettivo e del pensionamento a 60 anni.   (Foto Gallery)

leggi di più

La Svizzera è il paese ideale per introdurre un reddito di base

di Claudio Carrer

 

Il professor Sergio Rossi illustra il funzionamento e i benefici, sia sul piano dell’individuo sia su quello della società, di un sistema che slega il reddito dal lavoro. E pronostica: è solo una questione di tempo.

leggi di più

La rivoluzione silenziosa

 

di Generoso Chiaradonna

 

 

 

Il progresso tecnologico non ha avuto un’evoluzione lineare e continua, ma ha conosciuto strappi più o meno rapidi, con conseguenze anche violente sulle società in cui si è concretizzato. 

leggi di più

Parità salariale: "J'ACCUSE" di protesta davanti al tribunale federale a Bellinzona

di Red

 

Azione di protesta questa mattina davanti al Tribunale penale federale di Bellinzona delle Donne USS Ticino e Moesa e Coordinamento Donne della sinistra. Un “J’accuse” per denunciare gli abusi e le discriminazioni che le donne e le persone più vulnerabili soffrono ancora oggi nel nostro Paese.

leggi di più

Parità: tutti gli appuntamenti del 14 giugno in Ticino

Donne USS Ticino e Moesa e Coordinamento donne della sinistra

 

Per le associazioni femministe e le organizzazioni sindacali il 14 giugno rappresenta ogni anno un'occasione per mobilitarsi e mettere sotto gli occhi delle cittadine e dei cittadini una situazione insostenibile per le donne e per tutte le persone vulnerabili del nostro Paese.

leggi di più

Parità salariale: indecorosa proposta del Consiglio degli Stati

di ForumAlternativo

 

Tutti a Berna sabato 22 settembre per la grande manifestazione a favore della parità.

Mentre il Fondo monetario internazionale afferma che la parità salariale ha chiari benefici sul Pil, negli scorsi giorni il Consiglio degli Stati ha discusso e approvato una modifica di legge assolutamente inconsistente e blanda.

leggi di più

Il Ticino che non fa parte della Svizzera

di Francesco Bonsaver

 

Sonderfall Ticino, ossia il caso particolare del cantone a sud delle Alpi, dove i salari legali nel resto della Svizzera qui non hanno invece validità. È il caso del contratto collettivo di lavoro per il personale dei negozi delle stazioni di servizio di carburante, decretato dal primo febbraio di obbligatorietà generale sul territorio nazionale dal Consiglio federale.

leggi di più

PARITÀ SALARIALE: I CONTROLLI SERVONO

di Chiara Landi resp. Gruppo donne Unia

 

Il presidente della SSIC Gian Luca Lardi (CdT 12 maggio) ci mette in guardia dai pericoli dei fischietti che rischierebbero di «stordire» la politica. l pensiero di Lardi è più che mai coerente: dalla battaglia sulla deregolamentazione degli orari e dei tempi di riposo, Lardi passa a quella contro i controlli che le organizzazioni sindacali da tempo chiedono per realizzare finalmente il principio costituzionale della parità salariale.

leggi di più

Stockton, California: Reddito di cittadinanza digitale

di Luca Celada

 

La notizia rimbalzata da un angolo della California che di solito non fa notizia è questa: Stockton, l’ottava città dello stato (oltre 300'000 abitanti) si appresta a intraprendere il primo esperimento di reddito di cittadinanza o di base (universal income).

leggi di più

Salari, il Ticino la lanterna rossa, si conferma la disparità tra uomo e donna, frontalieri e stranieri meno retribuiti

di Red

 

La rilevazione della struttura dei salari recentemente pubblicata dall’Ufficio federale di statistica delinea un quadro opaco e preoccupante, ed evidenzia diverse criticità che meritano di essere evidenziate.

leggi di più

Salario minimo: no alla legalizzazione della povertà

I Verdi del Ticino

 

Da tre anni attendiamo l’applicazione dell’iniziativa “Salviamo il lavoro in Ticino” approvata dal popolo per fermare il degrado dei salari e del mercato del lavoro del nostro cantone.

leggi di più

Salario minimo legale: prepariamoci al Referendum

di ForumAlternativo

 

Lo conferma anche l’ultima pubblicazione dell’Ufficio federale di statistica sulla rilevazione della struttura dei salari relativa al 2016, in Ticino vigono i salari più bassi di tutta la Svizzera. È tempo di agire ed è necessario farlo con urgenza.

leggi di più

Parità salariale. Punto e basta! È tempo di scegliere tra solidarietà e divisione sociale.

di Red

 

Vi proponiamo il discorso pronunciato a Zurigo in occasione della Festa del 1 maggio da Vania Alleva presidente nazionale del sindacato Unia. Un discorso che ben evidenzia come la lotta per i diritti debba coinvolgere l’insieme delle persone senza distinzione di genere o nazionalità.

leggi di più

Edilizia: le proposte padronali sono offese alla dignità dei lavoratori

di Dario Cadenazzi responsabile sett. Edilizia - Unia Ticino

 

Nel 2002 grazie al coraggio di migliaia di lavoratori del settore, dopo anni di trattative e un imponente sciopero nazionale, scioperi regionali e mobilitazioni, abbiamo ottenuto il pensionamento anticipato.

leggi di più

Losanna, i tassisti occupano la Piazza della Riponne

di Romaric Haddou

 

I tassisti losannesi fremono di nuovo di collera. Martedì sera, erano circa settanta a manifestare sulla Piazza della Riponne in un evento organizzato dal sindacato Unia.

leggi di più

PARITÀ SALARIALE SUBITO!


di Eleonora Failla

 

La nostra Costituzione sancisce l’uguaglianza tra uomini e donne nel lavoro, la LPar vieta qualsiasi discriminazione salariale basata sul genere, ma, nonostante questo, ci ritroviamo ancora oggi, nel 2018, a scendere in piazza, a far sentire la nostra voce ed a lottare contro la disparità salariale.

leggi di più

Ci vuole un sindacato forte al servizio dei lavoratori

di Gianluca Carini

 

Il 25 giugno sarà il primo anniversario dello sciopero di noi marinai del Lago Maggiore. Non sono qui per ripercorrere quello che successe in quei 20 giorni.

leggi di più

I° MAGGIO 2018 - LOCARNO

Oltre un migliaio di persone in piazza a Locarno per la Festa dei lavoratori

Unione sindacale svizzera Ticino e Moesa

 

Il valore della persona che l’odierno mondo del lavoro tende a non considerare, l’eterna questione della disparità salariale, gli incessanti attacchi ai contratti collettivi ed ai diritti nel settore privato come nel settore pubblico, ma anche i successi delle mobilitazioni e delle lotte.

leggi di più

SI AVVICINA IL PRIMO MAGGIO

di Enrico Borelli Segretario regionale Unia Ticino

 

Tra pochi giorni si celebrerà la festa del 1 maggio. In Ticino la manifestazione principale si terrà a Locarno con il ritrovo fissato a partire dalle ore 11.00 presso la stazione FFS.

leggi di più

Stavamo solo mangiando una pizza…

di Enrico Borelli

 

Hanno dell’incredibile le dichiarazioni rilasciate dai dirigenti di Philipp Plein a margine di un controllo in azienda effettuato martedì sera dall’Ufficio dell’ispettorato del lavoro. Erano passate le 23.00 e diversi dipendenti erano impegnati al lavoro.

leggi di più

La LIA va cambiata!

di Red

 

l dietrofront del Governo e del consigliere Zali rispetto alla Lia non deve sorprendere più di quel tanto. Così funziona la politica in questo Cantone, una politica urlata, sempre più emozionale e irrazionale, incapace di leggere e di interpretare quelli che sono i veri bisogni e le preoccupazioni delle persone comuni, della popolazione e dei salariati.

leggi di più

Lottare per i diritti: scioperare conviene!

di RedQ

 

 

 

 

In Svizzera ci sono più conflitti sul posto di lavoro di quanto l’ideologia dominante voglia ammettere. Alla fine degli anni ’90 assistiamo a una ripresa di queste lotte. La sola UNIA ha sostenuto tra il 2000 e il 2016 ben 112 lotte sul posto di lavoro. Il libro «Scioperi nel 21° secolo» descrive in modo esemplare una ventina di queste lotte, dallo sciopero alla Zeba di Basilea a diversi conflitti nel settore dell’edilizia, alle lotte a Swissmetal e a Novartis fino ai conflitti in Ticino, alle Officine e all’Exten. Nel libro viene in particolare discussa la dinamica di queste lotte sul posto di lavoro e definite le loro caratteristiche specifiche.

leggi di più

Politica, padronato e sindacati compiacenti conducono i salariati in un vicolo cieco

di Enrico Borelli

 

Alcune recenti decisioni che riguardano il mercato del lavoro ticinese necessitano di essere commentate perché evidenziano l’incapacità della classe politica e del Governo di leggere e capire la realtà quotidiana delle salariate e dei salariati

leggi di più

Giù le mani dall'officina!

di Red

 

Intervista a Gianni Frizzo

"Come si può pretendere dalle maestranze un’adesione a questo catastrofico progetto?"

leggi di più

Navigazione: i Pirati vanno a Berna!

di Red

 

Mancano ormai poche settimane a Pasqua e sulla nascita del Consorzio della Navigazione al momento c’è poco o nulla di concreto. I marinai ne hanno abbastanza e vogliono tornare a lavorare.

leggi di più

Sconfiggere la violenza economica per liberare la donna

di Red

 

Intervista a

Chiara Landi, sindacalista di Unia "... arrivare a uno sciopero generale..." "... tutte le attività produttive e riproduttive..."

"... senza le donne, si ferma tutto..."

 

Chiara, quando potremo dire che la donna sarà veramente libera e autonoma nelle proprie scelte?

 

Il fulcro dell’indipendenza di una donna è l’indipendenza economica, da cui discende la possibilità di godere di una serie di libertà oggi ancora negate. Senza una sicurezza finanziaria, dovuta a un lavoro precario, sottopagato o in nero, alla donna si nega il diritto all’autodeterminazione. La si priva, ad esempio, della libertà di lasciare il marito nel caso di violenza domestica. Se si vogliono ottenere dei progressi nel campo dell’uguaglianza, affrontare la violenza economica imposta alle donne dalla struttura del mondo del lavoro attuale è fondamentale.

 

leggi di più

Leuthard: la navigazione sul Lago Maggiore non è un mio problema

ForumAlternativo

 

Quasi il 50% del volume turistico ticinese si realizza nel Locarnese e la navigazione sul Verbano ne è un elemento essenziale. A due settimane dall’inizio della stagione turistica siamo però in pieno caos. Nessuno sa difatti se i battelli torneranno a solcare in le acque del Verbano e, se sì, quando.

Il Consiglio di Stato si dice preoccupato, ma sembra essere andato in letargo.

leggi di più

Officine: se questa è democrazia...

Lo sciopero delle Officine del 2008, il più importante in Svizzera dopo quello generale di 100 anni fa, ha rappresentato sicuramente, e non solo per il Ticino, un avvenimento di portata storica. Se nel 1918 la borghesia svizzera fece intervenire l’esercito contro gli

scioperanti, 10 anni fa si arrivò a un passo dall’occupazione, e quindi dal blocco della linea ferroviaria del Gottardo, ciò che avrebbe sicuramente portato a un massiccio intervento delle forze di sicurezza (e forse anche dell’esercito).


leggi di più

Serve uno scatto da parte della Sinistra e del Sindacato

di Enrico Borelli

 

Alla luce della situazione del mercato del lavoro ticinese è indispensabile che nella Sinistra e nel movimento sindacale si mantenga l’attenzione sull’esigenza di rafforzare le misure di accompagnamento.

La realtà in Ticino è drammatica ed è necessario, a livello federale, prendere compiutamente coscienza di questa situazione.

leggi di più

Se non li fermiamo subito, lavoreremo anche noi fino a 80 anni!

Massimiliano Ay, Partito Comunista

 

Il Consiglio federale perde il pelo ma non il vizio.

 

Dopo la bocciatura popolare della Previdenza 2020, il governo espressione della destra del nostro Paese torna a proporre l’aumento dell’età pensionabile delle donne a 65 anni e probabilmente pure l’innalzamento dell’IVA!

leggi di più

Navigazione sul Lago Maggiore: l'unica soluzione sarà la FART!

di ForumAlternativo

 

Quasi il 50% del volume turistico ticinese si realizza nel Locarnese e la navigazione sul Verbano, in particolare l'accesso alle Isole di Brissago, ne è un elemento essenziale. A poco meno di un mese dall'inizio della stagione turistica, si sta ora realizzando un probabile disastro, annunciato da ormai tanto tempo. 

leggi di più

DuPont Pioneer non se ne va per ragioni fiscali, Regazzi specula sulle disgrazie dei lavoratori

Sindacato Unia - Ticino

 

Unia risponde alle provocazioni del presidente di Aiti.

Il sindacato Unia Ticino sostiene il referendum contro la riforma fiscale perché difende i bisogni della maggior parte della popolazione e non gli interessi dei ricchi e la sete di profitto delle aziende.

leggi di più

"Prima i nostri": è l’UDC che ha tradito il popolo

Fabrizio Sirica, vicepresidente PS

 

“Traditori della volontà popolare”: è con questa definizione che sono stati apostrofati quei deputati e quei partiti che nell’ultima sessione di Gran Consiglio hanno bocciato la legge di applicazione di “Prima i nostri”.

leggi di più

Difendere i lavoratori. Oltre il «cretinismo parlamentare»

di Enrico Borelli

 

Come sappiamo negli ultimi 20 anni il mercato del lavoro ha subito profonde e radicali trasformazioni che ne hanno mutato le condizioni quadro.

leggi di più

Pirati del lago Maggiore: incontrano la popolazione

Martedì 27 febbraio – ore 20.00

Salone comunale Magadino

leggi di più

"Prima i Nostri": l’UDC e il ritorno all’Ottocento

di ForumAlternativo

 

Com’era prevedibile “prima i nostri” ha creato tanto rumore per finire poi affossata in quanto irricevibile giuridicamente. Ma questo, a nostro parere, non è l’aspetto più importante dell’intera vicenda.

leggi di più

Dopo il NO a Previdenza 2020 è urgente aumentare le rendite dell’AVS per tutti/e

di Graziano Pestoni

 

Questa riforma ignorava totalmente la struttura del sistema pensionistico svizzero.

Essa tentava di mettere tanti e inutili cerotti al secondo pilastro, ben sapendo che lo stesso ha difficoltà insormontabili, invece di potenziare l’AVS, un pilastro solido, efficace e particolarmente moderno, anche se è nato nel 1947!

leggi di più

Continua la lettura nella sezione Archivio Annuale