Piazza Aperta

No a un indebolimento delle entrate fiscali

Jessica Bottinelli, Verdi del Tcino

 

Che ci sia un gran bisogno di vacanze è un fatto incontestabile. Lo dimostrano specialmente le ultime uscite del ministro dell’economia Christian Vitta che addirittura glissa sul tavolo la proposta di un abbassamento del moltiplicatore d’imposta cantonale.

leggi di più

Aumento dei costi della salute: non è colpa dei cittadini!

Graziano Pestoni, Presidente USS-Ticino e Moesa

 

I premi delle casse malati hanno ormai raggiunto limiti spesso insopportabili per buona parte delle famiglie.

leggi di più

Glifosato: vietiamolo anche in Ticino!

Verdi del Ticino

 

Il Canton Vaud si è adoperato per vietare l'utilizzo del pericoloso diserbante sui propri terreni entro il 2022.

leggi di più

Svizzera ricca grazie al dolore altrui

Marco Trevisani - Lugano

 

 

 

Che la Confederazione elvetica abbia l'anima della prostituta è cosa nota da decenni.

leggi di più

IL MOLINO NON SI TOCCA! A difesa degli spazi liberati

di C.S.().A il Molino

 

Non c’è cuore che lo Stato possa reprimere. I sogni corrodono la sua ragione con l’acido. (Joseph Andras, Dei nostri fratelli feriti). Non ci ha per niente sorpresx. Anzi.

leggi di più

Aquarius: e dopo tutto lecito?

di Jessica Bottinelli Verdi del Ticino

 

Da quando l’Italia ha chiuso i porti ad Aquarius il web si è scatenato in uno dei peggiori teatrini che vede buonisti e spalancatori di frontiere opporsi a destroidi radicali. Prendeteveli in casa vostra!

leggi di più

Il servizio civile diminuisce gli effettivi dell’esercito? Fake news del Governo!

Sindacato SISA

 

Abbiamo preso conoscenza con sconcerto delle recenti misure proposte dal Consiglio Federale con l’esplicito obiettivo di “ridurre in modo consistente il numero delle ammissioni al servizio civile”.

leggi di più

Convocare in procura dei consiglieri comunali è un atto intimidatorio!

Partito Comunista - Ticino

 

I consiglieri comunali Demis Fumasoli, Jacques Ducry e Simona Buri convocati in Procura per aver posto delle domande al Municipio!

leggi di più

Ticino Cantone di serie B

Verdi del Ticino

 

Il Ticino non fa parte della Svizzera e nemmeno dei Cantoni di frontiera, almeno per quel che riguarda il Contratto Collettivo di Lavoro (CCL) per i dipendenti delle stazioni di servizio, reso a febbraio di obbligatorietà generale per tutta la Svizzera, tranne per il Ticino.

leggi di più

Nazionalizziamo la posta

Alberto Togni Partito Comunista

 

Le irregolarità riscontrate nella contabilità della filiale AutoPostale, venute alla luce lo scorso febbraio, hanno mietuto le prime vittime. La direttrice Susanne Ruoff prima e il resto della direzione poi, sono stati silurati con effetto immediato dal Consiglio d’amministrazione della Posta.

leggi di più

Le menzogne delle FFS

Marco Noi Verdi del Ticino

 

Nell’approfondimento de Il Quotidiano del 5.06.2018, il Presidente del Consiglio di Stato Claudio Zali ha affermato che l’unico motivo per il quale le Officine FFS di Bellinzona debbano essere spostate altrove è di carattere puramente tecnico e non per speculazione, come sostenuto dai Verdi.

leggi di più

Caro Cassis, non si aiuta il Ticino indebolendo le misure di accompagnamento

USS - Ticino e Moesa

 

La stampa ha riportato in questi giorni le dichiarazioni di Ignazio Cassis in merito al dumping salariale e ai negoziati con l’Unione Europea.

leggi di più

I Verdi ballano soli

Verdi del Ticino

 

 

 

Il comitato cantonale dei Verdi del Ticino ha deciso nelle scorse settimane che il movimento correrà in solitaria sia per il Consiglio di Stato che per il Gran Consiglio alle prossime elezioni cantonali del 2019.

leggi di più

Quando un figlio vale quanto un trasloco

Jessica Bottinelli Verdi del Ticino

 

I Verdi del Ticino si schierano in favore di un congedo paternità di 4 settimane ritenendo inadeguate e poco pertinenti le giustificazioni di un Consiglio Federale ormai pensionabile (58 anni di media) e lontano anagraficamente, e con lo spirito, ai reali bisogni delle giovani famiglie.

leggi di più

Un nuovo indegno ricatto

UNIONE SINDACALE SVIZZERA-TICINO E MOESA

 

Il Consiglio degli Stati ha deciso di concedere nuovi sgravi fiscali per le imprese. Come sempre, in questi casi, i fautori degli sgravi hanno fatto appello a situazioni drammatiche. I detentori di grandi patrimoni o di redditi milionari lascerebbero il nostro Paese.

leggi di più

Per una moneta a prova di crisi e al servizio dell’economia reale

Matteo Buzzi Verdi del Ticino

 

La votazione del 10 giugno sull’iniziativa "Moneta Intera" tocca uno dei temi tra i più complessi che i cittadini svizzeri abbiano dovuto affrontare in una votazione popolare.

leggi di più

Officine FFS – Un’operazione a carattere speculativo

Ronnie David I Verdi del Ticino

 

Denunciamo una propaganda poco trasparente a favore del trasferimento delle Officine a Castione. Al netto delle chiacchiere non rimane che una forte diminuzione dei posti di lavoro, speculazione edilizia, cementificazione e ulteriore traffico in Città e a Castione.

leggi di più

Assicurazioni sociali come ai tempi di Gotthelf

GISO Svizzera

 

Nell'assemblea dei delegati della GISO Svizzera è stata appprovata una presa di posizione sul tema delle assicurazioni sociali, nella quale viene rivendicato tra l’altro un congedo parentale di due anni, premi di cassa malati in base al reddito e l’introduzione di un’assicurazione di base incondizionata.

leggi di più

Un’offensiva per la parità salariale

Sindacato Unia Ticino e Moesa

 

I delegati di Unia Ticino chiamano a una grande mobilitazione Il sindacato Unia Ticino s’impegna a contribuire con il massimo degli sforzi a una mobilitazione di massa per la parità e contro la discriminazione salariale in Svizzera.

leggi di più

No al controllo d'identità!

GIOVENTU BIANCOBLU

 

Dopo i recenti ricatti di Norman “uhuhuh” Gobbi per imporre il controllo del documento negli stadi e nelle piste di hockey del cantone, vogliamo cercare di chiarire alcuni punti e prendere posizione contro gli ennesimi deliri sbirreschi del capo del dipartimento delle istituzioni.

leggi di più

Il solito film con la solita trama : chi critica la politica di Israele viene subito etichettato come antisemita

Roberto Lotz

 

Non fa eccezione da questo rituale l’articolo (Corriere del Ticino) con il titolo “L’antisemitismo larvato“ a firma di A. Von Wyttenbach.

leggi di più

Religione a scuola: basta compromessi al ribasso con la Curia!

Sindacato SISA

 

Ha luogo oggi il dibattito in Gran Consiglio riguardo al futuro dell’insegnamento religioso a scuola. Il modello proposto e che verrà molto probabilmente accettato prevede un insegnamento religioso di tipo confessionale facoltativo nei primi tre anni della scuola media e un insegnamento obbligatorio di storia delle religioni nel quarto e ultimo anno.

leggi di più

Chi beneficia di sgravi fiscali non deve delocalizzare!

 Partito Comunista - Ticino

 

Lo avevamo preannunciato al momento dell'accettazione (per meno di 200 voti di scarto) della iniqua riforma fiscale il 29 aprile, e ora concretizziamo... Ci sono aziende che usufruiscono dei privilegi fiscali previsti dalla Legge sull’Innovazione economica e poi - dopo averne bellamente approfittato sulle spalle dei cittadini - delocalizzano verso altri lidi, magari dove possono sfruttare manodopera a basso costo.

leggi di più

Il metodo del ricatto per imporre sgravi fiscali fa scuola a livello federale

Sindacato Unia Ticino e Moesa

 

Come era prevedibile, il “metodo ticinese” per imporre regali fiscali ai ricchi che lo scorso 29 aprile ha consentito al governo e alla maggioranza delle forze politiche di vincere (seppur di misura) la votazione sulla controversa revisione della legge tributaria, sta facendo scuola anche a livello federale.

leggi di più

Lettera aperta all’on. Ignazio Cassis

di Nora Bardelli Dottoranda al Refugee Studies Centre, University of Oxford

 

La presa di posizione del Ministro degli Esteri riguardo all’UNRWA e ai rifugiati palestinesi al rientro dal suo viaggio in Giordania appare estremamente problematica per vari motivi.

leggi di più

Parco Nazionale del Locarnese: un’occasione unica per le nostre valli

I Verdi del Ticino

 

I Verdi del Ticino ritengono il parco nazionale un’occasione unica per rivitalizzare l’economia delle regioni periferiche del locarnese, in una forma sostenibile e rispettosa dell’ambiente con un progetto equilibrato.

leggi di più

La scuola delle (in)competenze

Massimiliano Ay Partito Comunista

 

Sul Corriere della Sera del 17 aprile 2018 si poteva leggere un articolo intitolato: “Scuola, l’America fa dietrofront: più conoscenze, meno competenze” che riprendeva i dati emersi in un articolo intitolato “Why american students haven’t gotten better at reading in 20 years” pubblicato su “The Atlantic” il 13 aprile 2018. I due testi sono eloquenti, visto che nel piano di studi del nostro Cantone l’approccio per competenze assume una certa rilevanza.

leggi di più

Anche a noi sta a cuore l’Ospedale del Cuore!

Piattaforma Salute

 

Il dibattito attorno al futuro del Cardiocentro Ticino (CCT) ci sembra fuorviante e condotto in modo un po’ irrazionale, fazioso e confuso. La realtà dei fatti può essere invece riassunta in modo cristallino. Il “nuovo” Cardiocentro sarà più forte, pubblico e autonomo. L’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) non è quel Cerbero che vuol divorare il Cardiocentro. E infine: “pacta servanda sunt”.

leggi di più

Pigioni abusive: Sì al formulario!

Alberto Togni Partito Comunista

 

Con il cambio di inquilino si presenta l’occasione perfetta per aumentare la pigione senza un valido motivo. Per evitare il verificarsi di abusi, l’Associazione Svizzera Inquilini ha recentemente lanciato l’iniziativa cantonale “No alle pigioni abusive, Sì alla trasparenza!”, per l’introduzione del formulario ufficiale ad inizio locazione.

leggi di più

Un risultato viziato dalla propaganda ingannevole

Sindacato Unia

 

Esprimiamo il nostro rammarico per il risultato negativo dell’odierna votazione sulla revisione della legge tributaria cantonale, che favorirà i milionari e le grosse imprese e farà venire a mancare 52,5 milioni di franchi alle casse dello Stato.

leggi di più

La Riforma fiscale e l'esca della socialità

Ivo Dürisch Partito Socialista

 

“Come i pesci abboccano attirati dall’esca, allo stesso modo, gli uomini non rimarrebbero intrappolati se non si facesse balenare loro la speranza di mordere qualcosa”. Quest'osservazione di Petronio illustra bene le intenzioni dei promotori della Riforma fiscale quando le hanno aggiunto delle misure sociali.

leggi di più

“Benvenuta impresa” a livello cantonale

Cristina Zanini Verdi del Ticino

 

Chi non ricorda gli strabilianti effetti dell’iniziativa? “Benvenuta impresa” organizzata a Chiasso? Lunghe file di imprenditori o aspiranti tali, attratti da condizioni fiscali vantaggiose del Ticino, che facevano la coda davanti alla sala dove era organizzato l’evento informativo.

leggi di più

Lugano come Lucerna

Nicola Schoenenberger Verdi del Ticino

 

Si direbbe che le tasse pagate dai cittadini non servano più a finanziare servizi, ma a mantenere sul territorio una moltitudine di aziende che consumano risorse senza creare vero benessere in cambio.

leggi di più

Riforma fiscale: fermiamo il circolo vizioso

Daniela Falconi GISO 

 

Lo scorso 18 settembre, il Consiglio di Stato ha presentato la Riforma fiscale. Si tratta di una serie di sgravi fiscali volti sia ai cittadini estremamente abbienti che alle grandi aziende, tralasciando quindi quelle piccole medie imprese che non ne trarrebbero alcun vantaggio.

leggi di più

LA FACCIA COME IL CULO!

di Mattia Corti

 

Sono sconcertato.

Non ho altre parole per definire la strumentalizzazione dell'informazione che in queste settimane ha tenuto banco a proposito della riforma fiscale.

leggi di più

No ad una riforma fiscale dannosa

Fabrizio Sirica Partito Socialista

 

Il prossimo 29 aprile saremo chiamati a votare su alcune modifiche della legge tributaria, la cosidetta riforma fiscale. Una riforma che noi referendisti contestiamo soprattutto per quanto riguarda due delle undici misure.

leggi di più

Riforma fiscale: un “patto sociale” vecchio di 20 anni

Alberto Benzoni Verdi del Ticino

 

Si tratta di un grande risultato perché per la prima volta alle misure fiscali sono state unite “misure sociali”: così i sostenitori della Riforma Fiscale in votazione il 29 aprile giustificano 52,5 milioni di sgravi ai milionari e alle grandi imprese.

leggi di più

Sgravi fiscali: l’ossessione della concorrenza

Ivo Durisch Partito Socialista

 

Gli sgravi fiscali su cui si voterà il 29 aprile comportano un costo di almeno 52 milioni. Diciamo almeno perché il Messaggio del Governo, oltre a non quantificare tre misure, considera neutra la misura che riduce del 90% la tassazione del capitale in partecipazioni: un’agevolazione a vantaggio esclusivo delle Holding.

leggi di più

La giustizia fiscale messa al bando

Massimiliano Ay Partito Comunista

 

Nella discussione avuta all’interna del Partito Comunista in merito alla riforma cantonale fiscale e sociale abbiamo analizzato la questione in modo ampio. Non vi sono stati dubbi sul fatto che il referendum andasse lanciato, ma abbiamo seriamente provato anche a vedere nella proposta approvata dal parlamento gli aspetti tendenzialmente positivi.

leggi di più

Non cediamo ai ricatti del Governo

Claudia Crivelli Barella Verdi del Ticino 

 

I ricatti al giorno d’oggi vengono chiamati dal Governo ticinese “riforme fiscali equilibrate”. In realtà di un vero e proprio ricatto si tratta: accettare gli sgravi fiscali ai milionari che, poverini, pagano già troppe tasse e potrebbero andarsene se non li sgraviamo ancora di più, e ricevere in contropartita alcune minime misure sociali.

leggi di più

Disoccupazione post-apprendistato: basta minimizzare il problema!

Sindacato SISA

 

Abbiamo preso atto con grande preoccupazione dei dati emersi dallo studio recentemente condotto dall’Ufficio federale di statistica (UST) concernente l’integrazione nel mercato del lavoro dei titolari di un diploma di formazione professionale. Dopo gli sconcertanti dati dello scorso febbraio circa la situazione dei giovani in assistenza, il risultato di quest’ultima indagine mostra infatti una nuova faccia della grave crisi sociale e occupazionale cui sono confrontati molti giovani ticinesi.

leggi di più

No ad una riforma fiscale a senso unico

Unione Sindacale Svizzera

 

L’Unione sindacale svizzera, sezione Ticino e Moesa (USS-Ti), ribadisce il proprio NO alla riforma fiscale in votazione il 29 aprile. La proposta del Governo ticinese favorisce ancora una volta i grandi patrimoni mentre la maggioranza della popolazione non solo non avrà alcun beneficio dalla riforma ma ne pagherà le conseguenze.

leggi di più

Chi mente sapendo di mentire!

Jessica Bottinelli Verdi del Ticino

 

Presto saremo chiamati alle urne per esprimerci sulla proposta di Riforma Fiscale che intende premiare a pioggia, indistintamente da qualsivoglia criterio qualitativo le aziende del nostro cantone.

leggi di più

Riforma fiscale, facciamo chiarezza

Giangio Gargantini Unia

 

L’economia ticinese va alla grande: stando ad uno studio dell’Istituo Bak Economics – presentato dalla Camera di commercio – fra il 2005 e il 2016 il PIL è cresciuto di ben il 25%, più che nel resto della Svizzera, negli USA e in Europa. Anche l’occupazione è cresciuta in maniera sostenuta: quasi il 24%. Insomma, a sentire questi «esperti», stiamo tutti una meraviglia.

leggi di più

La riforma tributaria e la logica del baratto

Anna Biscossa Partito Socialista

 

Credo sia ragionevole per tutti affermare con convinzione che, in una democrazia diretta come la nostra, sia un sacrosanto diritto delle cittadine e dei cittadini potersi esprimere, in votazione popolare, su un unico oggetto per volta, chiaro e ben definito.

leggi di più

Si vota solo sulla riforma fiscale

Barbara Di Marco Partito Socialista

 

Sgravare i ricchi e le grandi aziende di 52,5 milioni di franchi d’imposte, senza sapere come compensare le perdite in un momento storico in cui il Ticino ha il 31,4 % di persone a rischio povertà e un tasso di povertà del 17,3%? Regali fiscali al 4% della popolazione mentre il resto è in difficoltà? No!

leggi di più

Si vota solo sugli sgravi fiscali, punto!

Michela Delcò Petralli Verdi del Ticino

 

In tutto il paese, e nel mondo, continua la corsa al ribasso degli oneri fiscali per i grandi patrimoni e le grandi aziende, accrescendo lo scarto tra ricchi e poveri. Anche il Ticino non sfugge a questa logica.

leggi di più

SÌ all’iniziativa “Moneta intera”

Enrico Geiler, Iniziativista

 

Per capire l’iniziativa “Moneta intera”, che andrà in votazione il prossimo 10 giugno, è necessario capire come funziona il sistema monetario. Dapprima fate tutti un piccolo esperimento: prendete in mano una moneta, una banconota e una carta di credito e leggete cosa ci sta scritto.

leggi di più

Sgravi fiscali e piccole medie imprese

Ivana Zeier, Verdi del Ticino

 

In Ticino tra il 2008 ed il 2015 il numero di imprese attive è passato da 20’000 a 38’000. Le micro aziende, quelle con meno di 10 lavoratori, rappresentano circa il 90% del totale, quelle di piccole dimensioni, da 10 a 50 persone occupate, sono circa l’8%, quelle di medie dimensioni da 50 a 250 addetti a tempo pieno poco meno del 2% e le grandi aziende con più di 250 dipendenti sono molto poche.

leggi di più

STATO DI DIRITTO: STATO DI GUERRA

CS()A Il Molino

 

ZAD Notre Dame des Landes: contro l’aeroporto e il suo mondo, la lotta continua!  Mentre Macron preparava i sorrisi di circostanza per il boia saudita Salman Saud, ricevuto ieri (8 aprile) a Parigi, nello stesso momento la gendarmerie del galoppino...

leggi di più

Riforma fiscale: NO ai ricatti!

Mixaris Gerosa Unia Ticino

 

C'è un'enorme differenza fra un compromesso che accontenta tutte le parti e un ricatto politico, soprattutto su un tema cosi delicato, come quello dell'aiuto sociale alle famiglie. Il 29 aprile in realtà siamo chiamati a votare su alcune modifiche della legge tributaria. Modifiche che ritengo del tutto inaccettabili, perché vanno a favorire unicamente le grandi imprese e i milionari.

leggi di più

Un convinto No alla riforma fiscale

Simona Buri PS Lugano

 

Sempre meno cittadini vanno a votare, ma nessuno si è mai chiesto il perché. Chi non è politico e non lavora direttamente su certi dossier ha diritto di essere informato, di poter ponderare la sua scelta sulla base di dati oggettivi ma valutati secondo la sua sensibilità e i suoi principi.

leggi di più

Veri sgravi e ipotetiche misure sociali!

Cicero Vincenzo UNIA

 

52,5 milioni di sgravi alle grandi imprese e ai milionari in cambio di misere e non ben definite misure sociali, per le quali né il cantone né le aziende verseranno un franco in più rispetto ad oggi: questo ci propongono il Consiglio di Stato e i sostenitori della Riforma fiscale in votazione il 29 aprile.

leggi di più

Gli sgravi a scatola chiusa

Dario Duranti Verdi del Ticino

 

Bisogna sgravare le imprese che portano un vero valore aggiunto per la popolazione e il territorio, aziende che reinvestono i loro utili in azienda, che assumono personale in disoccupazione o in invalidità sgravando...

leggi di più

La riforma: una scelta più grande

Angelo Mordasini Membro GISO 

 

Ah, la riforma fiscale. Per molti diventata semplicemente una contrapposizione tra due proposte, in cui la decisione importante non è tanto se approvare o meno una delle proposte, ma se si è disposti ad accettare la controparte.

leggi di più

In Ticino non esiste un problema di violenza negli stadi

Curva Nord FC Lugano

 

Nel merito delle recenti farneticazioni del Direttore del Dipartimento delle Istituzioni, abbiamo deciso di prendere posizione. Nello specifico rimaniamo basiti nel costatare che il nostro caro Ministro...

leggi di più

Di chi perde il controllo

GBB * Curva SUD

 

Felici e liberati dalla fondamentale vittoria in una Valascia in festa, brindiamo alla fine di questo campionato. Una stagione per noi assai movimentata, fatta di ripetuti momenti di tensione e di parecchie nuove diffide. Anche a livello di relazioni con la società HCAP, annata sicuramente non facile.

leggi di più

Riforma fiscale: la parità svenduta

Caterina Pedrini Verdi del Ticino 

 

Cosa c’entrano sgravi per 52,5 milioni di franchi ai milionari e alle grandi aziende con la parità? Niente, assolutamente niente. Ma c’è chi vuol farci credere che saranno beneficiare di questa ennesimo regalo concesso a chi non ne ha bisogno.

leggi di più

Se passa la riforma alle famiglie aumenteranno le tasse

José del Romano Partito Socialista

 

Nascondere le votazioni dietro slogan nebulosi e menzogneri ormai è diventato una regola: l’ultimo esempio è la “No Billag”, in realtà si trattava di “No SSR”. Anche per il 29 aprile vige questa regola: si sente parlare di asili nido e ghigliottine, quando invece si va a votare su 7 articoli di legge riguardanti esclusivamente la tassazione.

leggi di più

Riforma fiscale? Parità e conciliazione lavoro-famiglia in ostaggio

Simona Arigoni Verdi del Ticino

 

A 37 anni dall’introduzione nella Costituzione dell’articolo sulla parità, nessuno dovrebbe più usare la parità e le misure di conciliazione lavoro-famiglia come ostaggi per ottenere 52,5 milioni di sgravi per i milionari e le grandi imprese.

leggi di più

Votiamo NO a nuovi regali ai ricchi e a nuovi tagli per gli studenti!

Zeno Casella, SISA

 

Tagli alle borse di studio, aumento delle tasse scolastiche e dei contributi costi della formazione, riduzione dell’offerta formativa nelle scuole pubbliche, ecc. Questi sono stati i risultati dell’ultimo pacchetto di sgravi fiscali adottati nel nostro Cantone, all’origine di un buco finanziario nelle casse pubbliche risanato a suon di sacrifici per gli studenti e le classi popolari.

leggi di più

NO ai regali fiscali a pioggia per aziende e multimilionari

Matteo Buzzi, Verdi del Ticino

 

Il 29 aprile saremo chiamati a votare la modifica della legge tributaria con cui si intendono fare 52 milioni di regali fiscali a multimilionari e aziende. L’oggetto viene a sproposito chiamato “riforma fiscale”...

leggi di più

Un ricatto... democratico?

Mirko D’Urso - MAT Lugano 

 

Domenica 29 aprile saremo chiamati ad esprimerci in merito alla riforma fiscale votata il 12 dicembre dal Gran Consiglio e oggetto di referendum. Io non sono un politico e non sarò politicamente corretto.

leggi di più

Riforma fiscale: l’ora dell’indignazione

Jessica Bottinelli Verdi del Ticino

 

Saremo presto nuovamente chiamati alle urne e con il mio scritto voglio invitarvi alla disobbedienza civile e all’indignazione perché delle frottole e delle mezze minacce che abbiamo sentito in questi mesi pre-campagna non ne possiamo proprio più.

leggi di più

Non perpetuiamo gli errori del passato

di Ivo Durisch Patito Socialista

 

La Svizzera storicamente è un paese capace di generare ricchezza e benessere. Questo è dovuto innanzitutto a una società civile che si assume le sue responsabilità. Una società civile che sa trovare coesione e unità nelle sue Istituzioni pubbliche, nello Stato.

leggi di più

Gli sgravi sono il dogma che ci rovinerà

Leonardo Schmid, segretario POP

 

L’idea è sempre quella: diminuire le tasse ai ricchi e alle imprese con la speranza che i soldi da loro “risparmiati” siano investiti per creare buoni posti di lavoro e magari aumentare i salari, la solita minestra riscaldata.

leggi di più

Riforma Fiscale. Una votazione triste

Adriano Venuti, membro di direzione - Partito Socialista

 

Generalmente amo esercitare i miei diritti politici, mi piace andare al seggio e infilare la mia scheda di voto nell'urna. Il 29 aprile eserciterò con convinzione il mio diritto di voto, ma questa volta non lo farò con il sorriso.

leggi di più

Onorevole Quadri: se c’è qualcuno che deve studiare, quello è proprio lei!

Sindacato SISA

 

In Ticino, la settimana d’azione nazionale in difesa dell’istruzione si è conclusa oggi con un’ultima azione di protesta a Lugano: su iniziativa del Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA)...

leggi di più

"Operazione Valascia": le parole di chi ha subito la repressione di Gobbi

leggi di più

Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario

Gioventù Biancoblu * Curva Sud Ambrì

 

Dopo aver letto su laRegione di mercoledì 21 marzo 2018 le dichiarazioni del procuratore pubblico Nicola Respini, non ce la facciamo proprio a restare zitt*. Ci permettiamo quindi qualche osservazione:

leggi di più

Chi controlla il controllore Gobbi?

Martino Colombo Comitato di Berna

 

“Bisogna secondo me agire a monte del problema e non a valle […]. A monte l’unica cosa è dare degli strumenti che non siano così garantisti come lo sono oggi il Concordato e tutte le leggi […]. La Svizzera, il Ticino è pronto a fare un passo del genere?

leggi di più

Pioggia di milioni ma famiglie a secco

Ivo Durisch Partito Socialista

 

Una pioggia di milioni si abbatterà sul Ticino, ma le famiglie, chi fatica ad arrivare a fine mese, i disoccupati e i precari rimarranno a secco. Dei 20 milioni in più che il Canton Ticino riceverà dalla Confederazione – che si sommano ai 38 milioni della Bns e a quelli dell’amnistia fiscale federale – neanche un franco servirà a promuovere una politica sociale o a sostenere il potere di acquisto della popolazione.

leggi di più

Tifosi BiancoBlù contro Gobbi: "attacco alla Curva Sud"

Gioventù Biancoblu * Curva Sud Ambrì

 

Come già denunciato in un precedente comunicato, nel quale ponevamo delle domande che vagano tuttora nell’aria fredda di questo fine inverno, ecco che, con puntualità perlomeno sospetta, si avvera quella volontà repressiva “di chi da anni lavora, con abilità e perseveranza, per imporre la tolleranza zero e l’annullamento del tifo organizzato ad Ambrì..”

leggi di più

Riforma fiscale: ci stanno ingannando e ricattando

Fabrizio Sirica Partito Socialista

 

Il 29 aprile saremo chiamati a votare sulla riforma fiscale. Dovremo decidere se respingere o accettare gli ennesimi sgravi fiscali a favore dei ricchi e delle grandi aziende. È importante precisare da subito un concetto chiave: chi parla o scrive di “riforma fiscale e sociale”, ci sta ingannando e ricattando.

leggi di più

Nuova direttiva sulle armi da fuoco: un passo avanti, ma ancora troppo debole!

Partito Comunista Ticino

 

Il governo federale ha adottato il messaggio che recepisce la direttiva dell’Unione Europea sulle armi. Lo fa sempre da subordinato, per timore di restare fuori dal mercato e dagli accordi di Schengen/Dublino ritenuti utili per lo scambio di informazioni sul terrorismo internazionale.

leggi di più

Il nuovo pacchetto fiscale penalizzerà le fasce più deboli della popolazione

Ivana Zeier, I Verdi del Ticino

 

Recentemente è riuscita la raccolta firme per il referendum contro il pacchetto di sgravi fiscali. La misura prevede di ridurre l’aliquota fiscale per chi possiede una sostanza imponibile oltre i 2,8 milioni di franchi e dal 2020 una riduzione anche per le persone fisiche con imponibile da 1,38 milioni.

leggi di più

8 marzo: apriamo una casa d’accoglienza e ascolto per uomini soli contro la violenza domestica!

Lea Ferrari, CC del Partito Comunista

 Questo progetto deve essere inserito in un processo culturale di più lungo respiro che parta dalla scuola. Con l’iniziativa per una casa degli uomini soli non solo si potranno evitare le tragedie dei femminicidi ma si istituzionalizza un approccio di lavoro di genere che un giorno potrà portare ad avere una classe politica che non nicchierà più sulle decisioni correttive per la parità salariale come successo amaramente alla Camera dei Cantoni settimana scorsa.

leggi di più

Valiamo molto più della lettiera del gatto!

Jessica Bottinelli

Co-coordinatrice dei Verdi del Ticino

 

Il 1° marzo 2018, a pochi giorni dalla festa della donna viene respinta la mozione di Jacques-André Maire chiedente di abbassare l’IVA (e quindi passare all’aliquota ridotta del 2.5%) per i prodotti igienici di base. Ebbene stupiamoci del fatto che in questo paese le lettiere dei gatti e i bouquet di fiori dispongono dell’aliquota ridotta, mentre le donne continuano a pagare pieno pegno per gli assorbenti che useranno tutti i mesi della vita, dalla pubertà ai cinquanta e oltre.

leggi di più

Tram-Treno Luganese: fra progetti, ricorsi e proposte alternative

I Verdi del Ticino

 

Sono centoventisette le opposizioni al progetto di tram-treno del Luganese giunte di recente all’Ufficio federale dei trasporti. Opposizioni di associazioni, enti, aziende, cittadini, gruppi di interesse, FFS, Ail, Ustra, ecc. Una cifra che, nonostante le loro recenti rassicurazioni, dovrebbe far riflettere il Dipartimento del territorio (DT). E’ il tracciato Bioggio-Manno che ha raccolto il maggior numero di critiche.

leggi di più

Clamorosa bocciatura dell’iniziativa No Billag: un chiaro sì a sostegno della radiotelevisione pubblica

SSM Sindacato svizzero dei mass media

Accoglie con grande piacere e sollievo il risultato della votazione popolare. Dopo le discussioni controverse degli ultimi mesi, non sempre facili per i diretti interessati, il popolo svizzero ha preso una decisione lungimirante, esprimendo il suo chiaro impegno a sostegno di una radiotelevisione pubblica finanziata con il canone, che garantisca il servizio pubblico e non persegua solo un profitto commerciale.

leggi di più

Se non li fermiamo subito, lavoreremo anche noi fino a 80 anni!

Massimiliano Ay, Partito Comunista

 

Il Consiglio federale perde il pelo ma non il vizio.

 

Dopo la bocciatura popolare della Previdenza 2020, il governo espressione della destra del nostro Paese torna a proporre l’aumento dell’età pensionabile delle donne a 65 anni e probabilmente pure l’innalzamento dell’IVA!

leggi di più

Petizione Ghiringhelli: vergognosa!

Monica Bartolo Janse

 

Segretaria sindacale SSM,

sezione Lugano

 

SSM condanna la petizione pubblica contro Andrea Vosti.

 

 

 

Il Sindacato svizzero dei Mass Media (SSM) condanna fortemente la petizione lanciata da Giorgio Ghiringhelli contro Andrea Vosti, nostro corrispondente a Washington.

leggi di più

DuPont Pioneer non se ne va per ragioni fiscali, Regazzi specula sulle disgrazie dei lavoratori

Sindacato Unia - Ticino

 

Unia risponde alle provocazioni del presidente di Aiti.

Il sindacato Unia Ticino sostiene il referendum contro la riforma fiscale perché difende i bisogni della maggior parte della popolazione e non gli interessi dei ricchi e la sete di profitto delle aziende.

leggi di più

"Prima i nostri": è l’UDC che ha tradito il popolo

Fabrizio Sirica, vicepresidente PS

 

“Traditori della volontà popolare”: è con questa definizione che sono stati apostrofati quei deputati e quei partiti che nell’ultima sessione di Gran Consiglio hanno bocciato la legge di applicazione di “Prima i nostri”.

leggi di più

Meno imposte? No, più lavoro!

Alberto Togni, membro di comitato del Partito Comunista

 

Il prossimo 29 aprile saremo chiamati a votare sulla riforma fiscale grazie alla riuscita del referendum promosso dalla sinistra. Fra le diverse buone motivazioni per bocciare questi ennesimi regali ai ricchi, ne esporrò una in particolare.

leggi di più