È ora di cambiare, seguendo l’onda viola del 14 giugno

di Red

 

Lo sciopero delle donne andato in scena in tutta la Svizzera lo scorso 14 giugno ha rappresentato la mobilitazione sociale più imponente nella storia del nostro paese. 500'000 donne e uomini solidali sono scesi nella piazze di tutte le principali città svizzere per rivendicare rispetto e diritti oggi purtroppo ancora vergognosamente negati.

leggi di più

Oltre il femminismo. Intervista a Franca Cleis

di Red

 

Vi proponiamo questa interessante intervista che Sabrina Riccio e Manuela Cattaneo hanno fatto a Franca Cleis in vista della sciopero della donne del 14 giugno e pubblicata sul nostro ultimo Quaderno nella rubrica "Oltre il femminismo".

leggi di più

Sciopero delle donne - Bellinzona

Un’onda viola invade Bellinzona "il Ticino se la ricorderà per un pezzo"

Sindacato Unia Ticino e Moesa

 

Circa 10.000 donne e uomini stanno sfilando per le vie di Bellinzona, dando vita all’atto conclusivo della giornata di sciopero femminista e delle donne, che in tutta la Svizzera ha ottenuto un’adesione eccezionale, con centinaia di migliaia di partecipanti paragonabile al successo del primo storico sciopero del 1991.

leggi di più

È tutto pronto per la grande e storica mobilitazione

Gruppo Donne USS, Coordinamento donne della sinistra

 

Mancano pochi giorni al grande sciopero delle donne che attraverserà tutta la Svizzera e infiammerà il Ticino. Numerose le attività in programma in diverse città ticinesi, numerosi i momenti di incontro e le possibilità per partecipare a questa storica giornata dedicata ai diritti delle donne.

leggi di più

14 giugno 2019 SCIOPERO!

leggi di più

Media, donne e violenza: un trinomio da non sottovalutare

Giulia Petralli, per le Giovani Verdi

 

Sembra essersi placato il polverone sollevato in merito alla trasmissione della RSI «Politicamente scorretto», in cui due ragazze sono state impiegate come manichini in un quiz di anatomia.

leggi di più

"Se le donne vogliono, tutto si ferma"

di Manuela Cattaneo e Sabrina Riccio

 

Un compito arduo quello di essere riconosciute soggetti interi, è quasi come se fossimo composte di tante parti, di cui pochi conoscono i segreti, i dolori, le difficoltà. Ma tutti hanno qualcosa da dire al posto nostro. Sempre.

leggi di più

Un Primo maggio che sa di 14 giugno

USS Ticino e Moesa

 

«La nostra è una storia di discriminazioni dalla culla alla tomba». «Pretendiamo più rispetto, più salario e più tempo». Il senso e le finalità dell’odierna Festa dei lavoratori celebrata Locarno sono racchiusi in queste due frasi estrapolate dall’intervento d’apertura del corteo di Chiara Landi, in rappresentanza delle donne dell’Unione sindacale svizzera Ticino e Moesa.

leggi di più

Parità, solidarietà. Rispetto Ogni giorno. Senza muri e senza paure

USS Gruppo Donne Ticino e Moesa

 

Una delle rivendicazioni delle manifestazioni del Primo Maggio, è l’aumento del potere d’acquisto. I sindacati dell’Unione sindacale svizzera ne fanno una priorità assoluta. Di fatto i salari reali di salariati e salariate stanno stagnando da almeno due anni, mentre quelli dei manager continuano ad aumentare.

leggi di più

Serata informativa

Martedì 7 maggio 2019 - Lugano

leggi di più

I falò: le donne mostrano coraggio!

coordinamento nazionale Donne in sciopero

 

Care lavoratrici agricole e donne che vivono nelle zone di campagna, 28 anni dopo il primo sciopero delle donne nel 1991, torniamo in strada il 14 giugno 2019 per rivendicare la parità dei diritti e dei salari, la sicurezza sociale, delle pensioni dignitose e contro ogni forma di violenza contro le donne.

leggi di più

Anche in Ticino ri-tornano i fondamentalisti contro l’aborto

Gruppo Donne USS, Coordinamento donne della sinistra

 

Nella seduta di Gran Consiglio del 14 marzo 2019 una larga maggioranza ha approvato una mozione volta ad istituire una giornata per la vita il 25 marzo di ogni anno.

leggi di più

Appello per lo sciopero delle donne

di Red

 

Bienne, 10 marzo 2019. Più di 500 donne provenienti dai vari collettivi regionali hanno dato vita all'Assemblea Nazionale per lo sciopero femmista del 14 giugno.

Di seguito l'appello lanciato alla fine dei lavori.

leggi di più

Per una scuola emancipatrice e promotrice della parità

Sindacato SISA

 

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e degli Apprendisti ha partecipato al flashmob unitario promosso dalle donne dell’Unione sindacale svizzera, durante il quale si sono espresse le rivendicazioni del movimento sindacale per una vera parità di genere.

leggi di più

Con un’unica voce: sciopero “Indietro non torniamo”

Gruppo Donne USS, Coordinamento donne della sinistra

 

Un orologio su Piazza Dante a Lugano. Ad ogni ora una denuncia. Una rivendicazione. Un appello. Ad ogni ora una parola di donna per fare sentire le voci di tutte le donne. Cartelli colorati, messaggi di solidarietà, striscioni. E soprattutto l’avvio verso lo sciopero delle donne, che per la seconda volta nella storia mobiliterà le donne di tutta la Svizzera. Come nel 1991.

leggi di più

Comunicato della KJK per l’8 marzo 2019

Coordinamento delle comunità delle donne curde

 

A tutte le donne del mondo, alle nostre sorelle e compagne, Dalle montagne del Kurdistan, che sono parte di quelle terre dove le forme...

leggi di più

8 marzo 2019 Le donne si mobilitano. Le donne si fermano

Gruppo Donne USS, Coordinamento donne della sinistra

 

Il tempo è scaduto e per scandire le ore delle rivendicazioni vi aspettiamo venerdì 8 marzo alle ore 11.15 in Piazza Dante a Lugano.

 

 

leggi di più

Conto alla rovescia verso lo sciopero delle donne

È partito il conto alla rovescia!

Vi aspettiamo in piazza Dante a Lugano venerdì 8 marzo alle 11.15. Condividete!

leggi di più

Assemblea nazionale per lo sciopero femminista del 14 giugno

Coordinamento nazionale dei Collettivi

 

Questa Assemblea sarà il solo incontro nazionale di tutti i Collettivi che in Svizzera preparano attivamente lo sciopero femminista del 14 giugno 2019. Si tratta di un momento unico e importante per lanciare l’appello nazionale allo sciopero e per avere uno scambio di esperienze e idee tra noi tutte*.

leggi di più

Trova la differenza

 Erika Franc, I Verdi del Ticino

 

Quest’anno la questione della presenza di donne in politica è giustamente salito alla ribalta. Ci sono molti fattori che influiscono sulla scarsa presenza di donne in politica.

 

 

 

leggi di più

Così è nato lo sciopero femminista in Spagna

di Claudio Carrer

 

Uno sciopero che ha coinvolto non solo il mondo del lavoro tradizionale ma tutte le sfere della vita, perché le donne sono vittime di discriminazioni e soprusi ovunque.

 

leggi di più

A tutto gas verso lo sciopero delle donne del 14 giugno 2019

di Red

 

Continuano a progredire le diseguaglianze salariali. Le donne percepiscono il 19.6% in meno rispetto agli uomini. Nel 42.9% dei casi la differenza non è giustificata. È una situazione vergognosa e inaccettabile che non può più essere tollerata.

leggi di più

Verso lo sciopero femminista e delle donne

Seminario militanti Unia Ticino e Moesa

 

Le militanti e i militanti di Unia Ticino e Moesa si uniscono alla lotta delle donne svizzere e di tutto il mondo e sosterranno attivamente lo sciopero femminista e delle donne del 14 giugno 2019. Nel gennaio 2018 il Congresso delle donne USS ha lanciato la sfida di un nuovo sciopero delle donne in Svizzera nel 2019.

 

 

leggi di più

14 giugno 2019: Donne in sciopero. Costituito il coordinamento cantonale

Bellinzona 14 gennaio 2019

 

Se le donne vogliono, tutto si ferma. Uno storico slogan che nel 1991 aveva racchiuso tutta la forza del primo sciopero nazionale delle donne, seguito in tutta la Svizzera da oltre mezzo milione di persone. Le donne torneranno a scioperare il prossimo 14 giugno 2019 per denunciare disparità, discriminazioni, abusi e rivendicare non solo la parità nei fatti, ma anche pieni diritti come persone.

leggi di più

Verso lo sciopero nazionale delle donne

di RedQ

 

Il 22 settembre 2018 oltre 20’000 persone sono sfilate per le strade di Berna per la grande manifestazione a difesa della parità salariale e per i diritti delle donne.

leggi di più

Lettera aperta al Comune di Lugano e al Cantone Ticino contro le immagini di Philipp Plein

coordinamento donne della sinistra e donne USS

 

Lugano, sede internazionale di un'azienda che sfrutta le donne lavoratrici, Philipp Plein si è riconfermata negli scorsi giorni con la sua campagna per il Black friday come un'azienda senza scrupoli.

leggi di più

La misura è colma

di Claudio Carrer

 

Mentre nel paese cresce l’insofferenza verso le ingiustizie sociali, nel Palazzo continua a regnare l’indifferenza, quasi il disprezzo di fronte alle rivendicazioni della popolazione.

leggi di più

Revisione della legge sulla parità salariale lesiva della dignità delle donne

di Red

 

È davvero ben poca cosa le revisione della legge sulla parità approvata ieri dal Consiglio nazionale. Uno vero schiaffo per tutte le salariate di questo Paese che da 40 anni ormai attendono che il principio ancorato nella Costituzione possa venire concretizzato sul piano legislativo.

leggi di più

20'000 persone sfilano per le strade di Berna. Un segnale da cogliere!

di Red

 

Davvero imponente la manifestazione organizzata sabato a Berna a sostegno della parità salariale e per i diritti di tutte le donne, che ha visto la partecipazione di 20'000 persone.

leggi di più

20’000 persone dicono basta alla discriminazione delle donne!

sindacato UNIA

 

#Enough: 20’000 persone ne hanno abbastanza del fatto che da 37 anni il mandato costituzionale della parità salariale venga calpestato e il sessismo sia tuttora all’ordine del giorno. La loro rivendicazione principale nei confronti del Consiglio nazionale è chiara: occorrono misure efficaci a favore della parità salariale!

leggi di più

Le tre ghinee

di Manuela Cattaneo

 

“Guardate il lato buono di ogni giornata, trattate bene i vostri mariti e approfittate delle vostre vite”. Erano questi i consigli alle giovani spose degli indiani Hopi in Colorado. Un’immagine rassicurante dei rapporti uomo donna, che mi spinge a riflettere e scartabellare sui ripiani delle librerie alla ricerca di “vecchi” libri.

leggi di più

Parità salariale. Punto e basta!

di Sabrina Riccio

 

Abbiamo sempre dovuto lottare per la parità. Adesso è tornato il momento di far sentire la nostra voce! Adesso basta! Dobbiamo passare dalle parole ai fatti! Con questi slogan le donne di tutta la Svizzera lanciano la grande manifestazione nazionale di sabato 22 settembre a Berna per la parità salariale e contro la discriminazione.

leggi di più

Preludio alla manifestazione nazionale #ENOUGH18

Barbara Di Marco

 

“(…)Uomo e donna hanno diritto a un salario uguale per un lavoro di uguale valore.” Così dice la Costituzione federale svizzera già dal 14 giugno 1981. Dopo 37 anni la parità salariale non è tuttavia stata raggiunta, e ancora oggi le donne devono lavorare 6 giorni per guadagnare quanto un uomo in 5. A chi piacerebbe lavorare gratis ogni sabato dopo 5 giorni di lavoro, caricandosi anche gran parte del lavoro domestico e di cura dei famigliari (figli, parenti anziani)?

 

leggi di più

Manifestazione Nazionale per la parità salariale e contro le discriminazioni

SABATO 22 SETTEMBRE - BERNA

leggi di più

Parità salariale: "J'ACCUSE" di protesta davanti al tribunale federale a Bellinzona

di Red

 

Azione di protesta questa mattina davanti al Tribunale penale federale di Bellinzona delle Donne USS Ticino e Moesa e Coordinamento Donne della sinistra. Un “J’accuse” per denunciare gli abusi e le discriminazioni che le donne e le persone più vulnerabili soffrono ancora oggi nel nostro Paese.

leggi di più

Parità: tutti gli appuntamenti del 14 giugno in Ticino

Donne USS Ticino e Moesa e Coordinamento donne della sinistra

 

Per le associazioni femministe e le organizzazioni sindacali il 14 giugno rappresenta ogni anno un'occasione per mobilitarsi e mettere sotto gli occhi delle cittadine e dei cittadini una situazione insostenibile per le donne e per tutte le persone vulnerabili del nostro Paese.

leggi di più

Parità salariale: indecorosa proposta del Consiglio degli Stati

di ForumAlternativo

 

Tutti a Berna sabato 22 settembre per la grande manifestazione a favore della parità.

Mentre il Fondo monetario internazionale afferma che la parità salariale ha chiari benefici sul Pil, negli scorsi giorni il Consiglio degli Stati ha discusso e approvato una modifica di legge assolutamente inconsistente e blanda.

leggi di più

Un’offensiva per la parità salariale

Sindacato Unia Ticino e Moesa

 

I delegati di Unia Ticino chiamano a una grande mobilitazione Il sindacato Unia Ticino s’impegna a contribuire con il massimo degli sforzi a una mobilitazione di massa per la parità e contro la discriminazione salariale in Svizzera.

leggi di più

PARITÀ SALARIALE: I CONTROLLI SERVONO

di Chiara Landi resp. Gruppo donne Unia

 

Il presidente della SSIC Gian Luca Lardi (CdT 12 maggio) ci mette in guardia dai pericoli dei fischietti che rischierebbero di «stordire» la politica. l pensiero di Lardi è più che mai coerente: dalla battaglia sulla deregolamentazione degli orari e dei tempi di riposo, Lardi passa a quella contro i controlli che le organizzazioni sindacali da tempo chiedono per realizzare finalmente il principio costituzionale della parità salariale.

leggi di più

Sciopero Delle Donne 2019, Anche In Ticino!

Ci incontreremo giovedì 7 giugno alle 20.00 al Tra a Lugano (via castausio 3) per iniziare a discutere di come lanciare e organizzare questo sciopero a livello ticinese.

leggi di più

Parità all'acqua di rose? Non fa per noi!

GIOVEDÌ 14 GIUGNO - ORE 17.30

Casa del Popolo - Bellinzona

leggi di più

Parità salariale. Punto e basta! È tempo di scegliere tra solidarietà e divisione sociale.

di Red

 

Vi proponiamo il discorso pronunciato a Zurigo in occasione della Festa del 1 maggio da Vania Alleva presidente nazionale del sindacato Unia. Un discorso che ben evidenzia come la lotta per i diritti debba coinvolgere l’insieme delle persone senza distinzione di genere o nazionalità.

leggi di più

PARITÀ SALARIALE SUBITO!


di Eleonora Failla

 

La nostra Costituzione sancisce l’uguaglianza tra uomini e donne nel lavoro, la LPar vieta qualsiasi discriminazione salariale basata sul genere, ma, nonostante questo, ci ritroviamo ancora oggi, nel 2018, a scendere in piazza, a far sentire la nostra voce ed a lottare contro la disparità salariale.

leggi di più

La parità non migliora con gli sgravi fiscali

Gruppo Donne USS Ticino e Moesa

 

C’è una forma di mistificazione nell’affermare che con gli sgravi fiscali per 52,5 milioni di franchi a favore delle aziende, la parità ne gioverebbe grazie alla contropartita del pacchetto sociale.

leggi di più

SI AVVICINA IL PRIMO MAGGIO

di Enrico Borelli Segretario regionale Unia Ticino

 

Tra pochi giorni si celebrerà la festa del 1 maggio. In Ticino la manifestazione principale si terrà a Locarno con il ritrovo fissato a partire dalle ore 11.00 presso la stazione FFS.

leggi di più

Riforma fiscale: la parità svenduta

Caterina Pedrini Verdi del Ticino 

 

Cosa c’entrano sgravi per 52,5 milioni di franchi ai milionari e alle grandi aziende con la parità? Niente, assolutamente niente. Ma c’è chi vuol farci credere che saranno beneficiare di questa ennesimo regalo concesso a chi non ne ha bisogno.

leggi di più

Riforma fiscale? Parità e conciliazione lavoro-famiglia in ostaggio

Simona Arigoni Verdi del Ticino

 

A 37 anni dall’introduzione nella Costituzione dell’articolo sulla parità, nessuno dovrebbe più usare la parità e le misure di conciliazione lavoro-famiglia come ostaggi per ottenere 52,5 milioni di sgravi per i milionari e le grandi imprese.

leggi di più

Sconfiggere la violenza economica per liberare la donna

di Red

 

Intervista a

Chiara Landi, sindacalista di Unia "... arrivare a uno sciopero generale..." "... tutte le attività produttive e riproduttive..."

"... senza le donne, si ferma tutto..."

 

Chiara, quando potremo dire che la donna sarà veramente libera e autonoma nelle proprie scelte?

 

Il fulcro dell’indipendenza di una donna è l’indipendenza economica, da cui discende la possibilità di godere di una serie di libertà oggi ancora negate. Senza una sicurezza finanziaria, dovuta a un lavoro precario, sottopagato o in nero, alla donna si nega il diritto all’autodeterminazione. La si priva, ad esempio, della libertà di lasciare il marito nel caso di violenza domestica. Se si vogliono ottenere dei progressi nel campo dell’uguaglianza, affrontare la violenza economica imposta alle donne dalla struttura del mondo del lavoro attuale è fondamentale.

 

leggi di più