Lavoro

Ritorno alla normalità della flessibilità estrema

di Francesco Bonsaver

 

La vendita al dettaglio alimentare era uno dei pochi settori economici attivo durante la fase acuta dei contagi da coronavirus. Un periodo straordinario contrassegnato da tanto lavoro e stress psicologico per i dipendenti, ma anche dall’orgoglio di svolgere un lavoro essenziale per la comunità. Un mestiere le cui condizioni non miglioreranno, di certo non nel breve termine, con la nuova legge e il Ccl cantonale.

leggi di più

Nel mirino dell'Udc ci sono i diritti

di Claudio Carrer

 

Una crisi economica senza precedenti, esplosione della disoccupazione e del ricorso all’aiuto sociale, decine di migliaia di posti di lavoro a rischio, salari sempre più sotto pressione. Quella che sta uscendo, perlomeno ce lo auguriamo, dalla fase di pandemia è una Svizzera in grande difficoltà e tutte le previsioni ci dicono che in autunno andrà peggio.

leggi di più

Un’agenda sociale per uscire dalla crisi

di RedQ

 

Non è ancora terminata l’emergenza sanitaria causata dallo sviluppo della pandemia e già ci troviamo nel pieno di quella sociale. Questa crisi si configura come sistemica, una crisi del modello capitalista che rischia di produrre un vero e proprio collasso sociale. Le notizie che giungono dai luoghi di lavoro e dalla società sono allarmanti.

leggi di più

Lavoro e pandemia: per un punto di vista di parte

di Michela Cerimele

 

Siamo appena agli albori di una crisi economica devastante, che esige ora più che mai l’esercizio di un punto di vista di parte, dalla parte del lavoro. Il conflitto c’è ed è agito dall’alto. 

leggi di più

I tanti lati oscuri del commercio online

di Raffaella Brignoni

 

Le piattaforme dell’e-commerce vanno regolamentate. Unia vede il rischio di “uberizzazione” e chiede tutele legali e sanitarie per il personale della logistica, colonna portante del sistema.

leggi di più

Corriere del Ticino: licenziato un giornalista in malattia

syndicom Ticino e Moesano 

leggi di più

Il futuro del lavoro dopo la pandemia? Pieno di trappole da sventare

di Sergio Cararo (da “Contropiano.org”)

 

“Il futuro del lavoro? E già qui, grazie al Covid 19”. No, non siamo diventati matti nè ci trastulliamo con i paradossi. Il fatto è che con, e dentro, la pandemia di coronavirus, nel mondo del lavoro sono intervenute in pochissimo tempo delle profonde modifiche ai processi, alle strutture e ai luoghi fisici della produzione.

leggi di più

«Non è con le ricette padronali che si rilanciano economia e consumi»

di Francesco Bonsaver

 

Superata, si spera, la fase critica dell’emergenza sanitaria, l’argomento principe è la ripartenza economica. Dobbiamo andare a tutta velocità, superando ogni limite, per recuperare quanto perso, come sostiene il padronato? O dovremmo ripartire su basi differenti, orientate alla ridistribuzione della ricchezza e del lavoro, la cui tesi è sostenuta dall’economista Sergio Rossi?

leggi di più

Sergio Bologna: «È giunta l’ora di invocare il diritto di resistenza

di Roberto Ciccarelli

 

Intervista. Cinquant'anni dallo Statuto dei lavoratori, una storia del lungo Sessantotto italiano che inizia nel 1960, dura fino al 1985, e ha cambiato profondamente tutta la società. Parla lo storico del movimento operaio Sergio Bologna.

leggi di più

Tre proposte per il lavoro

il manifesto

 

Questo appello, Democratizing Work, è uscito ieri in simultanea in 25 lingue su 37 giornali internazionali, tra cui El Comercio, Boston Globe, Guardian, Gazeta Wyborcza, La Folha de São Paulo, The Wire, Cumhuriyet, Le Soir, Le Monde, Die Zeit, Publico, El Diario, Le Temps e il manifesto.

leggi di più

Le priorità devono rimanere la protezione della salute e la sicurezza del lavoro e del reddito

PIAZZA APERTA - USS-Ticino

leggi di più

Agenzie della vergogna: il Governo fermi l’ondata di licenziamenti

di ForumAlternativo

 

Malgrado nelle scorse settimane il Consiglio Federale abbia esteso il riconoscimento del lavoro ridotto tra gli altri anche alle agenzie interinali le stesse stanno procedendo in tutta la Svizzera a licenziamenti dei propri dipendenti. 

leggi di più

USAM: la guerra ai lavoratori

di ForumAlternativo

 

Freno all’aumento degli stipendi , estensione dell’orario di lavoro e della flessibilità, limitazioni delle assicurazioni sociali. Sono queste alcune delle sconcertanti proposte dell’Unione svizzera arti e mestieri per uscire dalla crisi. Le solite ricette, la solita solfa saremmo tentati di dire, le solite politiche che in questi 30 anni ci hanno reso tutti più poveri e più fragili.

leggi di più

Insieme per uscire dalla crisi!

PIAZZA APERTA - sindacato Unia

leggi di più

Oggi c’è più bisogno che mai del Primo Maggio

di Enrico Borelli

 

Non ho praticamente ricordi di un Primo Maggio trascorso lontano dalle piazze, che in questo giorno di festa diventano da 130 anni luoghi simbolo della lotta internazionale di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori. Quest’anno, lo sappiamo, sono desolatamente vuote.

leggi di più

1° MAGGIO 2020: Cambiare il mondo per salvarlo

Il primo Primo Maggio lontano dalle piazze

di Claudio Carrer

 

Quest’anno le celebrazioni si spostano sulle piattaforme virtuali. Una panoramica dei principali eventi in programma in Ticino, in Svizzera e in Italia.

leggi di più

Primo maggio senza classe ...

di Red

 

Le trasformazioni del lavoro avvenute negli ultimi anni hanno contribuito a cancellare la classe operaia così come la conoscevamo. Il postfordismo ci ha posti di fronte a una composizione sociale complessa dalla quale emerge una moltitudine di soggetti di difficile individuazione dentro e fuori il mondo del lavoro.

leggi di più

Se il lavoro si fa gig

di Franco Cavalli

 

In questo agile libretto Colin Crouch indaga la sorte dei “GIG workers”, cioè i precari, gli intermittenti del nuovo capitalismo, che tra l’altro sono stati descritti magistralmente nell’ultimo film di Ken Loach “Sorry, I missed you” proiettato all’ultimo Festival di Cannes e, in seduta speciale, all’ultimo Festival dei Diritti Umani a Lugano.

leggi di più

Dilaga il dumping in Ticino. È tempo che l'IRE tolga i paraocchi

di ForumAlternativo

 

Di pochi giorni fa la notizia che tra il 2016 e il 2018 il salario mediano è diminuito di 200 franchi. Le statistiche ci dicono che nell’economia privata è diminuito “solo” di 100 franchi, di 200 quando al settore privato si aggiunge il pubblico. 

leggi di più

Ripresa delle attività economiche: ascoltare le lavoratrici e i lavoratori

USS Ticino e Moesa

leggi di più

Inaccettabili i licenziamenti alla Mikron

Unia Ticino e Moesa

 

 

leggi di più

Un reddito di base incondizionato come via d'uscita

di Francesco Bonsaver

 

Christian Marazzi: «Per far fronte alle difficoltà di sopravvivenza e garantire i consumi dopo la crisi sanitaria s'imporrebbe una misura sociale universale». Il debito pubblico? «Servono modalità di finanziamento socialmente ed economicamente eque»

leggi di più

Lavoratori indipendenti, le bollette non aspettano Parmelin

di ForumAlternativo

 

Mercoledì scorso, ancora una volta, la promessa di Parmelin di dare una risposta pratica ai lavoratori indipendenti è andata a vuoto. Per la seconda settimana consecutiva, nulla è stato detto su come sarà applicato il diritto all’indennità di guadagno agli indipendenti promesso allo scoppio della crisi da Covid. 

leggi di più

Vacanze forzate al posto dell'indennità perdita di guadagno?

di ForumAlternativo

 

Nuovo abuso, questa volta nel settore pubblico. Alcuni enti pubblici (per ora a nostra conoscenza la Città di Bellinzona e almeno un istituto della SUPSI) stanno chiedendo, in modo perentorio o con un invito edulcorato, ai loro dipendenti di rimanere a casa in vacanza durante il periodo delle vacanze scolastiche di Pasqua.

leggi di più

Parlare oggi di riapertura è sbagliato e pericoloso

Unia Ticino e Moesa

leggi di più

Guerra di classe di stampo ottocentesco in salsa zurighese

di Red

 

Nelle scorse settimane la sezione zurighese del sindacato Unia aveva promosso una petizione all’indirizzo del Governo cantonale chiedendo l’interruzione delle attività sui cantieri. 25'000 persone hanno sottoscritto la petizione nel giro di 24 ore. 

leggi di più

Siamo ad un bivio: o la borsa o la vita

di ForumAlternativo

 

Quando sono state presentate le scellerate proposte di Avenir Suisse per contrastare la pandemia del Coronavirus, in molti hanno pensato si trattasse di un pesce di aprile di pessimo gusto. 

leggi di più

Nessuna decisione da Berna sul Ticino

di Francesco Bonsaver

 

Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia Ticino e Moesa: «Uno stallo che aggiunge incertezza a un contesto già difficile»

leggi di più

Ticino: risposte fasulle ad una crisi reale

di Franco Cavalli

 

Non c’è dubbio che il Ticino sia in crisi, salari, spesso di molto, inferiori al resto della Svizzera, disoccupazione e sottoccupazione più alta, prevalenza sempre più marcata di ogni forma di precariato: questi alcuni degli indici più significativi.

leggi di più

Prendi i soldi e scappa

di Federico Franchini

 

Venti milioni di franchi per il quadriennio 2020-2023. È il nuovo credito quadro che il Consiglio di Stato ticinese vuole destinare a sostegno delle imprese nell’ambito della Legge sull’innovazione economica (LInn). Una proposta senza dubbio interessante, già promossa in passato e che mira a promuovere l’innovazione e l’impiego in Ticino.

leggi di più

CCL vendita, cronistoria di un illusorio baratto 

di Maurizio Montesi

 

Con l’anno nuovo, migliaia di salariate e salariati in Ticino avranno delle condizioni peggiori senza nessun corrispettivo vantaggio. Sfatiamo subito una fake news: l’entrata in vigore della nuova legge cantonale sugli orari di apertura dei commerci non si riduce alla banalizzata mezz’oretta.

leggi di più

Il mio viaggio con Nanni Balestrini

di Giairo Daghini

 

Ho incontrato Nanni Balestrini agli inizi degli anni Sessanta quando con lo scritto “Linguaggio e opposizione” egli opponeva al comune linguaggio convenzionale quello magmatico del parlato fatto di ritmi inconsueti, di grovigli, di immagini spropositate come il luogo di straordinarie apparizioni di fatti e di pensieri, di nuove cose che venivano in superficie.

leggi di più

Questo salario minimo è il massimo del peggio

di ForumAlternativo

 

I livelli salariali proposti per il salario minimo legale non sono solo oggettivamente inaccettabili ma avranno pesanti conseguenze per i salariati e le famiglie di questo Cantone. 

leggi di più

Mozione al Consiglio Nazionale: i cantoni fissino salari economici

I Verdi del Ticino e ForumAlternativo

 

La deputata al Consiglio Nazionale Greta Gysin ha presentato oggi alla cancelleria di Stato una mozione volta a fare in modo che i cantoni possano adottare salari minimi al di sopra degli stringenti paletti consentiti allo stato attuale.

leggi di più

Un salario indegno

Maurizio Solari, economista

 

La Commissione della gestione del Gran Consiglio ha finalmente proposto delle cifre per l’applicazione del salario minimo in Ticino. Si tratta di “forchette salariali” per poter variare il livello del salario minimo a dipendenza del settore economico.

leggi di più

Aumentano le persone in assistenza e la politica fissa salari da fame

di Red

 

Ad un giorno dall’infausto accordo adottato in merito al salario minimo (per un commento rimandiamo al comunicato stampa diramato ieri dal Forumalternativo), sono stati resi noti i dati relativi all’assistenza sociale in Ticino. 

leggi di più

Salario minimo: indietro a tutta!

di ForumAlternativo

 

Un salario orario tra i 19 e i 19.50 franchi a partire dal 2021. Ed uno tra i 19.50 e i 20 franchi a partire dal 2023. Non sorprende ma lascia davvero l'amaro in bocca la proposta formulata oggi dalla commissione della Gestione in relazione al salario minimo.

 

leggi di più

“Rispetto per i diritti di chi lavora”. Firmiamo l’iniziativa!

L’Unione sindacale svizzera - Ticino e Moesa

 

leggi di più

Io, precaria, vivo a metà

di RedQ

 

Claudia (nome noto alla redazione) è una giovane ticinese che ci racconta quello che definisce il suo “calvario” nella realtà del precariato nel nostro cantone. Vicina alla quarantina d’anni, Claudia afferma di poter solo “vivere a metà”. 

leggi di più

Ticino, terra da record

di Beppe Savary-Borioli*

 

Dopo il primato svizzero dei salari più bassi, delle più alte percentuali di persone senza lavoro (siano esse in disoccupazione o all’assistenza), dei tassi più elevati di precarietà e povertà, del numero più alto di infrazioni contro le misure d’accompagnamento e degli innumerevoli e spesso nascosti casi di dumping salariale che colpiscono frontalieri e residenti, il Ticino può ormai vantare altri due record: si trova nel gruppo di testa dei cantoni con i premi di cassa malati più alti e del loro massimo aumento per il 2020.

leggi di più

Inchiesta Alptransit Monte Ceneri : l’operaio testimone chiave subisce minacce

Sindacato Unia Ticino e Moesa

leggi di più

Licenziamenti “selettivi”: Berna tergiversa un'altra volta e il Ticino che cosa farà?

di Beppe Savary-Borioli*

 

Al parlamento federale in questa primavera era stata inoltrata un’iniziativa cantonale molto ben documentata, ivi presentata da quattro granconsiglieri ticinesi, che chiede un complemento nel codice delle obbligazioni per poter dichiarare abusiva una disdetta da parte del datore di lavoro se è data con l’obiettivo di sostituire il dipendente licenziato con un altro lavoratore che, a pari qualifiche, viene rimunerato con un salario inferiore.

leggi di più

Mercato del lavoro in Ticino: che fare?

Degrado del lavoro, basta scuse. È ora di agire!

di ForumAlternativo

 

Sicurezza. Una parola magica, soprattutto in periodo elettorale, in certi ambienti. C’è l’insicurezza percepita, enfatizzata ad arte per creare allarmismi smentiti da dati statistici di una serie di reati in costante calo, e poi c’è la insicurezza oggettiva, quella vissuta tutti i giorni sui posti di lavoro. La sicurezza che il tuo lavoro sia pagato correttamente e le tue condizioni contrattuali siano rispettate. Rubare sul salario è un reato e come tale va punito. 

leggi di più

Rafforzare le misure di accompagnamento, altro che indebolirle

Intervista ad Enrico Borelli di Francesco Bonsaver

 

Svizzera e Ue hanno sottoscritto oltre cento accordi per regolare i loro rapporti. A due riprese, nel 1999 e 2004 sono stati sottoscritti circa 20 accordi in materie di comune interesse (tra cui i più importanti riguardano fisco, energia, prestazioni sociali, immigrazione, libera circolazione e mercato unico). 

leggi di più

Salario minimo: «Padronato, istituzioni e Ocst fanno squadra»

di Francesco Bonsaver

 

In attesa che venga attuata l’iniziativa votata nel 2015, si moltiplicano i Ccl con paghe inferiori agli importi in discussione in Parlamento. Intervista ad Enrico Borelli, segretario regionale di Unia.

leggi di più

La Santa Alleanza affonda il Ticino

ForumAlternativo

 

Uno spettro s’aggira sempre più minaccioso nel nostro Cantone, quello del dumping salariale dilagante che favorisce lo sfruttamento dei lavoratori e produce esclusione sociale. Come è noto, la nostra è la regione in Svizzera che detiene la maglia nera nelle retribuzioni dei lavoratori. Purtroppo non è l’unico record negativo del mercato del lavoro cantonale. Una situazione non accidentale ma frutto di precise responsabilità.

leggi di più

Un lavoro che crea paure e malattie

di Red

 

Le statistiche rese note negli scorse settimane e mesi fotografano un quadro desolante del mercato del lavoro e delle condizioni di impiego della salariate e dei salariati. Non sfugge a questa triste realtà l’inchiesta sulla salute pubblicata dall’Ufficio federale di statistica secondo la quale il 21% dei lavoratori soffre di stress e la metà è a rischio burnout. Sono dati oltremodo preoccupanti , in crescita rispetto all’ultima rilevazione che confermano il progressivo degrado delle condizioni di impiego nel nostro Paese.

leggi di più

Mercato del lavoro: il Ticino sia riconosciuto come un Cantone a statuto speciale

Verdi e Sinistra alternativa

 

La grave situazione di degrado e precarietà in cui versano le lavoratrici e i lavoratori in Ticino ha bisogno di essere fermata. Occorre agire urgentemente per fermare un fenomeno in costante peggioramento esigendo che il Ticino sia riconosciuto come un ‘Cantone a statuto speciale’. È con questo scopo che i Verdi e Sinistra alternativa - con i rappresentanti in Gran Consiglio de i Verdi e del Partito Comunista - presentano un’iniziativa parlamentare.

leggi di più

Stefano Artioli, un imprenditore d’altri tempi

di ForumAlternativo

 

Le considerazioni dell’imprenditore Stefano Artioli riprese ieri da alcuni portali locali (leggi) sono arroganti, irrispettose della sofferenza che vivono oggi molti salariati e disoccupati, e traducono una visione ottocentesca della realtà.

leggi di più

Mercato del lavoro ticinese: è ora di cambiare!

di ForumAlternativo

 

I dati relativi al numero di frontalieri presenti in Ticino confermano che il nostro mercato del lavoro conosce dei problemi profondi ai quali la nostra classe politica non è in grado di rispondere, sia per mancanza di capacità che per scarsa volontà di intervenire sulle condizioni quadro che ne reggono il funzionamento.

leggi di più

Un mercato del lavoro sempre più precario

di Red

 

La presentazione dei diversi dati relativi al mercato del lavoro permette di avere un fotografia nitida ed oggettiva delle gravi problematiche che investono i salariati. Purtroppo ne emerge un quadro davvero preoccupante. Dopo la statistica sui bassi salari resa pubblica a metà luglio, che conferma come in Ticino si paghino salari da fame, è il turno in questi giorni di quella relativa al fenomeno della sottoccupazione.

leggi di più

In Ticino salari sempre più bassi. E la classe politica resta a guardare

di Red

 

La scorsa settimana, l’Ufficio federale di statistica ha presentato la Rilevazione svizzera della struttura dei salari 2016. Ne emerge un quadro estremamente preoccupante per il nostro Cantone, in particolare per quel che concerne il dilagante fenomeno del dumping salariale. Persino il filogovernativo Corrierone ha dovuto titolare che “Il Ticino è una terra di bassi salari”.

leggi di più

La libertà economica di generare sempre più precari

di ForumAlternativo

 

“Con il divieto di subappalto nella nuova legge sulle commesse pubbliche in Ticino, diventa praticamente impossibile per i prestatori di personale fornire la propria manodopera per gli appalti pubblici. Ciò rappresenta una grave interferenza nella libertà economica delle imprese di lavoro temporaneo e dei loro clienti. Per questo abbiamo inoltrato ricorso al Tribunale federale” (dal comunicato del 16 luglio 2019 di Swisstaffing, associazione padronale delle agenzie interinali in Svizzera).

leggi di più

Le verità nascoste della Gucci

di Francesco Bonsaver

 

La fuga dal Ticino della Luxury Goods International, rientrata in Italia dopo la miliardaria multa fiscale e la conseguente fine dell'elusione fiscale con la fatturazione in terra elvetica di quanto prodotto in Italia, ...

leggi di più

Servono più risorse per combattere usura e caporalato

di Federico Franchini

 

Lo scorso 25 aprile, il procuratore pubblico ticinese Moreno Capella ha rinviato a giudizio due dirigenti della Elia Costruzioni Sa. Avrebbero sfruttato 18 operai, sottopagandoli e approfittando del loro stato di bisogno. Pochi giorni prima, l’emissione Falò ha svelato i soprusi che hanno colpito alcuni lavoratori attivi sul cantiere AlpTransit. Casi isolati? Si direbbe di no.

leggi di più

Salario minimo, basta prendere in giro

I Verdi del Ticino, Partito Comunista e ForumAlternativo

 

La presa di posizione di Aiti – attraverso il suo presidente Fabio Regazzi – tesa a ulteriormente ritardare l'introduzione del salario minimo legale in Ticino è semplicemente sconcertante.

leggi di più

Parità, solidarietà. Rispetto Ogni giorno. Senza muri e senza paure

USS Gruppo Donne Ticino e Moesa

 

Una delle rivendicazioni delle manifestazioni del Primo Maggio, è l’aumento del potere d’acquisto. I sindacati dell’Unione sindacale svizzera ne fanno una priorità assoluta. Di fatto i salari reali di salariati e salariate stanno stagnando da almeno due anni, mentre quelli dei manager continuano ad aumentare.

leggi di più

Alptransit del Monte ceneri: il cantiere della vergogna

di Red

 

Triste e agghiacciante. Come definire altrimenti il contenuto del servizio “Le ceneri del lavoro” andato in onda ieri sera nell’ambito di Falò.

leggi di più

"Se l'Accordo quadro verrà approvato, sarà Referendum!"

Jacopo Scarinci

 

«Da questo Accordo quadro il Ticino ne uscirebbe a pezzi. E se verrà approvato, siamo già pronti a fare referendum». Non c’è che dire, è sulle barricate Enrico Borelli, segretario di Unia Ticino.

leggi di più

Driver in piazza: ferma Amazon

di Red

 

Martedì gli autisti lombardi che operano per Amazon hanno scioperato per protestare contro le indegne condizioni di lavoro cui sono sottoposti. Un segnale importante, un segnale incoraggiante che evidenzia che non solo è necessario ma che è anche possibile battersi contro la precarizzazione delle condizioni di impiego.

leggi di più

Salario minimo: decisione scandalosa!

di ForumAlternativo

 

La decisione assunta ieri dalla Commissione della gestione di non portare in Parlamento la discussione sul salario minimo è semplicemente vergognosa e rappresenta una pugnalata alla schiena nei confronti della popolazione ticinese che nel lontano 2015 aveva votato a maggioranza l’introduzione di un salario minimo legale.

leggi di più

Specchietti per le allodole

facebook.com/unia.ticino

 

Le statistiche dell’occupazione sembrano rose e fiori, abbiamo chiesto al segretario di Unia Enrico Borelli un parere: Enrico, i posti aumentano, la disoccupazione diminuisce! Fantastico no? O almeno così dicono i dati statistici pubblicati sui media. Cosa ne pensi Enrico?

leggi di più

Un padronato ingordo

di Claudio Carrer

 

Orari di lavoro senza limiti e fuori controllo. È questo l’obiettivo che le forze politiche borghesi e il padronato vorrebbero realizzare attraverso una duplice revisione della Legge sul lavoro in discussione a livello parlamentare e che si potrebbe concretizzare nei prossimi mesi.

leggi di più

Il miracolo poggia sul dumping

di Francesco Bonsaver

 

Dalla “prodigiosa” creazione d’impieghi in Ticino la popolazione residente è rimasta esclusa per colpa dei bassi stipendi imposti dal padronato. Il “miracolo” economico ticinese poggia su bassi salari, precariato e sostituzione della manodopera residente.

leggi di più

Con 3'000 franchi al mese si fa dumping di Stato

di ForumAlternativo

 

Un salario tra i 19 e i 19.50 franchi l’ora, è questa la soglia indicata dalla maggioranza dei partiti di Governo. Come era ampiamente prevedibile il dibattito sul salario minimo sta prendendo decisamente una brutta piega. La proposta attualmente in discussione...

leggi di più

Officine: intervista a Gianni Frizzo

di Red

 

Per finire dopo la città di Bellinzona , anche il Parlamento cantonale ha votato il credito per le nuove "officine". Città di Bellinzona, Governo e Parlamento cantonale che hanno voltato le spalle ai lavoratori e, sia detto senza troppo giri di parole, tristemente calato le braghe di fronte agli interessi delle FFS.

leggi di più

Dare un senso a ciò che facciamo

di Graziano Pestoni

 

Una volta si lavorava troppo. Anche 11 o 12 ore al giorno. Sei giorni su sette. Anche i bambini dovevano lavorare. Poi, progressivamente, il tempo di lavoro si è ridotto, anche se resta spesso molto elevato.

 

leggi di più

Edilizia, vince la forza collettiva dei lavoratori

di Francesco Bonsaver

 

Settimana scorsa è arrivata la nota stampa congiunta: c’è l’accordo fra padronato e sindacati sul rinnovo contrattuale nazionale dell’edilizia. Le mobilitazioni (imponenti) d’autunno sono state decisive.

leggi di più

Le trattative proseguono

sindacati Unia e Syna

 

Trattative sul Contratto nazionale mantello, l’aumento salariale e il pensionamento anticipato nell’Edilizia. I sindacati Unia e Syna e la Società svizzera degli impresari costruttori (SSIC) non sono riusciti a raggiungere un’intesa nel loro incontro di ieri a Olten. Una prossima tornata contrattuale è prevista per il 3 dicembre.

leggi di più

Verso lo sciopero nazionale delle donne

di RedQ

 

Il 22 settembre 2018 oltre 20’000 persone sono sfilate per le strade di Berna per la grande manifestazione a difesa della parità salariale e per i diritti delle donne.

leggi di più

Quei costi insostenibili

di Generoso Chiaradonna

 

Sindacati e forze di sinistra in piazza contro il peso dei premi di cassa malati. È il tema che più preoccupa i cittadini. Le manifestazioni si terranno in tutta la Svizzera questo sabato. L ’appuntamento ticinese è a Bellinzona. Ne parliamo con Enrico Borelli, segretario cantonale del sindacato Unia.

leggi di più

SÌ, RIVOLUZIONE! In viaggio cento anni dopo lo sciopero nazionale

di Flavio Stroppini

 

Cento anni dopo cosa ricorda la gente? Siamo partiti da questa domanda, io e Monica De Benedictis, quando la regista Liliana Heimberg ci ha invitati a rappresentare il Cantone Ticino all’interno dello spettacolo 1918.ch.

leggi di più

Impresari costruttori pronti a riconsiderare le proprie richieste estreme

sindacati Unia e Syna

 

18esima tornata di trattative CNM. Dopo le giornate di protesta condotte dai lavoratori edili, la delegazione negoziale degli impresari costruttori ha compreso che non sarebbe riuscita ad imporre le proprie posizioni radicali contro l’opposizione degli edili.

 

 

leggi di più

100º anniversario dello sciopero generale 1918

 

Sabato 10 novembre 2018 dalle 14 alle 17, nella vecchia officina principale delle FFS a Olten - Gösgerstrasse 40 – 60, avrà luogo l'evento centrale delle commemorazioni del centenario dello sciopero generale.

 

leggi di più

L’edilizia si ferma: Oltre 4000 edili bloccano il ponte della stazione di Zurigo

sindacati Unia e Syna

 

Ieri la protesta degli edili ha raggiunto un primo apice. Oltre 4000 edili hanno organizzato la loro pausa pranzo sul Bahnhofbrücke, il ponte della stazione di Zurigo. Nelle scorse settimane gli edili di tutta la Svizzera sono scesi in piazza per difendere il loro pensionamento a 60 anni e il loro contratto collettivo di lavoro.

leggi di più

Edilizia: la marcia di protesta arriva a Zurigo

di Red

 

Continuano le mobilitazioni dei lavoratori edili contro gli imprenditori sordi ad ogni rivendicazione. Se al tavolo delle trattative gli imprenditori si presenteranno con la stessa arroganza degli ultimi mesi si andrà verso lo sciopero nazionale.

leggi di più

Di scioperi, mobilitazioni e tensioni sociali

di Red

 

A pochi giorni dalle commemorazioni ufficiali dello sciopero generale del 1918, che si terranno sabato prossimo ad Olten vi proponiamo il dibattito andato in onda ieri su rsi nell’ambito della trasmisisone Modem.

 

leggi di più

L’edilizia si ferma: oltre 4000 lavoratori edili protestano a Losanna

 sindacati Unia e Syna

 

Oggi e domani, i lavoratori edili vodesi incrociano le braccia. Oltre 4000 edili si sono riuniti oggi a Losanna, lanciando un forte segnale contro i massicci attacchi sferrati dagli impresari costruttori al Contratto nazionale mantello (CNM) e al pensionamento a 60 anni.

leggi di più

L’edilizia è ferma: 700 lavoratori edili incrociano le braccia nel cantiere della stazione di Berna

sindacati Unia e Syna

 

Dopo le azioni di protesta in Ticino e nella Svizzera romanda, è oggi la volta della Svizzera tedesca. 700 lavoratori edili provenienti da tutto il Canton Berna si radunano nel cantiere centrale della stazione di Berna.

 

leggi di più

L’edilizia si ferma: più di 1500 edili protestano nella Svizzera romanda

sindacati Unia e Syna

 

La protesta degli edili prosegue. Dopo le agitazioni in Ticino e a Ginevra, oggi più di 1500 edili sono scesi in piazza in vari Cantoni della Svizzera romanda. Hanno incrociato le braccia per difendere il loro pensionamento a 60 anni e per lottare per il loro contratto collettivo di lavoro.

leggi di più

Si rafforza l’opposizione nei confronti delle agenzie interinali

di Red

 

Dall’inizio degli anni 2000 ad oggi non si è arrestata la crescita del lavoro interinale in Ticino. Le persone assunte con contratto interinale sono oggi quasi 12'000, le società di lavoro interinale sono più che triplicate, così come il numero delle ore di lavoro generate dagli interinali.

leggi di più

La Camera di commercio fuori dalla realtà e incapace di leggere la sofferenza della popolazione

di ForumAlternativo

 

L’assemblea annuale della Camera di commercio tenutasi negli scorsi giorni offre interessanti spunti di riflessione. In particolare l’intervento del suo presidente, l’imprenditore Glauco Martinetti, che come riportato dai media, ha introdotto il suo discorso ricordando "i valori tipicamente svizzeri...

leggi di più

Le lotte nell'edilizia sono la locomotiva per i diritti di tutti i lavoratori

di Red

 

Lo scorso lunedì 15 ottobre si è svolto una giornata di mobilitazione cantonale nel ramo edile nell’ambito del rinnovo contrattuale nazionale. La risposta dei muratori è stata imponente, con quasi 3'500 partecipanti al corteo di Bellinzona.

Ne parliamo con Enrico Borelli, segretario di Unia Ticino.

leggi di più

Le proteste degli edili a Ginevra proseguono

sindacati Unia, Syna e SIT

 

I 2500 lavoratori edili che ieri sono scesi in piazza a Ginevra per difendere il loro contratto e il loro pensionamento a 60 anni hanno deciso di proseguire la loro protesta almeno fino a oggi, mercoledì 17 ottobre.

leggi di più

La giornata di mobilitazione dei lavoratori edili!

 

I cantieri si chiudono uno dopo l’altro in tutto il Ticino, i lavoratori convergono a Bellinzona dove alle 11 si terrà la grande Assemblea Generale degli edili. In difesa del CNM e del prepensionamento, tutti a Bellinzona.

Segui la diretta su https://www.facebook.com/forumalternativoticino/

leggi di più

Mobilitazione del settore edile!

 

Un decennio di successi. Un decennio di volumi di lavoro record. Ma un’esplosione senza fine di pretese nei confronti dei lavoratori che vedono il loro potere d’acquisto diminuire, le ore di lavoro aumentare, lo stress sui cantieri crescere a dismisura.

leggi di più

La Società Svizzera degli impresari costruttori vuole smantellare il CNM

sindacati Unia e Syna

 

Giornate lavorative di 12 ore e soppressione dei salari minimi per le imprese straniere: la pazienza degli edili è finita! Si preannuncia un autunno caldo sui cantieri.

leggi di più

Solidali con gli edili. Tutti allo sciopero

di ForumAlternativo

 

Non resta che l’arma dello sciopero agli edili in lotta per il rinnovo del loro Contratto collettivo. Ben 17 tornate di trattative non sono servite a far ritirare al Padronato le proposte, che se fossero accettate svuoterebbero il più importante Contratto collettivo nazionale di qualsiasi significato.

leggi di più

Provazioni e diktat padronali

di Red

 

A pochi giorni dallo sciopero indetto dagli edili il prossimo 15 ottobre a Bellinzona pubblichiamo il contributo di Dario Cadenazzi, responsabile di Unia Ticino per il settore dell'edilizia, che risponde ad una presa di posizione del direttore cantonale degli impresari che auspica la flessibilizzazione delle condizioni d'impiego.

leggi di più

La pazienza è finita!

sindacati Unia e Syna

 

Malgrado che i sindacati Unia e Syna abbiano continuato a segnalare la propria disponibilità ad una soluzione di compromesso in occasione del 15esima tornata di trattative del Contratto nazionale mantello nel settore dell’edilizia principale (CNM) tenutasi ieri, gli impresari costruttori restano inflessibili con le proprie eccessive richieste.

leggi di più

CCL vendita: un contratto che sdogana il dumping e che preclude l’occupazione ai residenti

di Red

 

È grazie ad operazioni di questo tipo, rese possibili da sindacati che hanno abdicato rispetto ai loro compiti, che continua a crescere il divario salariale tra il Ticino e le altre regioni del Paese.

leggi di più

Chiasso stoppa le agenzie interinali. Un passo nella giusta direzione

di Red

 

Il Municipio di Chiasso ha accolto negli scorsi giorni una mozione presentata da 4 consiglieri comunali che chiedeva di vietare l’impiego di interinali nell’ambito degli appalti pubblici comunali.

leggi di più

Consiglio Federale ed élites politiche sempre più contro gli interessi del Ticino. Cassis e Schneider Ammann a casa!

di Red

 

Tira decisamente una brutta aria per le salariate ed i salariati di questo Paese. A Berna la classe politica non è intenzionata a concretizzare decisioni e soluzioni che permetterebbero di frenare le derive di un mercato del lavoro oramai fuori controllo.

leggi di più

Salario minimo, una questione di dignità e di prospettive

di Maurizio Montesi

 

Il governo ticinese, privo di coraggio e genuflesso sugli interessi padronali, ha perso un’occasione importante per ristabilire le condizioni minime di retribuzione salariale nel disastrato mondo del lavoro cantonale.

leggi di più

Mercato del lavoro, se il Comune dà il cattivo esempio

Daniele Cavalli CC di Losone (Lista della Sinistra)

 

 

In questi anni abbiamo sentito crescere la preoccupazione di tutti i cittadini per la situazione del nostro mercato del lavoro.

 

leggi di più

Il castello di carta della Fashion Valley Ticino

di Nestor Buratti

 

Nome del progetto: Prometheus. Obiettivo: “ridefinire l’ingegneria” del montaggio finanziario attorno alla società Luxury Good International (LGI), filiale di Cadempino di Kering, la multinazionale francese che controlla marchi come Gucci o Bottega Veneta.

leggi di più

Istituzione di un tavolo di discussione sul mercato del lavoro

USS Ticino e Moesa

 

Onorevole Consigliere di Stato,

l’Unione Sindacale Svizzera sezione Ticino e Moesa (USS-Ti), alla luce della situazione sempre più problematica che investe il nostro mercato del lavoro, purtroppo oggetto di un preoccupante processo di destrutturazione, chiede l’istituzione di un tavolo di discussione.

leggi di più

È urgente un tavolo di discussione sul mercato del lavoro!

di Red

 

Non siamo soliti pubblicare atti parlamentari. In questo caso, anche alla luce della valenza del tema toccato, che investe un mercato del lavoro sempre più in sofferenza facciamo un’eccezione.

leggi di più

Continua la lettura nella sezione Archivio Annuale