Salute

Il Consiglio Federale fa orecchie da mercante di fronte alla mancanza di infermiere. Queste giustamente protestano: lo faremo pure noi!

di Red

 

Nel dicembre 2017 l’Associazione svizzera delle infermiere (ASI) aveva depositato le quasi 115.000 firme, raccolte in pochissimo tempo, a sostegno dell’iniziativa popolare ”Per cure infermieristiche forti”, iniziativa popolare resasi necessaria perché la lobby delle casse malati, guidate dall’allora consigliere nazionale Cassis, aveva sabotato un progetto parlamentare dai contenuti simili.

leggi di più

NO all’intrusione nella vita privata e allo strapotere delle compagnie assicurative!

ForumAlternativo

 

Il prossimo 25 novembre saremo chiamati a votare sulla revisione della LPGA (legge federale sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali). Un progetto preoccupante, che consente alle compagnie assicurative di spiare, in modo del tutto arbitrario e con mezzi tecnologici eccezionali, la vita privata delle assicurate e degli assicurati.

leggi di più

L’iniziativa dell’UDC è un insulto alle vittime dell’amianto

di Red

 

Con il solito senso del marketing l’hanno chiamata “iniziativa per l’autodeterminazione”. Ma in caso di sua accettazione in votazione il prossimo 25 novembre, la Svizzera diventerebbe, assieme alla Bielorussia, l'unico paese nel quale i cittadini non potrebbero più appellarsi alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU).

leggi di più

Sorveglianza assicurati, il lupo alla cura del gregge

di Ivan Miozzari

 

Che l’abuso delle assicurazioni di malattia e di invalidità sia una pratica diffusa in Svizzera sappiamo tutti, dati alla mano, quanto sia falso.

leggi di più

"Uno scempio che va bloccato"

di Davide Martinoni

 

Franco Cavalli e la critica feroce al Lago Maggiore Grand Hotel-Spa & Residences previsto fra Brè e Cardada. «Un progetto inaccettabile, a solo beneficio dei ricconi, che avrebbe un impatto ambientale deleterio e contro il quale è necessario reagire se non lo farà, come è lecito temere, l’autorità politica».

leggi di più

CASSE MALATI: NON C’E’ ORMAI PIÙ LIMITE AL PEGGIO

 di ForumAlternativo

 

La stangata dell’aumento dei premi per l’anno prossimo l’abbiamo ormai ricevuta tutti. Ma altri peggioramenti si preparano. Dopo il Consiglio degli Stati, ora anche la rispettiva commissione del Consiglio nazionale ha accettato la proposta dei partiti borghesi che esigono un aumento automatico della franchigia obbligatoria se le spese sanitarie crescono.

leggi di più

L’Africa impestata da Dirty Diesel, soprattutto svizzero

di Franco Cavalli

 

Nel settembre del 2016 Public Eye (l’ex Dichiarazione di Berna), aveva pubblicato una documentazione molto rigorosa su una pratica scandalosa: quella di multi trust petroliferi, che vendono all’Africa prodotti assolutamente invendibili in occidente e che ne stanno avvelenando l’aria e l’ambiente in generale.

leggi di più

Farmaci stracari: licenze obbligatorie subito!

di Franco Cavalli

 

Nel settore dei farmaci anti-tumorali i nuovi medicamenti costano fino a 160’000 franchi all’anno per un singolo paziente. Novartis ha addirittura annunciato un nuovo prodotto, che verrebbe a costare circa mezzo milione di franchi per ogni paziente.

leggi di più

Opponiamoci agli aumenti infiniti dei premi di cassa malati!

di Red

 

Pubblichiamo il Manifesto redatto dalle organizzazioni che hanno deciso di indire una manifestazione a Bellinzona per protestare contro gli aumenti infiniti dei premi di cassa malati. È ora di dire basta ad una medicina orientata al profitto e che sta mettendo in ginocchio settori sempre più ampi della popolazione.

leggi di più

Votiamo NO allo spionaggio arbitrario degli assicurati

di Red

 

Il 25 novembre votiamo contro lo spionaggio degli assicurati. Vogliono trattarci come dei criminali, usando i nostri dati GPS e degli investigatori ci seguiranno come se fossimo tutti dei sospetti! Sostieni anche tu la campagna per il NO allo spionaggio delle assicurate e degli assicurati.

leggi di più

Gli straguadagni dei cassamalatari

di RedQ

 

È evidente che se avessimo una cassa malati unica, non solo avremmo una trasparenza migliore rispetto a quella attuale praticamente inesistente, ma si risparmierebbero moltissimi costi amministrativi e soprattutto salari dei grandi managers.

leggi di più

Cardiocentro: stasera a “ I Conti in tasca” se ne dibatte con la partecipazione di Franco Cavalli

di Red

 

A Nord delle Alpi si sorride sulla diatriba tutta cantonticinese a proposito del rifiuto del Cardiocentro di attenersi ai patti stipulati nel 1995 e che prevedono che entro il 2020 debba rientrare in EOC.

leggi di più

BASTA aumenti dei premi di cassa malati: prepariamoci a protestare!

di ForumAlternativo

 

Al di là di tutti i discorsi imbonitori e delle solite tiritere dell'On. Beltraminelli ("avrebbe potuto essere peggio"), l'annuncio dei premi di cassa malati per il 2019 rappresenta una nuova stangata.

leggi di più

Beltranelli: noi non ci caschiamo!

di RedQ

 

Iniziative sanitarie della società civile ferme nei cassetti del DSS.

 

Di fronte al peggioramento della situazione e all’immobilismo governativo si moltiplicano le iniziative lanciate dalla società civile. A livello federale è soprattutto il disastro dell’esplosione dei premi di cassa malattia a suscitare un florilegio di iniziative.

 

leggi di più

Iniziativa popolare “per cure infermieristiche forti”!

di Annette Biegger comitato centrale Associazione Infermieri Svizzera (ASI), Esperta di Cure Infermieristiche EOC

 

Secondo le stime dell’ufficio federale di statistica, nei prossimi trent’anni in Svizzera il numero di persone ultra-sessantacinquenni raggiungerà i 2.7 milioni, quando alla fine del 2014 erano 1.5 milioni.

 

 

leggi di più

Rally 2018 La legge dei campioni

di Ivan Miozzari

 

Chiasso, 31 agosto - Spulciando i documenti ufficiali nella vicenda del ricorso contro il rally, saltano subito all’occhio alcune irregolarità nell’attribuzione del permesso per svolgere la manifestazione. A partire dai tempi definiti dalla legge (art. 37 cpv. 2 del Regolamento della legge cantonale di applicazione alla legislazione federale sulla circolazione stradale) che prevede la presentazione della domanda 6 mesi prima della data prescelta.

leggi di più

L'agricoltura riguarda tutti!

leggi di più

Aumentano i premi di cassa malati e diminuiscono i sussidi. Così funziona il capitalismo

di Red

 

Politiche sempre più inique favoriscono emarginazione, esclusione e povertà. Lo conferma anche un’indagine condotta dalla Televisione svizzera (SRF) su una questione estremamente sensibile per molte famiglie, quella dei sussidi di cassa malati.

 

leggi di più

Sosteniamo la Cassa malati pubblica

Flavio Pico - Lugano

 

E infine ecco il ripensamento della cassa malati che aveva negato la cura ad un ragazzo di appena 12 anni. Per questo dobbiamo ringraziare il suo medico curante che è riuscito a dare enfasi a quella che era una palese ingiustizia, dobbiamo ringraziare ForumAlternativo che ha dichiarato di lanciare una nuova iniziativa per una cassa malati pubblica, dobbiamo ringraziare tutte quelle persone che hanno risposto concretamente ad una raccolta fondi per le cure del ragazzo.

leggi di più

"Caro Governo dove sei?"

 Jessica Bottinelli I Verdi del Ticino

 

I Valori d’ozono esplodono in Ticino, e superano i limiti da Chiasso ad Airolo da giorni. Il Dipartimento del Territorio e quello della sanità fanno finta di non vedere e dormono sonni tranquilli.

 

leggi di più

Casse malati e franchigie: siamo al delirio

 di Franco Cavalli

 

Vi ricordate la delirante proposta della direttrice della cassa malati cristiano-sociali(!), Philomena Colatrella, che ha ipotizzato franchigie minime di non più di 300 franchi come ora, bensì di 5’000 o addirittura 10’000 franchi.

 

leggi di più

La sanità è la vera malata

Ronnie David I Verdi del Ticino

 

I Verdi del Ticino prendono posizione sulla vicenda dell'adolescente che si è visto negare dalla cassa malati il rimborso delle cure oncologiche, ribadendo come l'episodio sia un ulteriore segnale di quanto sia necessario riformare radicalmente diversi aspetti del sistema sanitario svizzero, a cominciare dai legami tra economia e sanità.

leggi di più

FARMACO antitumorale rifiutato al ragazzo: punta dell'iceberg di un sistema marcio. É ORA di reagire, ForumAlternativo si muove!

di Franco Cavalli, ForumAlternativo

 

Il rifiuto della Cassa Malati di pagare il farmaco antitumorale al ragazzo dodicenne, che sta commovendo tutto il Ticino, come il recente caso del paziente malato di SIDA, morto perché gli hanno rifiutato le cure necessaria in quanto figurava sulla "black list", sono solo la punta dell'iceberg di un sistema marcio, ingiusto e prossimo all'implosione.

leggi di più

I veri interessi delle casse malati

Fabrizio Sirica, Partito Socialista

 

72 organizzazioni, con al soldo 17 parlamentari, un totale di 33 deputati controllati se calcoliamo pure i collegamenti indiretti. 14 UDC, 9 PDC, 6 PLR, 3 PBD (fonte lobbywatch). Aggiungiamoci che Ignazio Cassis, l’ex presidente dell’organizzazione mantello più potente, Curafutura, oggi è Consigliere Federale.

leggi di più

Premi di cassa malati: Berset cede al PPD

di Red

 

Le cattive notizie sul fronte dei premi di cassa malati non si arrestano mai, anzi peggiorano. Il Consiglio federale, cioè Alain Berset, propone di aumentare la franchigia minima da 300 a 350 franchi.

leggi di più

Aumento dei costi della salute: non è colpa dei cittadini!

Graziano Pestoni, Presidente USS-Ticino e Moesa

 

 

I premi delle casse malati hanno ormai raggiunto limiti spesso insopportabili per buona parte delle famiglie.

leggi di più

Glifosato: vietiamolo anche in Ticino!

Verdi del Ticino

 

Il Canton Vaud si è adoperato per vietare l'utilizzo del pericoloso diserbante sui propri terreni entro il 2022.

leggi di più

Casse malati: aumenteranno come sempre i premi, remunerazioni vergognose per i loro capi

di Red

 

Ci sono ormai chiare avvisaglie: anche quest'anno i premi di cassa malati aumenteranno di circa il 4%, cioè come sempre quasi il doppio dell'aumento dei costi della salute, anche se questi vengono sempre usati come unica scusa per giustificare l'esplosione dei premi.

leggi di più

"Se il mondo consumasse quanto Lugano, avremmo bisogno 3 pianeti"

 

 

di Red

 

Inizia così il discorso di Nicola Schoenenberger, Verdi del Ticino, in occasione del dibattito sul consuntivo 2017 in consiglio comunale a Lugano di lunedì scorso. Lo riportiamo qui, integralmente.

leggi di più

Cardiocentro: dal pollaio alle risottate

di RedQ

 

Eravamo stati i primi (v. Quaderno numero 11, giugno 2017) a segnalare che il previsto rientro del Cardiocentro Ticino (CCT) nell’ambito dell’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) entro la fine del 2020 avrebbe scatenato delle polemiche faziose, che ne avrebbero probabilmente fatto la “madre di tutte le battaglie” tra sanità pubblica e cliniche private in Ticino.

leggi di più

Cardiocentro: torniamo ai fatti e pensiamo al futuro

di Franco Cavalli, fondatore IOSI

 

In un editoriale altisonante (“Cardiocentro: perché cambiare se funziona?”, CdT 6.6.2018) Fabio Pontiggia afferma che ormai il cittadino comune non capisce più le ragioni dell’attuale polemica tra EOC e Cardiocentro Ticino (CCT).

leggi di più

Natura e salute vanno di pari passo

di Franco Cavalli

 

Non occorre certamente essere un medico per rendersi conto di quanto la natura e la nostra salute siano strettamente connesse.

leggi di più

Per farmaci accessibili. Proteggiamo i pazienti, non i brevetti!

 

Il problema dell’accesso ai farmaci non tocca più solo i paesi in via di sviluppo e emergenti. L’aumento esorbitante dei prezzi delle cure mediche, e in particolare dei trattamenti antitumorali, mette in difficoltà persino il sistema sanitario svizzero.

leggi di più

La fabbrica di svizzeri inferiori

di Ivan Miozzari

 

Siamo alle soglie degli anni venti del ventunesimo secolo. E forse la gente di questa nostra Patria, così fiera della propria democrazia, ha cambiato idea. Forse non vale più la pena difendere la parità delle persone, stessi diritti, stesse opportunità, stessi doveri, uguali per tutti.

leggi di più

Anche a noi sta a cuore l’Ospedale del Cuore!

Piattaforma Salute

 

Il dibattito attorno al futuro del Cardiocentro Ticino (CCT) ci sembra fuorviante e condotto in modo un po’ irrazionale, fazioso e confuso. La realtà dei fatti può essere invece riassunta in modo cristallino. Il “nuovo” Cardiocentro sarà più forte, pubblico e autonomo. L’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) non è quel Cerbero che vuol divorare il Cardiocentro. E infine: “pacta servanda sunt”.

leggi di più

Sanità e casse malati: tra black list e proposte caotiche, talora demenziali

di Franco Cavalli

 

Nonostante che UDC e Lega continuino a battere la grancassa sul tema dell’immigrazione, tutti i sondaggi recenti mostrano che attualmente il problema dell’aumento continuo dei premi di cassa malati è diventata la preoccupazione principale dei ticinesi e degli svizzeri.

leggi di più

Premi cassa malati:il PPD si inventa una iniziativa a scopo elettorale

di Franco Cavalli

 

L'obiettivo di limitare l'aumento dei premi è giustissimo. Ma bisogna dire come!!

leggi di più

Spegnete l'impianto nucleare di Beznau!

di Red

 

Centinaia di persone hanno chiesto lo spegnimento per ragioni di sicurezza di entrambi i reattori dell'impianto atomico.

leggi di più

Cure dentarie: cattive notizie da Losanna e da Bellinzona

di RedQ

 

L’ultimo 4 marzo non si è votato solo su «No Billag», anche se i nostri media, essendo per una volta toccati nei loro interessi, ci hanno bombardati, talora in modo quasi stucchevole, solo con quest’ultima.

leggi di più

CARDIOCENTRO: TORNIAMO AI FATTI!

di Franco Cavalli Fondatore IOSI

 

Il Ticino, per un suo certo provincialismo, non è nuovo a battaglie iperboliche, dove i fatti contano meno delle passioni. Ad uno di questi scontri, assistiamo attualmente a proposito del futuro del Cardiocentro (CCT).

leggi di più

Centri medici e l'esplosione dei premi di cassa malati

di RedQ

 

Tutti hanno ormai ricevuto da diverso tempo le cattive notizie sull’aumento, anche questa volta attorno al 5%, dei premi di cassa malati per il 2018 e l’incavolatura nella popolazione è generale.

leggi di più

L’autorizzazione per il rally nel Mendrisiotto dello scorso anno era illegittima

di Prof. Dr. med. Giorgio Noseda Primo firmatario del ricorso al TRAM

 

Il Tribunale amministrativo cantonale ha accolto il ricorso presentato da associazioni (Pro Natura, Cittadini per il territorio), da partiti politici .(Verdi e Partito socialista) e da 141 cittadini del Mendrisiotto contro lo svolgimento del rally automobilistico sul percorso Balerna-Novazzano-Chiasso Pedrinate, che si è svolto il 23 e 24 giugno dello scorso anno.

leggi di più

Invalidi trattati come terroristi

Quaderno

 

 

È tipico della nostra società neoliberale di prendersela con i più deboli. Non per niente uno dei temi preferiti da C. Blocher e dall’UDC è quello della lotta ai «falsi invalidi».

In questa stucchevole crociata siamo ora arrivati addirittura al grottesco.

leggi di più

Consiglio Federale a rimorchio dei monopoli farmaceutici

di Franco Cavalli

 

Sono molti i fattori che spiegano il continuo aumento dei costi della salute: il principale è però sicuramente l’esplosione dei prezzi dei medicamenti. Basti pensare che nel settore oncologico il prezzo medio di un nuovo farmaco ammesso sul mercato è aumentato negli ultimi 25 anni all’incirca di ben 50 volte.

leggi di più

Giorgio Giudici e Tiziano Moccetti: il Cardiocentro è nostro!

di Red

 

È di oggi la notizià che Giudici e Moccetti (i CEO della Fondazione Cardiocentro) sono tornati alla carica, chiedendo l'intervento del Consiglio di Stato, per impedirne il passaggio sotto il cappello dell'Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) come prevede l'accordo sottoscritto negli anni '90.

leggi di più

Monopoli farmaceutici: solo con il narcotraffico si guadagna di più!

di Franco Cavalli

Il settore delle multinazionali farmaceutiche è quello che mostra meglio di ogni altro non solo l’iniquità, ma al limite addirittura il delirio a cui arriva l’attuale sistema capitalistico, basato sulla cosiddetta share-holder value, cioè sul massimizzare i guadagni borsistici a breve scadenza. Per avere le quotazioni borsistiche le più alte possibili, bisogna cioè massimizzare i profitti. Per fare ciò, o si risparmia sulla manodopera, soprattutto con le mega-fusioni o si vendono i farmaci a dei prezzi astronomici.

leggi di più

Grecia: Novartis e tangenti, l’ora della verità?

di Red

 

Il parlamento greco ha deciso: ci sarà una commissione d’inchiesta per far luce sullo scandalo delle tangenti pagate da Novartis a membri dei governi greci passati.

Oltre ad avere passato bustarelle ad ex premier come Antonis Samaras e Panagiotis Pikrammenos (capo del “governo tecnico” voluto dall’UE, tanto per intenderci) e a diversi ministri dei governi conservatori e socialisti passati.

leggi di più

Ospedale Cantonale Universitario: una necessità?

di Equo

 

L’apposita commissione sanitaria del Gran Consiglio ha firmato i due rapporti l’8 novembre, arriverà quindi presto nel plenum l’iniziativa parlamentare di Simone Ghisla (PPD), firmata da altri 37 Gran Consiglieri, che chiede l’istituzione di un ospedale cantonale universitario di riferimento con sede unica e gestito dall’EOC.

leggi di più

Beltraminelli: impegni non mantenuti!

Iniziativa popolare per la copertura delle spese dentarie:

Basta tacere! Esigiamo che finalmente si proceda

leggi di più

Cure dentarie: proposte concrete entro novembre

Dopo un lungo silenzio e su loro richiesta, una delegazione degli iniziativisti (ForumAlternativo, PS, Unione Sindacale Svizzera) si è incontrata lunedì 26 giugno con Paolo Beltraminelli, Direttore del DSS.

Beltraminelli promette proposte entro novembre per una migliore copertura delle spese dentarie.

leggi di più

Beltraminelli sveglia!

Le iniziative sanitarie:

una risposta della società civile all’inerzia del Dipartimento.

leggi di più

Giorgio Giudici, il Cardiocentro e l'arroganza antidemocratica

Già i romani dicevano "pacta servanda sunt" cioé i patti devono essere rispettati.

 

Questa regola fondamentale della convivenza civile sembra non valere per Giorgio Giudici che semplicemente non vuole rispettare l'accordo fatto negli anni 90 che dava gratuitamente al Cardiocentro un diritto di superficie a condizione che entro il 2020 rientrasse nell'Ente Ospedaliero Cantonale (EOC).

leggi di più

Mal’aria: malattie da polveri fini

di Giorgio Noseda

 

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’OMS, l’inquinamento atmosferico ha causato nel 2012 sette milioni di morti in tutto il mondo, colpendo in particolare anziani e bambini. Fra tutte le sostanze nocive, le più pericolose sono considerate le polveri fini (PM10).

Parecchie ricerche hanno evidenziato una correlazione tra smog, in particolare polveri fini (ma anche diossido di azoto - NO2), soprattutto in conseguenza del traffico stradale, ma anche di altre cause come le emissioni per il riscaldamento degli edifici, e diverse malattie.

leggi di più 0 Commenti

La Destra aumenterà anche i prezzi dei funerali ?

 

Dopo la decisione della maggioranza del Parlamento di aumentare la franchigia minima di cassa malati, riproponiamo l’articolo di Gianfranco Domenighetti, intitolato “Cattive notizie dalla sanità”, pubblicato dal Caffè il 25 settembre scorso quando la proposta era appena stata accettata dal Consiglio degli Stati.

Sottolineature nostre.

 

In attesa dei premi 2017 delle Casse malati ecco, quale antipasto, una prima cattiva notizia. Il Consiglio degli Stati ha accettato una mozione che vuol aumentare la franchigia obbligatoria di base, ora di 300 franchi, e adattarla alla crescita dei costi della Lamal. Questo significa che in futuro i cittadini potranno essere chiamati a pagare obbligatoriamente di tasca propria i primi 400, 500 o più franchi di spesa prima che la loro cassa malati inizi a coprire i costi medico-sanitari. Non sorprende che il promotore della mozione, sottoscritta da altri 29 senatori tra cui i due ticinesi, sia membro remunerato, come altri senatori firmatari, del "Gruppo di riflessione" della più importante cassa malati svizzera, il Gruppo Mutuel.

 

leggi di più

3 Referendum!

La manovra finanziaria di rientro fa male a chi già sta male di suo. Sarebbe dovuta essere di 185 milioni. Di fatto, con i cambiamenti voluti dal triciclo PLR-PPD-Lega, è arrivata a 205 milioni. Dentro i quali c’è di tutto, comprese alcune misure dolorose per le famiglie e i ceti basso e medio. Il risultato sarà un peggioramento della solidarietà sociale e della qualità dei servizi. Perciò sono stati lanciati tre referendum in particolare contro tre misure fra le più gravi: la riduzione del numero dei giudici dei provvedimenti coercitivi, la modifica alla Legge sull’assistenza e la cura a domicilio e l’abbassamento delle soglie Laps. Chiunque abbia a cuore uno Stato sociale che si preoccupa delle persone più fragili e rifiuta il privilegio di pochi dovrebbe firmare. Perché i soldi ci sono: nelle tasche dei ricchi. Ed è lì che bisogna andarli a cercare.

Scaricate qui di seguito i tre formulari per le firme.

leggi di più

Ospedali: una decisione (quasi) storica

Beltraminelli, Sanvido e Pellanda: dimissioni immediate

di Graziano Pestoni

 

Bisogna tornare al 2002 per trovare una situazione analoga a quella odierna. Allora si è votato a livello nazionale sulla liberalizzazione/privatizzazione del mercato dell'energia elettrica. I fautori, i gruppi finanziari, avevano investito 20 milioni di franchi nella campagna. Una cifra immensa. Ma i cittadini si opposero.

leggi di più

Suicidio assistito, un diritto fondamentale!

di Franco Cavalli

 

La Commissione sanitaria del Gran consiglio ha recentemente bocciato l’iniziativa parlamentare dei Verdi, che proponeva di permettere il suicidio assistito negli ospedali e nelle altre istituzioni sanitarie, come è oramai già il caso in diversi cantoni. Questo rifiuto secondo me offende, come vedremo in seguito, un elementare diritto di giustizia, ma ciò non sorprende più di tanto tenuto conto dell’oscurantismo che attualmente prevale in Ticino e di cui il risultato del voto di domenica scorsa sull’iniziativa disumana dell’Udc è stata un’ulteriore prova, dato che abbiamo fatto addirittura ben peggio di quei cantoni che vengono appunto definiti della Svizzera primitiva.

leggi di più

Un inaccettabile salto indietro

di Graziano Pestoni

 

L’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) fu creato dal Gran Consiglio il 20 dicembre 1982. Esso riunì una decina di istituti non in grado di assicurare una medicina moderna e di qualità, gestiti da fondazioni private, fatta eccezione per l’Ospedale Civico di proprietà della Città di Lugano. A quel tempo per diagnosi e interventi appena complessi ci si doveva recare in Svizzera interna, da cui il diffuso detto “il miglior ospedale ticinese è il treno per Zurigo”.

leggi di più

No allo smantellamento degli Ospedali pubblici!

 Scaricate qui il Formulario per firmare il Referendum

 

Sono moltissime le ragioni per opporsi alla pianificazione ospedaliera votata dal Gran Consiglio e della quale la revisione della Legge sull’Ente Ospedaliero Cantonale (LEOC) è parte integrante.

Ricordiamo i cinque principali motivi:

leggi di più

Foraggiare

«Non c’è nulla di razionale in tutto ciò, se non l’aspetto di ‘foraggiare’ delle cliniche private». Questo il commento del direttore sanitario dell’ospedale di Mendrisio a proposito della pianificazione ospedaliera che il Gran Consiglio voterà in dicembre. In Ticino quasi la metà dei posti letto si trova nel settore privato, un numero molto più elevato rispetto agli altri cantoni svizzeri. E in Ticino il settore privato ha da sempre dei forti legami con i soliti partiti politici…

leggi di più

Lo scandalo del prezzo dei farmaci

di Franco Cavalli (tratto dal Quaderno 2)


Il settore delle multinazionali farmaceutiche è quello che mostra meglio di ogni altro non solo l’iniquità, ma addirittura il delirio a cui arriva l’attuale sistema capitalistico, basato sulla cosiddetta share-holder value, cioè sul massimizzare i guadagni borsistici a breve scadenza. Per avere le quotazioni borsistiche le più alte possibili, bisogna cioè massimizzare i profitti. Per fare ciò, o si risparmia sulla manodopera, soprattutto con le mega-fusioni o si vendono i farmaci a dei prezzi astronomici.

leggi di più

Oltre 8000 firme per le cure dentarie!

L'iniziativa popolare «Per il rimborso delle cure dentarie» è riuscita! Martedì 12 maggio abbiamo consegnato oltre 8000 firme vidimate alla Cancelleria del Consiglio di stato.

Con questa iniziativa chiediamo che il Cantone istituisca un'assicurazione per le cure dentarie di base a beneficio delle persone residenti, oltre che promuovere in collaborazione con i Comuni un dispositivo di prevenzione in materia di salute bucco-dentaria e una rete di cliniche dentarie.

leggi di più

Cure dentarie, serve molto di più

di Adriano Venuti

Da qualche giorno abbiamo iniziato a raccogliere le firme per l'iniziativa popolare denominata “Per il riborso delle cure dentarie”, frutto di un lavoro unitario tra il ForumAlternativo, il Partito Socialista e il sindacato UNIA.

Con questa inziativa chiediamo che il Cantone istituisca un'assicurazione per le cure dentarie di base a beneficio delle persone residenti, oltre che promuovere in collaborazione con i Comuni un dispositivo di prevenzione in materia di salute bucco-dentaria e una rete di cliniche dentarie.

leggi di più

Per il rimborso delle cure dentarie: argomentario

Il 14 marzo 2015 è stata lanciata l'iniziativa popolare "Per il rimborso delle cure dentarie".
L'iniziativa chiede di introdurre un'assicurazione obbligatoria per il rimborso delle cure dentistiche di base e per la relativa prevenzione. Inoltre chiede la realizzazione l'istituzione di policliniche dentarie sul modello di quelle già esistent a Bellinzona e Mendrisio.

Perché un'iniziativa sulle cure dentarie?

Con il lancio di quest'iniziativa perseguiamo due obiettivi per quanto riguarda il diritto e un equo accesso alle cure mediche essenziali di qualità: da una parte si tratta di ridurre fortemente il peso di queste cure sul budget delle economie domestiche, e dall'altra bisogna lottare contro gli effetti negativi sulla salute che derivano dall'esclusione dalle cure dentarie di quella parte della popolazione che per ragioni finanziarie è costretta a rinunciarvi.

Come realizzare un accesso equo e sociale alle cure dentarie?

L'iniziativa propone la creazione di un'assicurazione pubblica cantonale per coprire le spese di quelle cure dentarie che non sono incluse nel catalogo delle prestazioni Lamal, a beneficio di tutti gli abitanti del Cantone.

leggi di più

Per un dibattito serio sul suicidio assistito

L’iniziativa generica di alcuni deputati verdi per permettere ai degenti in strutture sanitarie di ricorrere al suicidio assistito, ha scatenato diverse reazioni sguaiate che sono di cattivo augurio per il dibattito che seguirà. Oso però ancora sperare che se ne potrà parlare in modo pacato, invece di copiare anche su questo tema delicato le peggiori abitudini italiane, e penso al caso Englaro. Per chiarire i termini del dibattito, comincio, a costo di ripetere cose già conosciute, col mettere alcuni paletti.

La Svizzera è l’unico Paese che permette a chiunque, purché non lo faccia per motivi egoistici (ad esempio per procurarsi un’eredità) di aiutare qualcuno a suicidarsi.

leggi di più

Moncucco all’Eoc? Un’occasione di riscatto per Fulvio Pelli

Caso mai Fulvio Pelli dovesse passare alla storia, non sarà certamente per i successi avuti durante il suo periodo di presidenza del PLR nazionale: di questi successi non s’è vista neanche l’ombra, tanto da rischiare l’ultima volta addirittura di non essere rieletto in Parlamento. Potrebbe invece essere ricordato per una serie di flop, a cominciare dall’aver rovinato le sue reali possibilità di venire eletto in Consiglio Federale presentando la sua candidatura nel momento più sbagliato possibile.

leggi di più

Territorio, Ambiente e Salute: 20 novembre 2014, ore 20.15, auditorium del Liceo cantonale di Mendrisio

 Il territorio, l'ambiente e la salute sono temi importanti anche per il ForumAlternativo.

Ne discuteremo assieme granzie alle brevi suggestioni date da tre ospiti che da molto tempo affrontano questi argomenti.
Ivo Durisch ci parlerà di come il territorio sia stato malamente sfruttato nel corso degli anni passati e come porvi rimedio.
Bruno storni affronterà il tema del traffico e del raddoppio della galleria del San Gottardo.
Franco Cavalli invece affronterà le conseguenze che traffico e inquinamento in generale hanno per la salute.

leggi di più

La salute è un interesse pubblico

La salute di ogni individuo non è una questione puramente privata, ma è un interesse pubblico. Individui sani formano una società sana, per questo motivo la salute non deve essere trattata come un business per arricchire società private che a loro volta fanno arricchire singole persone grazie ai mallani altrui.

Se si capisce che la sanità è di interesse pubblico, si capisce anche come sia logico che la sua cura e il suo finanziamento debbano essere pubblici, almeno in maniera prevalente.

La cassa malati pubblica, sulla quale voteremo il prossimo 28 settembre, va in questa direzione. Con essa si propone che le cure primarie e fondamentali, quelle che sono comprese nella LAMal, l'assicurazione malattia obbligatoria, siano assicurate presso un unico istituto pubblico, gestito direttamente dalla Confederazione.

leggi di più

Se sei un manager strapagato vota NO alla cassa unica, altrimenti...

di Franco Cavalli


Tra poco più di un mese voteremo sulla proposta di sostituire l’attuale guazzabuglio assicurativo con una cassa malati unica, iniziativa lanciata dalla sinistra e dai verdi e sostenuta, oltre che dall’associazione delle consumatrici e dei consumatori, da tutte le organizzazioni professionali del settore sanitario, dalle infermiere ai fisioterapisti, salvo quella dei medici: essendo il mondo medico spaccato quasi esattamente a metà, la FMH lascia libertà di voto.

leggi di più

Niente risparmi sul groppone dei meno abbienti

Il ForumAlternativo saluta con grande soddisfazione la decisione popolare di approvare il referendum contro il taglio dei sussidi per la cassa malati respingendo così il piano del Consiglio di Stato, accettato dalla maggioranza di centro destra in Gran Consiglio, che tendeva a diminuire notevolmente gli aiuti erogati ai meno abbienti per pagare i premi sempre più esosi delle casse malati. Con questa decisione il popolo ticinese indica chiaramente che il peggioramento delle finanze cantonali non deve essere scaricato sulle spalle dei meno abbienti, ma piuttosto sui portafogli dei più ricchi, che negli ultimi anni hanno pagato sempre meno imposte.

leggi di più

Un duro attacco al servizio pubblico

SCuDO, il servizio di cure a domicilio del luganese, ha deciso di dare la disdetta del contratto collettivo di lavoro.

Si tratta di una decisione incomprensibile, dannosa e irrispettosa. Incomprensibile perché il contratto collettivo, in vigore da anni, è uno strumento moderno ed efficace di gestione del personale; dannosa, perché obbliga il personale a lavorare in situazione di incertezza; irrispettosa, perché la soppressione del contratto collettivo significa pure la soppressione di molti diritti per il personale, per esempio quello di disporre di una commissione incaricata di affrontare con la Direzione i problemi di applicazione del contratto. Essa non considera nemmeno il fatto che l’attività in questi servizi richiede un impegno particolare da parte del personale, confrontato quotidianamente con situazioni difficili.

leggi di più

MANIFESTAZIONE per il CCL di SCUDO: 19 maggio, dalle 18.00, piazza Riforma, Lugano

I contratti collettivi si sottoscrivono, non si disdicono!

Il ForumAlternativo solidarizza con il personale di SCUDO, il servizio di cure a domicilio, al quale è stato disdetto il contratto collettivo di lavoro proprio nel momento in cui il padronato si oppone ferocemente all’introduzione di un salario Minimo legale di 4'000.- , sostenendo che non bisogna agire attraverso modifiche del quadro legale, bensì favorendo il dialogo tra le parti sociali sottoscrivendo, appunto, i contratti collettivi.

La realtà purtroppo è un’altra ed è molto diversa da quella dipinta dalle associazioni economiche.

Infatti sempre più spesso lo stesso padronato disdice i contratti collettivi, ultimo in ordine di tempo quello di Scudo, che segue altre disdette ad opera del padronato come avvenuto alla MES, nel settore del granito, all’ospedale La Providence di neuchâtel per non fare che alcuni esempi.



Continua la lettura nella sezione Archivio Annuale