Quaderno

I Quaderni del Forum fanno 20!

La Redazione dei Quaderni del Forum

 

È uscito il numero 20 dei Quaderni del Forum: ormai bimensile, con una tiratura di 2'500 copie e con il prossimo traguardo di aver 1'000 abbonati. L’attuale numero comprende un ampio inserto sulle elezioni cantonali, che oltre all’editoriale presenta un dibattito tra le formazioni della sinistra alternativa ed un’impietosa valutazione di quanto hanno fatto cinque i Consiglieri di stato uscenti.

leggi di più

Maxi-resort a Monte Brè: un faraonico progetto da bloccare

di Matteo Buzzi

 

Il gigantesco progetto di maxi-resort a Monte Brè e Colmanicchio sopra Locarno trapelato sui media grazie alle ricerche e alle prese di posizione dell’associazione “Salva Monte Brè” preoccupa molto la cittadinanza.

leggi di più

“Quasi tutte vengono violentate”

di Franco Cavalli

 

Il calvario delle migranti centroamericane. In un mio precedente racconto di viaggio in Centro America (Quaderno 11) avevo riferito che secondo quanto mi era stato detto sia in Guatemala che in El Salvador, quasi l’80% delle ragazze e delle donne che cercano di emigrare da quella zona verso gli Stati Uniti vengono violentate durante questo viaggio, che per molte diventa un’odissea senza fine.

leggi di più

Avete detto giustizia?

di Damiano Bardelli

 

È un libro che si legge tutto d’un fiato, quello recentemente pubblicato da Dick Marty presso le edizioni Favre di Losanna. Ricordato in Ticino principalmente per essere stato procuratore, poi Consigliere di Stato e Consigliere agli Stati per il Partito Liberale Radicale, ...

leggi di più

In Brasile “Dobbiamo riprendere il lavoro di base”

di RedQ

 

Pubblichiamo ampi stralci di un’intervista concessa da Joao Pedro Stedile, principale portavoce del Movimiento Sin Tierra alla radio Brasil de Fato il giorno dopo la vittoria elettorale di Bolsonaro. L’intervista ci è stata passata da Sergio Ferrari, giornalista a Le Courrier e da noi tradotta.

leggi di più

Politica fiscale

di RedQ

 

ForumAlternativo, I Verdi del Ticino e Partito Comunista discutono di sgravi e di politica fiscale con il professore di macroeconomia Sergio Rossi.

leggi di più

Il CF snobba le infermiere, queste rispondono a muso duro

di RedQ

 

Tutti in Svizzera sanno ormai che mancano e soprattutto mancheranno in futuro molte infermiere, soprattutto perché a livello nazionale formiamo solo il 43% di quelle necessarie.

leggi di più

Premi cassa malati: siamo sempre in mezzo al guado

di Ude Revati

 

I costi della salute sono fortemente aumentati negli ultimi anni, per varie ragioni. Alcune inevitabili, come l’invecchiamento della popolazione. Altri, molto meno. Ne ricordiamo alcune:

leggi di più

E se Rosa Luxemburg non fosse stata assassinata?

di Damiano Bardelli

 

Il 15 gennaio scorso è stato il centenario della morte di Rosa Luxemburg, assassinata insieme a Karl Liebknecht nel gennaio 1919 su ordine dei vertici del Partito socialdemocratico tedesco (SPD).

leggi di più

USA: una mascotte sportiva diventa l’emblema della sinistra

di RedQ

 

Spesso politica e sport si mescolano, purtroppo più frequentemente a destra. Noi ci consoliamo naturalmente con i fans club del Livorno, del St. Pauli e naturalmente con la magica curva dell’Ambrì.

leggi di più

Cimici, ovvero della necessità della speranza

di Paolo Buletti

 

Sicuramente si fa bene a raccontare come noi non offriamo strutture abitative degne della speranza ai migranti che sono qui da noi in attesa di una risposta. Non sto parlando solo delle cimici o dei cessi in cattivo stato, non insisto neanche sulla permanenza di mesi e anni in un...

leggi di più

Officine: intervista a Gianni Frizzo

di Red

 

Per finire dopo la città di Bellinzona , anche il Parlamento cantonale ha votato il credito per le nuove "officine". Città di Bellinzona, Governo e Parlamento cantonale che hanno voltato le spalle ai lavoratori e, sia detto senza troppo giri di parole, tristemente calato le braghe di fronte agli interessi delle FFS.

leggi di più

Elezioni di midterm

di Marina Catucci

 

Le elezioni di midterm nella storia USA, tranne che per 3 rare eccezioni, non hanno mai premiato l’amministrazione in corso che si ritrova a dover fare i conti con dei nuovi al Congresso.

leggi di più

Baco: Hasta la Victoria siempre!

di RedQ

 

Corrado Barenco, da tutti conosciuto come il Baco, ci ha lasciato il 13 dicembre, dopo più di tre anni di una lotta, portata avanti con grande coraggio e dignità, contro la malattia. Come lui stesso scrive nel testo pubblicato qui sotto, messaggio da lui preparato e che è stato letto quale suo “testamento” dalla moglie Prisca alla cerimonia funebre, durante quegli anni si è letteralmente “aggrappato alla vita”.

leggi di più

Dai Gilet gialli a Beltraminelli

L'editoriale

 

La Francia, con la sua tradizione di rivolte popolari, ci ha abituati al sorgere improvviso ed imprevisto di movimenti sociali travolgenti. Ricordiamoci che appena un mese prima del maggio 68 un documento ufficiale del PCF certificava che purtroppo l’opposizione appariva così cloroformizzata che non ci si doveva aspettare nessun movimento sociale d’opposizione se non a lunga scadenza.

leggi di più

Ricostruire l’alternativa

di Damiano Bardelli

 

A dieci anni dal devastante tracollo dei mercati finanziari, l’ordine politico occidentale costruito sulla democrazia liberale e il dominio globale del libero mercato comincia a sgretolarsi.

leggi di più

Potere e (in)Giustizia

di Dick Marty

 

Santi e rivoluzionari sembrano essere d’accordo sul senso e la funzione della giustizia. Sant’Agostino: “se non è rispettata la giustizia, che cosa sono gli Stati se non delle grandi bande di ladri?”.

leggi di più

Lo Stato deve investire invece d’insistere sugli sgravi fiscali

di Francesco Bonsaver

 

Professor Sergio Rossi, il 2019 si preannuncia caldo sul fronte fiscale anche a livello cantonale. Annunciando il preventivo 2019, il governo ha ricordato la seconda tappa della riforma fiscale, dopo quella approvata in maniera risicata dagli elettori ticinesi in aprile, che sarà presentata nel dettaglio il prossimo anno...

leggi di più

Di facce, corpi e sicurezze

di EoloVive

 

“È un corpo che cambia. Si evolve. Si perfeziona in piena sincronia con il Potere che rappresenta. Da incerto e balbettante, si fa preciso e dettagliato. Da goffo e impacciato, diventa incarnazione villosa del buon ufficio svizzero” . (da frecciaspezzata.noblogs.org Un cittadino al di sopra di ogni sospetto.)

leggi di più

Intervista /Arnaldo Alberti

di Franco Cavalli

 

Nella bella prefazione al suo ultimo libro, Dick Marty sottolinea con forza il fatto che lei, pur criticandolo spietatamente, rimane fedele al PLR. Visto lo spostamento a destra di quest’ultimo, che lei sottolinea ad ogni piè sospinto, non ritiene che sarebbe giusto a questo punto passare ad altri lidi?

leggi di più

Il dado è tratto, ora dobbiamo costruire l’alternativa!

L'editoriale

 

Il 26 settembre scorso l’assemblea dei nostri aderenti ha deciso all’unanimità di trasformare definitivamente il Forum Alternativo in un movimento politico.

leggi di più

Un NO forte e chiaro contro la RFFA

di Enrico Borelli

 

Come era facilmente prevedibile il Parlamento federale, purtroppo con il decisivo sostegno del Partito socialista svizzero ha approvato la RFFA. Una riforma che combina il pacchetto fiscale (con nuovi e significativi sgravi concessi alle aziende e ai loro azionisti e che riprende il modello della Riforma delle imprese III bocciata in votazione popolare nel 2017) con un finanziamento supplementare all’AVS.

leggi di più

Verso lo sciopero nazionale delle donne

di RedQ

 

Il 22 settembre 2018 oltre 20’000 persone sono sfilate per le strade di Berna per la grande manifestazione a difesa della parità salariale e per i diritti delle donne.

leggi di più

Il destino dell’Europa si deciderà in Ucraina?

di Yurii Colombo

 

I destini del Vecchio Continente potrebbero decidersi a Est. Lo scontro tra Ucraina e Russia è diventato l’epicentro della Guerra Fredda 2.0 che oppone la Russia di Vladimir Putin al mondo occidentale.

leggi di più

Cardiocentro, ovvero i colpi di coda della casta luganese

di RedQ

 

I lettori non ce ne vorranno, se ci ripetiamo: siamo stati i primi a sottolineare che la battaglia per impedire il rientro, come previsto da tutte le convenzioni sottoscritte, del Cardiocentro nell’EOC nel corso del 2020, sarebbe diventata la “madre di tutte le battaglie” tra la sanità pubblica e quella privata in Ticino.

leggi di più

Anatomia della disfatta della sinistra italiana

di Loris Campetti

 

Sono passati cinquant’anni, mezzo secolo. Era il ’68, che in Italia durò per tutti gli anni Settanta, più che in qualsiasi altro paese del mondo. Fu un risveglio improvviso, travolgente, a tratti violento e a tratti ironico e autoironico.

leggi di più

PNL, bello ma impossibile. Autopsia del progetto per un Parco Nazionale nel Locarnese

di Beppe Savary

 

Quando si vuole conoscere la causa di morte si esegue un’autopsia. A volte si trovano lì degli elementi che permettono di capire meglio perché qualcuno è deceduto. A maggior ragione questo interessa quando un soggetto come l’affossato progetto PNL era pieno di vita, tanto da poter portarne tanta di nuova persino nelle zone più periferiche delle Centovalli e della valle Onsernone.

leggi di più

Brasile, Bolsonaro, Sudamerica

Red

 

Vi proponiamo l'articolo di Roberto Livi scritto tra il primo e il secondo turno delle presidenziali brasiliane. Oggi sappiamo che Bolsonaro ha vinto l'elezioni ma l'analisi di Livi sul Brasile e sull'America Latina resta molto interessante.

leggi di più

Casse malati: i premi esplodono, i liberali vogliono imporci franchigie stratosferiche

di Franco Cavalli

 

E anche quest’anno, nonostante tutte le contorsioni della politica federale ed i successivi pacchetti-cerotto proposti dal Consigliere federale Berset, la solita stangata sui premi di cassa malati è arrivata. Forse un po’ meno per tutta la Svizzera, sicuramente insopportabile per il Ticino, dove l’aumento medio per il 2019 sarà del 4%.

 

leggi di più

Jeremy Corbyn, un modello per la sinistra ticinese

di Damiano Bardelli

 

In un’Europa in cui i partiti socialdemocratici inanellano una batosta storica dietro l’altra, il successo vissuto dal Partito laburista britannico non può che sorprendere.

leggi di più

Un esempio di autogestione al femminile

di RedQ

 

Visita ai campi profughi dei curdi fuggiti da Afrin. Intervista a Sylvia Hauffe*.

leggi di più

Protezione civile - Cuba : Stati Uniti = 30 : 0

di Red

 

Nel settembre del 2017 due uragani successivi di forte e simile intensità hanno fatto danni enormi nella regione dei Caraibi.

leggi di più

L’Africa impestata da Dirty Diesel, soprattutto svizzero

di Franco Cavalli

 

Nel settembre del 2016 Public Eye (l’ex Dichiarazione di Berna), aveva pubblicato una documentazione molto rigorosa su una pratica scandalosa: quella di multi trust petroliferi, che vendono all’Africa prodotti assolutamente invendibili in occidente e che ne stanno avvelenando l’aria e l’ambiente in generale.

leggi di più

Quando l’estrema destra tedesca copia la Lega dei Ticinesi

di RedQ

 

Pochi oggi se lo ricordano, anche se a me è capitato ancora recentemente di vedere appiccicato sui vetri di un’automobile l’adesivo della lega raffigurante un indiano che diceva “non si sono difesi e ora vivono nelle riserve”.

leggi di più

Sanders ed i giovani rilanciano il socialismo negli USA

di Marina Catucci

 

La prima manifestazione anti Trump si è svolta il giorno immediatamente successivo alla sua elezione, al grido di “resist”, e da quel giorno in poi ogni settimana si sono tenute manifestazioni in tutti gli Stati Uniti, ...

leggi di più

Speranza di vita: gli Stati Uniti vanno a picco

di Franco Cavalli

 

Chi l’avrebbe mai pensato solo qualche anno fa? Per la prima volta nella storia moderna, la speranza di vita di chi nasce oggi in Cina supera quella dei neonati statunitensi. Secondo l’OMS siamo a 68.5 anni per quest’ultimi, 68.7 anni per i bebè cinesi.

leggi di più

Ad Afrin regna il terrore

di RedQ

 

Secondo l'ultimo rapporto pubblicato da Amnesty International, nella città curda di Afrin, occupata dalle truppe turche e da bande armate jihadiste, regna ormai il terrore, come tra l’altro Erdogan aveva varie volte minacciato di fare.

leggi di più

Farmaci stracari: licenze obbligatorie subito!

di Franco Cavalli

 

Nel settore dei farmaci anti-tumorali i nuovi medicamenti costano fino a 160’000 franchi all’anno per un singolo paziente. Novartis ha addirittura annunciato un nuovo prodotto, che verrebbe a costare circa mezzo milione di franchi per ogni paziente.

leggi di più

Cuba: rivoluzione nella rivoluzione

di Roberto Livi

 

Spesso amici e colleghi mi dicono che vogliono "visitare Cuba prima che cambi". Ma Cuba è già cambiata.

leggi di più

In Svizzera aumentano i poveri, ma per i milionari siamo maglia gialla

di RedQ

 

In Svizzera cresce il numero di coloro che non riescono più a pagar i premi di cassa malati, per cui arrischiano di non essere trattati se si ammalano o di ricevere solo trattamenti limitati. Mese dopo mese, le statistiche di tutti i cantoni dimostrano che il numero di coloro che vengono preso a carico dall’assistenza pubblica aumenta.

leggi di più

Gli straguadagni dei cassamalatari

di RedQ

 

È evidente che se avessimo una cassa malati unica, non solo avremmo una trasparenza migliore rispetto a quella attuale praticamente inesistente, ma si risparmierebbero moltissimi costi amministrativi e soprattutto salari dei grandi managers.

leggi di più

Consiglio federale, vassallo di Washington

di RedQ

 

Il nostro Consiglio Federale non è mai stato molto coraggioso quando si trattava di resistere alle pressioni del Governo americano. Ricordiamoci dei casi clamorosi di personaggi scomodi, rapiti contro tutte le regole del Diritto Internazionale ai tempi dell’ultima presidenza Bush.

leggi di più

La rivoluzione curda tratta con Damasco

di Michele Giorgio

 

La Siria non è del tutto scomparsa dalle cronache ma è sempre più raro oggi ascoltare o leggere approfondimenti sulla situazione siriana. I media internazionali, come spesso accade, pongono la loro attenzione solo su massacri e bagni di sangue.

leggi di più

DONBASS FRA SILENZIO E RESISTENZA

di Collettivo Scintilla

 

Era il febbraio 2014 quando – con un colpo di Stato ben accolto a Occidente – gli oligarchi filo – Ue e Nato e i fascisti di Svoboda e Pravyi Sektor sono saliti al potere in Ucraina.

leggi di più

Quale futuro per le FFS?

Intervista a Thomas Giedemann, ferroviere e presidente macchinisti ticinesi nel SEV

di Graziano Pestoni

 

Thomas Giedemann ha rinunciato all’automobile in favore del trasporto pubblico di cui è quindi anche utente. Entrato nelle FFS nel 1991 quando le ferrovie erano ancora una regia federale, ha vissuto tutti i cambiamenti che hanno trasformato l’ex regia in ciò che è oggi.

leggi di più

Beltranelli: noi non ci caschiamo!

di RedQ

 

Iniziative sanitarie della società civile ferme nei cassetti del DSS.

 

Di fronte al peggioramento della situazione e all’immobilismo governativo si moltiplicano le iniziative lanciate dalla società civile. A livello federale è soprattutto il disastro dell’esplosione dei premi di cassa malattia a suscitare un florilegio di iniziative.

 

leggi di più

Iniziativa popolare “per cure infermieristiche forti”!

di Annette Biegger comitato centrale Associazione Infermieri Svizzera (ASI), Esperta di Cure Infermieristiche EOC

 

Secondo le stime dell’ufficio federale di statistica, nei prossimi trent’anni in Svizzera il numero di persone ultra-sessantacinquenni raggiungerà i 2.7 milioni, quando alla fine del 2014 erano 1.5 milioni.

 

 

leggi di più

La nostra proposta per strutturare l’alternativa

L'editoriale

 

Il prossimo 26 settembre sottoporremo alla discussione e alla decisione di un’assemblea generale, aperta a tutti coloro che si interessano di quanto stiamo facendo come Forum Alternativo, una proposta di documento, che nel frattempo verrà inviato anche a quelle forze alla sinistra del PS, Verdi compresi, che si sono dimostrate interessate ad un discorso di costruzione di un movimento alternativo, perlomeno in vista delle prossime elezioni federali nell’autunno 2019.

leggi di più

Dopo Putin, la Rivoluzione?

di Yurii Colombo

 

L’elezione di Putin per la quarta volta a presidente della Federazione Russa rappresenta un fatto storico. Putin venne eletto per la prima volta nel 2000, e malgrado non sia stato presidente nel quadriennio 2008-2012, di fatto e salvo evoluzioni sempre possibili, governerà la Russia fino al 2024.

leggi di più

La persona del futuro e il ruolo della scuola

di Flavio Pico

 

Le sfide che il futuro prossimo ci impone non saranno facili da affrontare. Il surriscaldamento globale, che per parecchi anni si è cercato di negare, si sta manifestando, i mari si stanno lentamente, ma inesorabilmente innalzando, le città dovranno essere riorganizzate, in particolare quelle vicine o erette direttamente sul mare; il progresso tecnologico ci imporrà un nuovo modo di vivere, ...

leggi di più

Salario minimo, una questione di dignità e di prospettive

di Maurizio Montesi

 

Il governo ticinese, privo di coraggio e genuflesso sugli interessi padronali, ha perso un’occasione importante per ristabilire le condizioni minime di retribuzione salariale nel disastrato mondo del lavoro cantonale.

leggi di più

Stati Uniti: Maglia gialla per gli imbrogli elettorali

di RedQ

 

Il governo di Washington non la smette mai di fare le pulci alle elezioni che avvengono in paesi che non gradisce. Pensiamo solo alle violente critiche sulle elezioni venezuelane e Nicaraguensi, ai dubbi sistematici diffusi su quelle in Ecuador ed in Bolivia, per rimanere in America latina, ma potremmo citare una dozzina di altri esempi un po’ in tutto il mondo.

leggi di più

Il castello di carta della Fashion Valley Ticino

di Nestor Buratti

 

Nome del progetto: Prometheus. Obiettivo: “ridefinire l’ingegneria” del montaggio finanziario attorno alla società Luxury Good International (LGI), filiale di Cadempino di Kering, la multinazionale francese che controlla marchi come Gucci o Bottega Veneta.

leggi di più

La fine del progressismo latino-americano? Riflessioni sul Brasile

di Eleonora Selvatico

 

I candidati in disputa per le presidenziali del 7 ottobre annunciano le rotte che il Brasile immagina per il futuro. Lo spettro del progressismo s’aggira per il paese che il 7 aprile, dopo la campagna giuridico-mediatica per impedirne la candidatura, ha visto il favorito arrestato, allontanato dall’agone politico sull’onda dell’impeachment di Dilma Rousseff.

leggi di più

La mano dura di Trump contro Cuba

di Roberto Livi

 

Dal 19 aprile Cuba è entrata in una nuova fase storica. Per la prima volta è stato eletto un presidente civile, che non porta il cognome Castro, né fa parte di quella leadership che ha fatto la Rivoluzione, ma che servirà di raccordo tra questa e le nuove generazioni.

leggi di più

Casse malati e franchigie: siamo al delirio

 di Franco Cavalli

 

Vi ricordate la delirante proposta della direttrice della cassa malati cristiano-sociali(!), Philomena Colatrella, che ha ipotizzato franchigie minime di non più di 300 franchi come ora, bensì di 5’000 o addirittura 10’000 franchi.

 

leggi di più

Migranti e sindacati

di Diego Rojos

 

“Sopravvivere non è un delitto!” grida il loro sito in Internet. “Nessun essere umano è illegale!” si sente forte per le strade di Barcellona. I cittadini-migranti che molti di voi avete visto nelle vostre vacanze vendere oggetti (scarpe, borse di marca, dvd …) hanno deciso di organizzarsi nel SINDICATO DEI “MANTEROS”.

leggi di più

La frustrazione del docente

di Adriano Merlini, docente

 

I docenti ticinesi sono in crisi. Probabilmente il loro non è che uno dei molteplici segnali dello smarrimento che affligge buona parte della società globalizzata planetaria che si manifesta tramite l’enfasi della riuscita del singolo anche a discapito della collettività, l’autorità chiamata a supplire l’autorevolezza, la denigrazione del parere esperto, l’etica fluida, il pensiero breve, …

leggi di più

Chi ruba mezzo miliardo all’AVS?

di RedQ

 

Che l’AVS, che tutto il mondo civile ci invidia, sia prossima al fallimento ce lo raccontano oramai da una trentina di anni, da quando cioè il pensiero neoliberale ha stabilito come dogma che il sistema pensionistico dovrebbe sempre essere basato sul principio assicurativo, per intenderci quello del secondo pilastro.

leggi di più

Premi di cassa malati: Berset cede al PPD

di Red

 

Le cattive notizie sul fronte dei premi di cassa malati non si arrestano mai, anzi peggiorano. Il Consiglio federale, cioè Alain Berset, propone di aumentare la franchigia minima da 300 a 350 franchi.

leggi di più

Trump incendia il Medio Oriente

di Michele Giorgio

 

L'inaugurazione dell’ambasciata statunitense a Gerusalemme, tra le vane proteste dei palestinesi, è il simbolo della strategia che porta avanti con forza l’alleanza Usa-Israele-Arabia saudita.

leggi di più

A scuola d’austerità non ci vogliamo più andare!

di Zeno Casella, Sindacato SISA

 

Una scuola per tutti? Non proprio… Benché il Ticino possa vantare uno dei sistemi scolastici più avanzati e democratici della Svizzera (la scuola media unica è infatti ancora un miraggio nella maggioranza dei Cantoni d’Oltralpe)...

leggi di più

29 aprile: sconfitta di misura, vittoria politica

di FAQ

 

Un lungo abbraccio tra Vitta e Foletti: è forse questa l’immagine più significativa della domenica di votazione sugli sgravi fiscali. Il ministro erede di Masoni ringrazia quasi commosso il deputato leghista.

leggi di più

ANTIRACUP: quando lo sport unisce

di Collettivo Scintilla

 

Il termine integrazione è diventato il leitmotiv delle destre populiste di tutto il mondo. O, per meglio dire, la “mancanza d’integrazione” di cui si macchiano gli stranieri...

leggi di più

Cardiocentro: dal pollaio alle risottate

di RedQ

 

Eravamo stati i primi (v. Quaderno numero 11, giugno 2017) a segnalare che il previsto rientro del Cardiocentro Ticino (CCT) nell’ambito dell’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) entro la fine del 2020 avrebbe scatenato delle polemiche faziose, che ne avrebbero probabilmente fatto la “madre di tutte le battaglie” tra sanità pubblica e cliniche private in Ticino.

leggi di più

La Svizzera è il paese ideale per introdurre un reddito di base

di Claudio Carrer

 

Il professor Sergio Rossi illustra il funzionamento e i benefici, sia sul piano dell’individuo sia su quello della società, di un sistema che slega il reddito dal lavoro. E pronostica: è solo una questione di tempo.

leggi di più

“Il lupo perde il peso ma non il vizio”

di Eolo Vive

 

Chi se lo ricorda Norman Gobbi, non ancora Consigliere di Stato e poco prima dell’elezione a presidente del Gran Consiglio, ululare al giocatore Alston Carter per il suo colore della pelle, sfottendolo con «l’è scià il negro»?

leggi di più

Stockton, California: Reddito di cittadinanza digitale

di Luca Celada

 

La notizia rimbalzata da un angolo della California che di solito non fa notizia è questa: Stockton, l’ottava città dello stato (oltre 300'000 abitanti) si appresta a intraprendere il primo esperimento di reddito di cittadinanza o di base (universal income).

leggi di più

Investimenti massicci della Cina nella ricerca

di Franco Cavalli

 

Negli Stati Uniti è tutto un susseguirsi di proteste, anche di piazza, degli scienziati contro il prevalere di una mentalità anti- scientifica nell’amministrazione Trump e contro i previsti tagli ai programmi di ricerca.

leggi di più

Abbattere il tabù dell’Unione europea

di Damiano Bardelli

 

"Parte della sinistra, purtroppo, continua a guardare con simpatia all'Unione europea, a riconferma dello scollamento sempre più evidente tra socialdemocrazia e popolazione. Da noi il PSS sostiene ancora l'adesione della Svizzera all'UE, mentre in Italia il PD e le altre formazioni del centro-sinistra sono succubi dell'ideologia dell'europeismo.

leggi di più

C’è ancora posta per te?

di Gabriele Rossi

 

«Ohé, Sandrina, posta!» Cominciavano così molte delle mie mattine d’estate, in vacanza. Seduto al tavolo di cucina vedevo mia madre, la Sandrina, affacciarsi al piccolo pertugio fra le gelosie, accostate per tener fuori il caldo ma lasciar trapelare la luce del mattino.

leggi di più

Colombia: una «pace» insanguinata

di Damiano Matasci

 

Dopo l’accordo di pace siglato tra le Forze armate rivoluzionarie colombiane (FARC) e il governo colombiano nel mese di novembre 2016, più di 40 ex-combattenti, familiari e leader comunitari sono stati assassinanti da gruppi criminali o paramilitari legati all’estrema destra.

leggi di più

Quale futuro per la SSR?

di Graziano Pestoni

 

Il 4 marzo il popolo svizzero ha affossato l’iniziativa No Billag che intendeva sopprimere il canone radiotelevisivo, con il 71.6% di NO. In nessun Cantone è stata accolta, nemmeno in Ticino dove la campagna è stata più aspra.

leggi di più

Fermare Erdogan per salvare l’umanità

di Comitato ticinese per la ricostruzione di Kobanê

 

Dopo due mesi di bombardamenti, la città siriana di Afrin è stata occupata dall’esercito turco di Erdogan e i suoi alleati islamisti. Le pur valorose milizie delle Unità di protezione popolari (Ypg) e le miliziane delle unità di difesa delle Donne (Ypj) del Rojava hanno dovuto fronteggiare uno scontro impari sprovvisti della necessaria copertura aerea, della tecnologia e delle armi sofisticate (come quelle fornite dalla «neutrale» Svizzera) di cui è ampiamente dotato l’esercito turco.

leggi di più

“Sinistra: disorientamento sociale e culturale”

di Luciana Castellina

 

Tutti ci aspettavamo che le elezioni del 4 marzo sarebbero andate male per la sinistra. Ma nessuno si aspettava una sberla così forte, neppure chi, come me, aveva avuto modo di verificare, traversando l’Italia da nord a sud, come questa campagna elettorale risultasse la più difficile mai sperimentata.

leggi di più

Sanità e casse malati: tra black list e proposte caotiche, talora demenziali

di Franco Cavalli

 

Nonostante che UDC e Lega continuino a battere la grancassa sul tema dell’immigrazione, tutti i sondaggi recenti mostrano che attualmente il problema dell’aumento continuo dei premi di cassa malati è diventata la preoccupazione principale dei ticinesi e degli svizzeri.

leggi di più

Perché il nostro femminismo è intersezionale

di Collettivo Scintilla

 

Con femminismo intersezionale si definisce quella corrente del movimento femminista che organizza le proprie pratiche politiche e sociali partendo da una coscienza di classe che individua nelle svariate forme di oppressione una causa identificabile in un denominatore comune, ovvero la società piramidale dominata al vertice da una cultura patriarcale sessista, classista e razzista.

leggi di più

Distrutti molti atti sull’esercito segreto P26

di RedQ

 

A molti oggi lo scandalo dell’armata segreta P26 come pure tutta la storia, altrettanto scandalosa, delle schedature, non dice più molto. Eppure all’inizio degli anni ’90 del secolo scorso (quindi meno di 30 anni fa) furono temi che per mesi infiammarono l’opinione pubblica svizzera che si trovò improvvisamente confrontata con delle rivelazioni sensazionali.

leggi di più

Cure dentarie: cattive notizie da Losanna e da Bellinzona

di RedQ

 

L’ultimo 4 marzo non si è votato solo su «No Billag», anche se i nostri media, essendo per una volta toccati nei loro interessi, ci hanno bombardati, talora in modo quasi stucchevole, solo con quest’ultima.

leggi di più

Un voto contro i ricatti e le menzogne

Editoriale Q15

 

Il voto del 29 aprile ha una valenza decisiva, costituisce uno spartiacque per un cambiamento nella politica di questo Consiglio di Stato. Il Governo di Argo1, il Governo degli allegri rimborsi spese. Il Governo dei tagli negli assegni integrativi e di prima infanzia di 800 famiglie ticinesi. Il Governo dei risparmi nei sussidi di cassa malati. Questi Signori ora sostengono di voler aiutare le famiglie con la riforma «fiscale-sociale». Un inganno!

leggi di più

Fascismo, cane da guardia del capitale

di Collettivo Scintilla

 

«I fascisti non sono mica come i funghi, che nascono così, in una notte. No. I fascisti sono stati i padroni a seminarli, li hanno voluti, li hanno pagati. E coi fascisti i padroni hanno guadagnato sempre di più, al punto che non sapevano più dove metterli i soldi».

leggi di più

America, che pena!

 di RedQ

 

Il delegato speciale dell’ONU per i problemi di povertà ha pubblicato in dicembre un rapporto sulla situazione degli Stati Uniti, che è a dir poco sconvolgente. Almeno 41 milioni di americani (e sarebbe già quasi il 20% della popolazione) vive al di sotto della soglia di povertà.

leggi di più

I mille miliardi della Banca Nazionale ci appartengono!

di RedQ

 

A molti sarà girata la testa sentendo che l’anno scorso la Banca Nazionale ha guadagnato, udite udite, 54 miliardi! Per fare un paragone: questa cifra corrisponde grosso modo al budget annuo della Confederazione ed è superiore alla cifra d’affari di un colosso quale Roche.

leggi di più

Che tremi nel suo centro la terra: una candidatura per ribaltare un paese

di Afroditea

 

Parlare oggi di Messico vuol dire parlare di uno stato generale di violenza incrostatosi in tutto il territorio. Una violenza generalizzata che ha preso forma nel 2006 dalla dichiarata guerra al narcotraffico dell’allora presidente Felipe Calderon e che in 11 anni ha causato più di 100’000 morti e almeno 31’000 scomparsi (come i 43 studenti spariti ad Ayotzinapa nel 2014 con le evidenti implicazioni del governo).

leggi di più

FFS alla canna del gas

di RedQ

 

Vi ricordate lo slogan «viaggio in treno, viaggio sereno»? È dei tempi, non così lontani, di quando le FFS, assieme alle PTT, erano uno dei fiori all’occhiello della Svizzera? Ora invece quando se ne parla è soprattutto o per i salari milionari dei loro dirigenti o per le sempre più frequenti disfunzioni.

leggi di più

Lottare per i diritti: scioperare conviene!

di RedQ

 

 

 

 

In Svizzera ci sono più conflitti sul posto di lavoro di quanto l’ideologia dominante voglia ammettere. Alla fine degli anni ’90 assistiamo a una ripresa di queste lotte. La sola UNIA ha sostenuto tra il 2000 e il 2016 ben 112 lotte sul posto di lavoro. Il libro «Scioperi nel 21° secolo» descrive in modo esemplare una ventina di queste lotte, dallo sciopero alla Zeba di Basilea a diversi conflitti nel settore dell’edilizia, alle lotte a Swissmetal e a Novartis fino ai conflitti in Ticino, alle Officine e all’Exten. Nel libro viene in particolare discussa la dinamica di queste lotte sul posto di lavoro e definite le loro caratteristiche specifiche.

leggi di più

Giù le mani dall'officina!

di Red

 

Intervista a Gianni Frizzo

"Come si può pretendere dalle maestranze un’adesione a questo catastrofico progetto?"

leggi di più

Officine: se questa è democrazia...

Lo sciopero delle Officine del 2008, il più importante in Svizzera dopo quello generale di 100 anni fa, ha rappresentato sicuramente, e non solo per il Ticino, un avvenimento di portata storica. Se nel 1918 la borghesia svizzera fece intervenire l’esercito contro gli

scioperanti, 10 anni fa si arrivò a un passo dall’occupazione, e quindi dal blocco della linea ferroviaria del Gottardo, ciò che avrebbe sicuramente portato a un massiccio intervento delle forze di sicurezza (e forse anche dell’esercito).


leggi di più

Serve uno scatto da parte della Sinistra e del Sindacato

di Enrico Borelli

 

Alla luce della situazione del mercato del lavoro ticinese è indispensabile che nella Sinistra e nel movimento sindacale si mantenga l’attenzione sull’esigenza di rafforzare le misure di accompagnamento.

La realtà in Ticino è drammatica ed è necessario, a livello federale, prendere compiutamente coscienza di questa situazione.

leggi di più

UPC e No Billag: il derby neoliberista

di Nestor Buratti

 

All'improvviso tutto il Cantone diventò anti-liberista. È successo lo scorso 7 settembre, quando cioè la RSI ha comunicato che non avrebbe trasmesso, per la stagione 2016/2017, i derby di hockey tra Ambrì e Lugano. Una prima per la radiotelevisione pubblica che da tempo immemore trasmette l'amato evento sportivo. Una novità che ha suscitato un mare di polemiche e fiumi di parole sui social network nostrani. Eppure è la legge del mercato, applicata in questo caso ai diritti tv.

leggi di più

Monopoli farmaceutici: solo con il narcotraffico si guadagna di più!

di Franco Cavalli

Il settore delle multinazionali farmaceutiche è quello che mostra meglio di ogni altro non solo l’iniquità, ma al limite addirittura il delirio a cui arriva l’attuale sistema capitalistico, basato sulla cosiddetta share-holder value, cioè sul massimizzare i guadagni borsistici a breve scadenza. Per avere le quotazioni borsistiche le più alte possibili, bisogna cioè massimizzare i profitti. Per fare ciò, o si risparmia sulla manodopera, soprattutto con le mega-fusioni o si vendono i farmaci a dei prezzi astronomici.

leggi di più

Dopo il NO a Previdenza 2020 è urgente aumentare le rendite dell’AVS per tutti/e

di Graziano Pestoni

 

Questa riforma ignorava totalmente la struttura del sistema pensionistico svizzero.

Essa tentava di mettere tanti e inutili cerotti al secondo pilastro, ben sapendo che lo stesso ha difficoltà insormontabili, invece di potenziare l’AVS, un pilastro solido, efficace e particolarmente moderno, anche se è nato nel 1947!

leggi di più

L’alleanza tra Israele e Arabia Saudita sconvolge il Medio Oriente

di Michele Giorgio

 

Il terremoto scatenato dal 32enne principe ereditario saudita Mohammed bin Salman all'interno del suo Paese e nella regione mediorientale, imponendo le dimissioni al premier libanese Saad Hariri allo scopo di sfidare apertamente l'Iran e i suoi alleati, fa vacillare pericolosamente gli equilibri che si sono consolidati nella regione in questi ultimi due anni, dopo l'ingresso prepotente della Russia a sostegno del presidente siriano e la firma nel luglio 2015 dell'accordo internazionale che ha riconosciuto la legittimità del programma nucleare civile dell'Iran, tra lo sgomento di Riyadh e Tel Aviv.

leggi di più

Salario minimo: la triste proposta del Consiglio di Stato

di ForumAlternativo

 

Lo scorso 8 novembre il Consiglio di Stato ha approvato il messaggio relativo alla nuova Legge sul salario minimo. Una giornata molto triste per i salariati e la popolazione di questo cantone.

leggi di più

Malgrado tutto, dobbiamo bocciare NO Billag

di Gerpes

La radio e soprattutto la televisione, spesso, non ci soddisfa.

I servizi informativi sono lacunosi e non di rado di parte. I partiti dominanti e gli interessi del capitale hanno uno spazio privilegiato. Tutto quanto sa di sinistra, per esempio ma non solo in America latina, è presentato in forme non soddisfacenti. Un’analisi particolareggiata dei servizi informativi, salvo rare e lodevoli eccezioni, dimostrerebbe la parzialità di tante notizie.

Appare pure evidente che non sempre i fondi a disposizione sono utilizzati con il dovuto rigore.Ciò non dovrebbe essere il caso per reti televisive pubbliche.

leggi di più

Moderazione, addio! Le idee radicali sono tornate

di Damiano Bardelli 

 

Continua imperterrito l’anno nero della socialdemocrazia cosiddetta «moderata» e «pragmatica». Dopo l’implosione del Partito Socialista Francese, ormai diviso tra entusiasti di Macron e personaggi irrilevanti, le legislative in Germania sono state teatro del crollo della SPD, guidata al disastro dal liberale Martin Schulz.

 

In Svizzera, intanto, abbiamo assistito alla sonora bocciatura della riforma della Previdenza Vecchiaia 2020 partorita da Alain Berset.

 

Ironia della sorte, stando agli ultimi sondaggi la PV 2020 è stata respinta proprio da donne, giovani e persone a basso reddito, vale a dire quelle persone che la riforma l’avrebbero pagata sulla propria pelle e che l’attuale dirigenza del PSS afferma di voler difendere… Intanto, i partiti e i movimenti che hanno scelto di alzare la soglia delle loro rivendicazioni e di rispolverare una prospettiva di classe stanno vivendo un momento positivo.

leggi di più

La nuova frontiera del capitalismo: la vita a disposizione del lavoro

di Claudio Carrer (7 dicembre 2017)

Chiacchierata a tutto campo con l’economista Christian Marazzi: l’attualità dell’analisi di Marx nel Capitale pubblicato 150 anni fa, il biocapitalismo odierno, la crisi della socialdemocrazia e gli errori dei movimenti marxisti.

Questo 2017 che si sta per concludere coincide con il 150° anniversario della pubblicazione del primo volume della monumentale opera di economia politica Il Capitale del filosofo tedesco Karl Marx. Un’opera antica ma al tempo stesso moderna e attualissima: seppur concepita in un’epoca storica in cui il capitalismo era dominate solo in Gran Bretagna, essa resta uno strumento fondamentale per comprendere la natura delle ingiustizie e degli squilibri di questo sistema economico, nel frattempo divenuto dominante e globale.

leggi di più

Meno diritti per tutti

di Chiara Landi ... da Quaderno 11

 

La politica migratoria e la discriminazione classista: 


 

tolgono ai migranti per togliere a tutti.

 

leggi di più

Cassis 67, c'est moi

Di Riccardo Zampagna ... da "Quaderno 10"

 

Ignazio Cassis ha il volto rassicurante della brava persona, dai modi affabili e, a detta di chi lo conosce personalmente, socievole e simpatico. Non vi sono dubbi che sia così.

Un conto però è la persona, un altro l’uomo politico le cui decisioni influenzano le vite di tutti noi. La responsabilità individuale tanto cara a Cassis, produce delle conseguenze collettive che derivano dalle scelte dell’uomo politico.

 Ripercorriamo dunque la sua ascesa politica e analizziamo il ruolo che in questo momento gioca all’interno del processo decisionale del palazzo bernese.

leggi di più

Frontalieri e dumping salariale

... da "Quaderno10"

 

I ticinesi vogliono interventi decisi contro le derive del mercato del lavoro.

 

Ne discutiamo con Giangiorgio Gargantini, responsabile della sezione sottoceneri del sindacato UNiA.

 

Il voto ticinese sulle iniziative, “Prima i nostri”, “Basta dumping” e relativi controprogetti, è stato analizzato dall’Osservatorio della vita politica regionale che ha recentemente pubblicato uno studio in merito.

 

leggi di più