Politica

Iniziativa Moneta Intera: I soldi sono dello Stato o delle banche?

di Ivan Miozzari

 

Le banche creano moneta. Concedendo un credito non ricorrono a soldi propri o a quelli depositati sui conti. Prestano soldi che non hanno. Li creano all’istante dal nulla. Le banche creano moneta anche quando fanno investimenti propri. Quando comprano titoli, immobili o magari metalli preziosi.

leggi di più

Abbattere il tabù dell’Unione europea

di Damiano Bardelli

 

"Parte della sinistra, purtroppo, continua a guardare con simpatia all'Unione europea, a riconferma dello scollamento sempre più evidente tra socialdemocrazia e popolazione. Da noi il PSS sostiene ancora l'adesione della Svizzera all'UE, mentre in Italia il PD e le altre formazioni del centro-sinistra sono succubi dell'ideologia dell'europeismo.

leggi di più

Opporsi senza se e senza ma al Progetto fiscale 17

di ForumAlternativo

 

Cartellino giallo a Levrat e ai parlamentari del PSS che a Berna si sono schierati col fronte borghese. Nel corso della giornata di ieri la Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio degli Stati ha deciso di legare il Progetto fiscale 17 (attualmente in discussione a seguito della bocciatura da parte del popolo della Riforma III delle imprese) al finanziamento dell’AVS.

leggi di più

Marx vivo e vegeto

di Franco Cavalli

 

Il 5 maggio di 200 anni fa nacque a Treviri Carlo Marx: la cittadina tedesca, ancora oggi molto conservatrice, ha sempre avuto grosse remore con l’onorare in modo adeguato il suo figlio più famoso.

leggi di più

L’amore del Pride vincerà sull’odio degli integralisti

di Red

 

Negli scorsi giorni, il Municipio di Lugano ha deciso di non consentire l’organizzazione di un rosario pubblico contro la parata del Gay Pride che si terrà sulle rive del Ceresio il prossimo 2 giugno.

leggi di più

I destini incrociati di Karl Marx

di Paolo Favilli

 

Bicentenario. La lunga stagione di una indagine teorica e di un pensiero che ha voluto essere rivoluzionario. La locuzione ricorrente secondo cui «Il capitale» sarebbe stato la «Bibbia» del movimento operaio è falsa e vera. Niente era più estraneo agli intendimenti del filosofo di Treviri.

leggi di più

Assolti i giornalisti e la libertà di stampa

di Ivan Miozzari

 

Che il giornalismo sia il "cane da guardia della democrazia" lo afferma ora anche la sentenza del giudice Siro Quadri.

leggi di più

Riforma fiscale, campane a morto per il PS

di Damiano Bardelli

 

Il Partito socialista è morto con il risultato della Riforma fiscale di questa domenica. Quella che fu la principale istituzione di difesa dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori in Ticino oggi non esiste più, è diventata una zavorra per le lotte portate avanti dalla sinistra.

leggi di più

Perché il nostro femminismo è intersezionale

di Collettivo Scintilla

 

Con femminismo intersezionale si definisce quella corrente del movimento femminista che organizza le proprie pratiche politiche e sociali partendo da una coscienza di classe che individua nelle svariate forme di oppressione una causa identificabile in un denominatore comune, ovvero la società piramidale dominata al vertice da una cultura patriarcale sessista, classista e razzista.

leggi di più

Riforma fiscale: il patto sociale non c’è

Comitato unitario contro la Riforma fiscale

 

Il risultato della votazione sulla Riforma fiscale, il ridottissimo scarto che divide i voti favorevoli e contrari e un Ticino spaccato in due dimostrano che in seno alla popolazione non ci sia un patto sociale a sostegno di questa riforma, contrariamente a quanto affermato ripetutamente da Governo e Parlamento.

leggi di più

Fermate la chiusura degli uffici postali!

di Red

 

Questa mattina il COMITATO PER LA DIFESA DEGLI UFFICI POSTALI ha scritto alla deputazione ticinese alle Camere Federali chiedendo una moratoria sulla chiusura degli uffici postali.

leggi di più

Giorno di festa per i super ricchi, grazie all'élite del Partito Socialista

di ForumAlternativo

 

Un vantato “patto di paese” salvato da 193 voti. Le imminenti prossime politiche di sgravi annunciate dal governo, devono essere messe immediatamente nel cassetto.

leggi di più

Non facciamoci fregare!

leggi di più

ILLIBERTÀ DI STAMPA

di Ivan Miozzari

 

La difesa della reputazione è sempre nel diritto di chi vede la propria onorabilità messa in discussione. La Clinica Sant’Anna ritiene di essere stata diffamata dal lavoro giornalistico del Caffè. 

leggi di più

Distrutti molti atti sull’esercito segreto P26

di RedQ

 

A molti oggi lo scandalo dell’armata segreta P26 come pure tutta la storia, altrettanto scandalosa, delle schedature, non dice più molto. Eppure all’inizio degli anni ’90 del secolo scorso (quindi meno di 30 anni fa) furono temi che per mesi infiammarono l’opinione pubblica svizzera che si trovò improvvisamente confrontata con delle rivelazioni sensazionali.

leggi di più

La parità non migliora con gli sgravi fiscali

Gruppo Donne USS Ticino e Moesa

 

C’è una forma di mistificazione nell’affermare che con gli sgravi fiscali per 52,5 milioni di franchi a favore delle aziende, la parità ne gioverebbe grazie alla contropartita del pacchetto sociale.

leggi di più

Sgravi fiscali: eticamente inaccettabili

di Graziano Pestoni

 

Fra alcuni giorni saremo chiamati a decidere sugli sgravi adottati dalla maggioranza del Gran Consiglio a favore dei detentori di patrimoni plurimilionari. La perdita per le finanze pubbliche è stata quantificata in circa 50 milioni di franchi.

leggi di più

NON SI TRATTA “SOLO” DI SGRAVI FISCALI! C’È IN GIOCO IL NOSTRO FUTURO!

Comitato unitario contro la Riforma fiscale

 

Il prossimo 29 aprile non si vota solo sugli sgravi fiscali.

Si decide davvero su quali basi vogliamo costruire il futuro del nostro Cantone!

leggi di più

Una riforma che crea ingiustizie

di Franco Cavalli 

 

Il 29 aprile voterò un convinto no alla riforma fiscale. Non ho dimenticato la sofferenza delle persone confrontate ai tagli a senso unico imposti dal Governo cantonale negli scorsi anni.

leggi di più

Non facciamoci fregare - video


leggi di più

Libertà di stampa a processo

di Red

 

Inizierà giovedì 27 aprile il processo presso la pretura penale di Bellinzona contro i giornalisti del Caffè. La clinica St’Anna (gruppo Genolier) li accusa di aver portato pregiudizio alla libera concorrenza con i loro articoli e le loro inchieste sulla malasanità.

leggi di più

Ginevra: la sinistra che convince

di Joël Depommier

 

Missione compiuta. Alle cantonali dello scorso fine settimana, Ensemble à Gauche (EàG) [Insieme a sinistra, alleanza elettorale che da diversi anni riunisce i partiti della sinistra radicale ginevrina, tra cui solidaritéS e la sezione locale del Partito del Lavoro, ndt] ha superato il quorum del 7% necessario per entrare nel Gran Consiglio ginevrino (con il 7,83% dei voti), mantenendo i suoi 9 eletti in parlamento.

leggi di più

È iniziata oggi la raccolta firme!

Download
Formulario Ufficiale.pdf
Documento Adobe Acrobat 717.4 KB
leggi di più

Posta: la Grande Bugia

di Graziano Pestoni

 

La Posta, ormai tutti lo hanno potuto constatare, sta vivendo grandi cambiamenti: privatizzazioni, smantellamenti, chiusure di uffici, peggioramento delle condizioni di lavoro. La Posta presenta questi cambiamenti come inevitabili. Sarebbero la conseguenza della rivoluzione tecnologica in corso e delle conseguenti mutate abitudini dell’utenza.

leggi di più

A tutela degli inquilini e della società

di Ivan Miozzari

 

Parte il 21 aprile la raccolta firme per l’Iniziativa popolare per l’introduzione del formulario ufficiale ad inizio locazione, nel Canton Ticino. Un dispositivo già previsto dalla legge che la politica fatica a mettere in atto.

leggi di più

Basta regali fiscali! I bisogni sono altri!

di Enrico Borelli

 

È forse una priorità per il Ticino ridurre le imposte ai cittadini milionari e dimezzarle alle multinazionali e alle grosse imprese, quando nel contempo aumentano gli oneri per i lavoratori e per le famiglie?

leggi di più

Un voto contro i ricatti e le menzogne

Editoriale Q15

 

Il voto del 29 aprile ha una valenza decisiva, costituisce uno spartiacque per un cambiamento nella politica di questo Consiglio di Stato. Il Governo di Argo1, il Governo degli allegri rimborsi spese. Il Governo dei tagli negli assegni integrativi e di prima infanzia di 800 famiglie ticinesi. Il Governo dei risparmi nei sussidi di cassa malati. Questi Signori ora sostengono di voler aiutare le famiglie con la riforma «fiscale-sociale». Un inganno!

leggi di più

Fascismo, cane da guardia del capitale

di Collettivo Scintilla

 

«I fascisti non sono mica come i funghi, che nascono così, in una notte. No. I fascisti sono stati i padroni a seminarli, li hanno voluti, li hanno pagati. E coi fascisti i padroni hanno guadagnato sempre di più, al punto che non sapevano più dove metterli i soldi».

leggi di più

Cresce la povertà in Ticino. Altro che sgravi fiscali il Governo convochi urgentemente un tavolo di lavoro per contrastarla!

di ForumAlternativo

 

Mentre sta entrando nella sua fase finale la campagna in vista della votazione sulla Riforma Fiscale del 29 aprile, che in caso di accettazione avrebbe pesanti ripercussioni sui salariati e la popolazione ticinese, i fautori della Riforma osano affermare che non c’è mai stata così poca povertà come oggi.

leggi di più

UNIA: distanza abissale tra il "palazzo della politica" e il paese

di Red

 

Riforma fiscale: durissimo comunicato del sindacato Unia contro il leghista Michele Foletti e i sostenitori degli sgravi fiscali. Da loro, solo menzogne e fumo negli occhi della gente.

leggi di più

BeltrArgo e il paese degli unicorni

di ForumAlternativo

 

Nel presunto pacchetto sociale promosso per ricattare la popolazione a ingoiare gli sgravi, c’è il bonus nascita di 3mila franchi partorito dalla fervida mente di BeltrArgo. Costo stimato, 4.5 milioni di franchi l’anno.

leggi di più

NO alle pigioni abusive. SI alla trasparenza

di Elena Fiscalini

 

In gennaio il Gran consiglio ha respinto la mozione di Pelin Kandemir Bordoli che chiedeva l’introduzione del formulario ufficiale ad inizio locazione. Un’opportunità sprecata, perché con poco impegno si poteva raggiungere un risultato significativo nella regolamentazione del mercato dell’alloggio. 

leggi di più

Prima tagliano e poi ci ricattano promettendo il nulla

di ForumAlternativo

 

Dopo aver gridato al lupo con un preventivo in rosso, improvvisamente si scopre che a conti fatti vi sono 80 milioni di franchi di utile nelle casse cantonali. A pensar male, questo “imprevisto” utile coincide con l’arrivo nelle bucalettere dei cittadini del materiale di voto in cui si chiedono sgravi fiscali da 52 milioni a ricchi e grandi imprese ai cittadini.

leggi di più

“Le sanzioni contro il Venezuela sono ideologiche”

 a cura di Benito Perez

 

La decisione continua a far discutere: il 28 marzo, il Consiglio federale annunciava le sanzioni contro il Venezuela. Al di là del loro contenuto – embargo sugli equipaggiamenti di sicurezza, congelamento dei beni e divieto d’entrata contro le personalità politiche – ad interrogare è l’aspetto politico.

leggi di più

L’ inciucio di Palazzo nel nome degli sgravi

 di Francesco Bonsaver

 

Se legalmente non si può fare, facciamo l’inciucio di Palazzo. Sottoporre al popolo il baratto tra sgravi a ricchi (per scoprire chi sono vai a "chi sono i migranti fiscali ticinesi") e grandi imprese con le presunte misure sociali è infatti illegale, persino incostituzionale.

leggi di più

Diminuire le diseguaglianze, rispondere ai bisogni dei cittadini. Un chiaro NO alla Riforma Fiscale

di Enrico Borelli

 

Privare lo Stato di risorse finanziarie in un momento come quello attuale, caratterizzato da crescenti difficoltà, appare decisamente insensato.

leggi di più

I mille miliardi della Banca Nazionale ci appartengono!

di RedQ

 

A molti sarà girata la testa sentendo che l’anno scorso la Banca Nazionale ha guadagnato, udite udite, 54 miliardi! Per fare un paragone: questa cifra corrisponde grosso modo al budget annuo della Confederazione ed è superiore alla cifra d’affari di un colosso quale Roche.

leggi di più

I finti paladini della socialità

di Enrico Borelli, segretario Unia Ticino

 

Ma con quale credibilità coloro che negli ultimi anni hanno promosso i tagli alla spesa sociale, mettendo per esempio in ginocchio oltre 800 famiglie private degli assegni integrativi, si ergono oggi a paladini della socialità?

leggi di più

Sergio Rossi: continueremo a sostenere tesi fallimentari?

 

Intervista di TicinoToday

 

 

Un bilancio, a 20 anni di distanza, delle trasformazioni a cui sono andate incontro le ex PTT, ma anche delle finanze elvetiche più in generale.

leggi di più

Se in democrazia non c’è spazio per il sovrano

di Ivan Miozzari

 

Sappiamo che la democrazia è simile ad un cantiere infinito. C’è sempre d’aggiungere, da migliorare e spesso da disfare ciò che non è venuto come si era voluto. Però un cantiere è sotto il nostro sguardo quotidiano, ne vediamo e sentiamo tutti i segni più palesi, come le gru in qualche modo inserite nel paesaggio, il traffico dei camion e la polvere, i muri di rete con relativi divieti, e tanti rumori e disagi nella mobilità.

leggi di più

L’autogoal del PS friburghese

di Yan Pauchard

 

In diverse parti della Svizzera, la scorsa domenica è stata una giornata di elezioni. Se in canton Berna il PS ha riportato un buon risultato, lo stesso non si può dire dell’elezione complementare del Consiglio di Stato friburghese. La lezione? Dove i socialisti giocano la carta dell’arroganza e della superiorità nei confronti dei loro potenziali alleati, il suicidio elettorale è assicurato. (NdT)

leggi di più

Sensibilità sociale di comodo

di Claudio Carrer

 

Un po’ di elemosina, un po’ di disinformazione e qualche gioco di equilibrismo ai limiti della legalità e della democrazia. Sono gli strumenti più in voga per cercare di far digerire ai cittadini delle grandi fregature nell’ambito delle politiche fiscali: succede in Ticino con la revisione della legge tributaria in votazione il 29 aprile, e succede nella Berna federale per cercare di far rientrare dalla finestra i regali alle grandi aziende che il popolo svizzero ha rifiutato solo un anno fa.

leggi di più

NO al miliardo di coesione

di ForumAlternativo

 

Dopo aver tagliato nelle ultime settimane 600 milioni a chi riceve le prestazioni complementari e 100 milioni di sussidi sui premi di cassa malati, la Berna Federale vuole regalare più di un miliardo ai paesi dell'Est europeo che fanno parte dell'UE.

leggi di più

LA CORRETTA INFORMAZIONE È LA BASE DELLA DEMOCRAZIA!

Unia - Ticino

 

Onorevoli Consiglieri di Stato, le dichiarazioni fatte ieri alla stampa, anche in considerazione dell’annuncio del reclamo formale da parte di Unia, hanno permesso di delineare ulteriormente i contorni giuridici di quella che – a nostro avviso impropriamente – continuate a definire “Riforma fiscale e sociale”.

leggi di più

Conferenza stampa “QUESTA RIFORMA È UNA FREGATURA! UN RICATTO!"  

ForumAlternativo

 

Altri cantoni sono già andati incontro al loro fallimento fiscale volendo imporre sempre più sgravi fiscali con l’obiettivo di attrarre aziende e ricchezza, passando da 150 milioni di franchi di conti pubblici in attivo e arrivando, 10 anni dopo, a un passivo di 250 milioni. Per essere in seguito costretti a imporre misure di lacrime e sangue alla popolazione.

leggi di più

Riforma fiscale: anche il governo vuole imbrogliarci

di Red

 

Anche il CdS si unisce alle menzogne portate avanti da PPD, PLR e Lega.

Dall' opuscolo informativo pubblicato sul sito del Cantone sulla votazione cantonale del 29 aprile 2018 si legge:

leggi di più

FFS alla canna del gas

di RedQ

 

Vi ricordate lo slogan «viaggio in treno, viaggio sereno»? È dei tempi, non così lontani, di quando le FFS, assieme alle PTT, erano uno dei fiori all’occhiello della Svizzera? Ora invece quando se ne parla è soprattutto o per i salari milionari dei loro dirigenti o per le sempre più frequenti disfunzioni.

leggi di più

Gobbi: ordine e disciplina in Ticino. Libertà individuali a rischio

di Red

 

Il progetto di revisione della legge cantonale sulla polizia elaborato da Gobbi è pericoloso, in particolare la nuova proposta che prevede “la custodia di polizia”.

leggi di più

Struzzi socialisti

di Damiano Bardelli

un semplice cittadino, simpatizzante di sinistra

 

Ieri, sul sito della sezione del PS di Lugano, Cristina Zanini ha aperto un interessante dibattito su temi attuali e spinosi per la sinistra ticinese.

Prendendo spunto da un mio post apparso su twitter alcuni giorni fa, la municipale socialista riassume in sette punti le ragioni del successo della Destra e il calo costante del PS non solo nella sua città, ma più generalmente in Ticino.

leggi di più

Settore della moda in Ticino: un mix composto da evasione fiscale, utili miliardari e sfruttamento dei lavoratori

ForumAlternativo

 

Il settore ticinese della moda è tornato nell’occhio del ciclone nei giorni scorsi a seguito delle dichiarazioni del Ministro francese dell’economia che ha reso pubblica l’esistenza di un’inchiesta sul gruppo parigino Kering in relazione ad una presunta evasione fiscale di 2.5 miliardi di euro fra il 2002 ed il 2017.

leggi di più

Basta alle bufale dei fautori della riforma fiscale

di Red

 

Nelle campagne che precedono le votazioni si rincorrono spesso tesi e argomentazioni non aderenti alla realtà e addirittura fuorvianti. È il caso della campagna da tempo avviata a sostegno della riforma fiscale sulla quale ci esprimeremo il prossimo 29 aprile.

leggi di più

Assassinio politico in Brasile. Marielle... presente!

di Eleonora Selvatico

master in Scienze Politiche e Filosofia - Parigi

 

Conosciuta come la giovane consigliera di Rio de Janeiro, l’attivista femminista e afrobrasiliana Marielle Franco, è stata assassinata a soli 39 anni il 14 marzo 2018 alle 21:30.

leggi di più

Gobbi ordina il Blitz contro la tifoseria BiancoBlù: fermate 13 persone!

di Red

 

L'operazione di polizia di oggi è inusuale, durissima, assolutamente non proporzionata: 13 fermi effettuati nelle case di padri di famiglia alle prime luci dell’alba. Una cosa mai capitata, manco fossimo davanti a un’operazione anti terrorismo condotta per scongiurare un pericolo imminente con criminali armati.

leggi di più

Concorrenza fiscale intercantonale: dumping senza fine

di Red

 

L’NZZ am Sonntag di ieri (il settimanale del quotidiano di riferimento della piazza finanziaria zurighese) prendendo spunto dai dati elaborati dall’amministrazione federale delle contribuzioni, peraltro non ancora resi pubblici, ha pubblicato un dossier sull’evoluzione delle imposte sul reddito pagate in Svizzera. Ne approfittiamo per commentare brevemente l’articolo ed evidenziare alcune tendenze in atto.

leggi di più

Riforma fiscale : Ermotti e colleghi non necessitano di ulteriori regali

ForumAlternativo

 

I media ci informano oggi che il salario percepito dal Ceo di Ubs Sergio Ermotti è salito nel 2017 a 14.2 milioni di franchi, mezzo milione in più rispetto al 2016. È la conferma delle profonde diseguaglianze che investono la nostra società e della concentrazione della ricchezza nella mani di pochi.

leggi di più

Il brutto vizio del turismo fiscale

di Andreas Rieger

 

Il turismo fiscale è un divertimento comune a tante multinazionali. Esse vanno alla ricerca di bei posticini in cui gli operatori turistici tendono loro la mano offrendo trucchi fiscali pazzeschi. E non devono nemmeno essere lontani paradisi fiscali.

leggi di più

Tram-Treno Luganese: fra progetti, ricorsi e proposte alternative

I Verdi del Ticino

 

Sono centoventisette le opposizioni al progetto di tram-treno del Luganese giunte di recente all’Ufficio federale dei trasporti. Opposizioni di associazioni, enti, aziende, cittadini, gruppi di interesse, FFS, Ail, Ustra, ecc. Una cifra che, nonostante le loro recenti rassicurazioni, dovrebbe far riflettere il Dipartimento del territorio (DT). E’ il tracciato Bioggio-Manno che ha raccolto il maggior numero di critiche.

leggi di più

Leuthard: la navigazione sul Lago Maggiore non è un mio problema

ForumAlternativo

 

Quasi il 50% del volume turistico ticinese si realizza nel Locarnese e la navigazione sul Verbano ne è un elemento essenziale. A due settimane dall’inizio della stagione turistica siamo però in pieno caos. Nessuno sa difatti se i battelli torneranno a solcare in le acque del Verbano e, se sì, quando.

Il Consiglio di Stato si dice preoccupato, ma sembra essere andato in letargo.

leggi di più

La SSR verrà smantellata come la Posta?

di Red

 

Il 4 marzo i cittadini hanno affondato l’iniziativa No Billag. Nessuno si illudeva che poi sarebbe successo nulla. La rapidità, con la quale è stato sfoderato un attacco in grande stile alla SSR, comunque sorprende. Con quali proposte? Ridurre il canone a 200 franchi; aumentare la pubblicità; più canone ai privati; una parte del canone ai giornali. Ciò significa di fatto una privatizzazione parziale dei servizi radiotelevisivi.

leggi di più

L’Italia si è svegliata a destra, come previsto, peggio del previsto

di Loris Campetti

 

Se il dato più clamoroso è il 32% del M5S che piazza i grillini al primo posto, non meno inquietante è il 37% raccolto da un centrodestra a trazione leghista.

leggi di più

Riforma Fiscale: Regazzi - Rossi e le fake news da Manno

di Federico Franchini e Francesco Bonsaver

 

Delle voci non verificate diventano delle notizie strumentali alla propaganda politica. L’esempio arriva della perdita di 37 posti di lavoro alla Du Pont-Pioneer di Manno: il trasferimento a Ginevra per motivi di ristrutturazione interna dopo una fusione tra due colossi mondiali diventa lo spunto per dei politici per fare campagna a favore della riforma fiscale in votazione in Ticino il 29 aprile.

leggi di più

UPC e No Billag: il derby neoliberista

di Nestor Buratti

 

All'improvviso tutto il Cantone diventò anti-liberista. È successo lo scorso 7 settembre, quando cioè la RSI ha comunicato che non avrebbe trasmesso, per la stagione 2016/2017, i derby di hockey tra Ambrì e Lugano. Una prima per la radiotelevisione pubblica che da tempo immemore trasmette l'amato evento sportivo. Una novità che ha suscitato un mare di polemiche e fiumi di parole sui social network nostrani. Eppure è la legge del mercato, applicata in questo caso ai diritti tv.

leggi di più

Lo scandalo di AutoPostale SA: tante manipolazioni, un incidente di percorso?

di Graziano Pestoni

 Quanto successo ad AutoPostale, purtroppo, non può sorprendere chi conosce la Posta SA. I conti, da anni, sono opachi, di difficile lettura, eticamente discutibili.

leggi di più

Dopo il NO a Previdenza 2020 è urgente aumentare le rendite dell’AVS per tutti/e

di Graziano Pestoni

 

Questa riforma ignorava totalmente la struttura del sistema pensionistico svizzero.

Essa tentava di mettere tanti e inutili cerotti al secondo pilastro, ben sapendo che lo stesso ha difficoltà insormontabili, invece di potenziare l’AVS, un pilastro solido, efficace e particolarmente moderno, anche se è nato nel 1947!

leggi di più

Riforma Fiscale: un progetto di stampo liberista iniquo e pericoloso

di Enrico Borelli

 

Contrariamente a quanto affermato oggi sulle colonne del Caffè dal direttore del Dfe Christian Vitta, la riforma fiscale non rappresenta alcun patto sociale ma bensì un'ulteriore concretizzazione delle politiche liberiste che in questi 20 anni hanno favorito la crescita delle diseguaglianze sociali e della concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi e che hanno prodotto esclusione e povertà.

leggi di più

Non smantelliamo la RadioTelevisione Pubblica

di Enrico Borelli

 

Come ogni progetto di smantellamento di un servizio pubblico, anche l'iniziativa No Billag, in votazione il 4 marzo prossimo, mira a fare gli interessi di pochi imprenditori e investitori privati a scapito dei cittadini comuni, soprattutto dei più fragili e delle minoranze.

leggi di più

Le eccedenze della Confederazione vanno reinvestite nel sociale!

di Red

 

Questo mercoledì, Ueli Maurer ha annunciato un saldo positivo di 2,8 miliardi per l’anno 2017, a cui vanno aggiunti 2 miliardi in eccesso non previsti raccolti con l’imposta preventiva.

leggi di più

Malgrado tutto, dobbiamo bocciare NO Billag

di Gerpes

La radio e soprattutto la televisione, spesso, non ci soddisfa.

I servizi informativi sono lacunosi e non di rado di parte. I partiti dominanti e gli interessi del capitale hanno uno spazio privilegiato. Tutto quanto sa di sinistra, per esempio ma non solo in America latina, è presentato in forme non soddisfacenti. Un’analisi particolareggiata dei servizi informativi, salvo rare e lodevoli eccezioni, dimostrerebbe la parzialità di tante notizie.

Appare pure evidente che non sempre i fondi a disposizione sono utilizzati con il dovuto rigore.Ciò non dovrebbe essere il caso per reti televisive pubbliche.

leggi di più

Moderazione, addio! Le idee radicali sono tornate

di Damiano Bardelli 

 

Continua imperterrito l’anno nero della socialdemocrazia cosiddetta «moderata» e «pragmatica». Dopo l’implosione del Partito Socialista Francese, ormai diviso tra entusiasti di Macron e personaggi irrilevanti, le legislative in Germania sono state teatro del crollo della SPD, guidata al disastro dal liberale Martin Schulz.

 

In Svizzera, intanto, abbiamo assistito alla sonora bocciatura della riforma della Previdenza Vecchiaia 2020 partorita da Alain Berset.

 

Ironia della sorte, stando agli ultimi sondaggi la PV 2020 è stata respinta proprio da donne, giovani e persone a basso reddito, vale a dire quelle persone che la riforma l’avrebbero pagata sulla propria pelle e che l’attuale dirigenza del PSS afferma di voler difendere… Intanto, i partiti e i movimenti che hanno scelto di alzare la soglia delle loro rivendicazioni e di rispolverare una prospettiva di classe stanno vivendo un momento positivo.

leggi di più

Referendum fiscale: prove di Sinistra Unita?

di Red

 

Nonostante aver avuto a disposizione praticamente solo tre settimane, la sinistra unita e capeggiata da UNIA è riuscita a raccogliere ben 11'000 firme per il referendum contro i regali fiscali ai super ricchi. È questo un evento importante, sul quale bisognerà riflettere bene. Qui solo qualche commento a tutta velocità.

leggi di più

La Svizzera che s'inginocchia davanti a Trump

di Franco Cavalli

tratto da "Area il portale di critica sociale e del lavoro".

In Europa, ogni candidato a una qualsiasi funzione politica, che abbia la dabbenaggine di dirsi sostenitore di Trump, perde immediatamente buona parte del sostegno popolare e quasi sempre va incontro ad una sconfitta elettorale.

leggi di più

Riuscito il referendum fiscale

di Comitato Unitario contro la Riforma Fiscale

 

Basta regali fiscali ai ricchi!

Nonostante gli ostacoli posti dal governo, attraverso la pubblicazione del nuovo disegno di legge nel periodo delle vacanze natalizie, il Comitato referendario contro la riforma fiscale ha raccolto più di 10'000 firme.

leggi di più

Sergio Rossi, perchè sostengo il REFERENDUM!

di Sergio Rossi

Professore ordinario di macroeconomia ed economia monetaria all’Università di Friburgo

 

La riforma fiscale e sociale che il Parlamento ticinese ha deciso di mettere in atto nel 2018, con il sostegno della maggioranza del gruppo socialista, si rivelerà un fallimento totale per quanto riguarda la pretesa volontà di rilanciare l’economia ticinese come pure di sostenere le famiglie bisognose o meritevoli di un aiuto finanziario nel Cantone Ticino.

leggi di più

REFERENDUM!

di ForumAlternativo

 

Una riforma fiscale da respingere. Bisogna fermare il modello economico basato sulla povertà di molti e il privilegio di pochi.

Il Ticino si trova attualmente in una situazione segnata dal deterioramento delle condizioni di lavoro, dalla diffusione della povertà e del precariato.

leggi di più

Cavalli: "siamo contro al miliardo per la Coesione"

da "ticinotoday.ch"

Lo scorso venerdi il Forum Alternativo teneva la sua "Festa dei Quaderni".

In quell'occasione abbiamo intervistato

Franco Cavalli per sapere quali sono le prospettive del Forum.

leggi di più

Democrazia alla canna del gas

Nello spirito di metter fine alla tragicomica di Argo 1, di restituire credibilità a tutte quelle donne e uomini dell'apparato di stato che lavorano con coscienza, ForumAlternativo condivide l'iniziativa "ti aspetto fuori" (partita dalla società civile su Facebook).

 

L'appuntamento è per lunedì 6 novembre alle sei di sera fuori dal palazzo dove dimostrargli tutta l'indignazione per la loro manifesta incapacità.

leggi di più

Basta regali ai ricchi!

da "ticinonews.ch"

 

"Regali ai ricchi in cambio di briciole avvelenate? No grazie"

Forum alternativo contro la riforma fiscale del Governo

"Sono due gli obiettivi nascosti della riforma fiscale proposta dal duetto Vitta-Beltraminelli e appoggiata dall'intero governo".

leggi di più

Nuovo pacchetto fiscale

da "ticinotoday.ch"

Enrico Borelli:

"è un'emergenza, e il Governo tergiversa"

 

Pacchetto fiscale e sociale: Unia "sale sulle barricate".

Abbiamo intervistato il segretario di Unia Ticino Enrico Borelli, che ci ha spiegato le motivazioni della presa di posizione del sindacato contro la riforma proposta dal Governo lo scorso mese. Se il pacchetto fosse approvato dal Gran Consiglio, ci ha detto Borelli, Unia è pronta al referendum.

leggi di più

Lettera aperta a Ignazio Cassis

Franco Cavalli - "il caffè"

 

Caro Ignazio,

la tua elezione è stata tutto fuorché una sorpresa, anche perché l’unica candidata che avrebbe potuto batterti (Laura Sadis) era stata eliminata già in partenza e senza molti complimenti dall’establishment liberale ticinese.

leggi di più

Partecipa al sondaggio online

 

Scegliamo il Futuro che vogliamo!

Sondaggio Online

 

leggi di più

Argo1: siamo all'indecenza!

Un B movie tragicomico, indecente, al quale occorre porre fine.

 

Per restituire la credibilità perduta delle istituzioni cantonali, per rispetto del personale dell’amministrazione cantonale che ogni giorno svolge il proprio lavoro con professionalità e coscienza, sarebbe ora che Paolo Beltraminelli tirasse le dovute conseguenze e si assumesse le responsabilità che gli spettano.

leggi di più

Cassis 67, c'est moi

Di Riccardo Zampagna ... da "Quaderno 10"

 

Ignazio Cassis ha il volto rassicurante della brava persona, dai modi affabili e, a detta di chi lo conosce personalmente, socievole e simpatico. Non vi sono dubbi che sia così.

Un conto però è la persona, un altro l’uomo politico le cui decisioni influenzano le vite di tutti noi. La responsabilità individuale tanto cara a Cassis, produce delle conseguenze collettive che derivano dalle scelte dell’uomo politico.

 Ripercorriamo dunque la sua ascesa politica e analizziamo il ruolo che in questo momento gioca all’interno del processo decisionale del palazzo bernese.

leggi di più

Sui diritti non si patteggia!

Di Enrico Borelli

 

Nelle ultime settimane a margine della presentazione del tavolo di lavoro dell’economia il direttore del Dipartimento delle Finanze e dell’Economia Christian Vitta ha evocato l’ipotesi di sottoscrivere una sorta di Patto di Paese che coinvolga le forze politiche, il mondo economico e le organizzazioni sindacali.

Una proposta, lo diciamo in modo schietto, che non convince e che merita qualche riflessione.

leggi di più

Ri – nazionalizziamo le aziende pubbliche

di Graziano Pestoni

Alla fine dello scorso anno, Syndicom, il sindacato del personale della Posta, propose al Consiglio federale di adottare una moratoria sulla chiusura degli uffici postali. La richiesta era motivata dal fatto che la Posta, per aumentare gli utili, che permettono di ricompensare con lauti bonus i suoi direttori, sta accelerando il processo di chiusure. In Ticino, secondo i criteri che la Posta stessa si è data, fra pochi anni avremmo ancora ….10 uffici postali.

leggi di più

Firmate il referendum Contro l’aumento dell’età di pensionamento e la riduzione delle rendite!

Clicca sull'immagine per scaricare il file .pdf
Clicca sull'immagine per scaricare il file .pdf

La legge federale sulla riforma della previdenza vecchiaia 2020 è inaccettabile:

 - perché obbligherebbe le donne a lavorare un anno di più o, in alternativa, a subire una riduzione a vita della loro rendita AVS. Questa misura significa spalancare le porte al pensionamento a 67 anni per tutte e per tutti.

- perché non apporterebbe nessun miglioramento alle attuali pensionate e agli attuali pensionati. A causa dell’esplosione dei premi malattia e dell’aumento dell’IVA, ciò si tradurrebbe in una diminuzione del reddito a loro disposizione.

- perché non garantirebbe neppure il mantenimento del livello delle rendite per le future pensionate e per i futuri pensionati. La sola certezza è l’aumento dei contributi. Risultato finale: le lavoratrici e i lavoratori saranno chiamati a pagarne il prezzo, mentre banche e assicurazioni si arricchiranno ancora di più.

NO all’aumento dell’età di pensionamento!

NO alla riduzione delle rendite!

 

leggi di più

Rilanciare il Forum e andare verso il FronteAlternativo

Per il ForumAlternativo è giunto il momento di pensare ad un salto di qualità, di pensare in modo diverso alla creazione di un FronteAlternativo. È la realtà stessa del Cantone che lo impone. Lo scandalo al Dipartimento di Gobbi, le sue giustificazioni razziali sull’inclinazione a delinquere di tutti gli italiani sono solo la punta dell’iceberg di un governo allo sbando.

leggi di più

No all'aumento dell'età di pensionamento delle donne

tratto da: Area - Quindicinale e portale di critica sociale e del lavoro

 

Enrico Borelli, segretario regionale di Unia Ticino, non ha dubbi: «Unia e l'Uss devono combattere la Pv 2020 promuovendo il referendum».

«Questa riforma non è un compromesso e dal profilo sindacale rappresenta una chiara sconfitta, perché innalza l'età di pensionamento delle donne, riduce le pensioni del 12 per cento, aumenta i contributi prelevati attraverso i salari e aumenta l'Iva, l'imposta più antisociale che esista».

leggi di più

9 febbraio: inganno era e inganno rimane

L’iniziativa “contro l’immigrazione di massa” è stata lanciata per ragioni di marketing politico. Lo avevano ammesso sin da subito alcuni esponenti della stessa UDC e ancora qualche settimana fa un ex Consigliere nazionale UDC ticinese ha ammesso che i dirigenti del partito sapevano del carattere inapplicabile del testo. Il senso di tutto ciò? Dire in seguito: “gli altri non rispettano la volontà popolare” e continuare a sfruttare la concorrenza tra lavoratori tenendo sotto pressione i salari di tutti. Agli industriali dell’UDC conviene. Se si passano mesi interi a discutere di contingenti e di immigrazione, si eviterà di parlare di buste paga e di chi impone la concorrenza al ribasso tra lavoratori. L’utilizzo padronale del tema dell’immigrazione, indipendentemente da livelli di contingenti o altre finte misure, è sempre stato così: che tu sia migrante o residente l’importante è non regolamentare i contratti con livelli salariali decenti. Lo si è visto nel dibattito.

leggi di più

Socialismo o Barbarie?

Pochi mesi prima di venir assassinata da un governo a conduzione social-democratica di destra, Rosa Luxemburg ebbe un’affermazione profetica, dicendo che a breve scadenza ci sarebbe stato «il socialismo o le barbarie». Infatti pochi anni dopo la sconfitta della rivoluzione socialista in Germania ci fu il trionfo del nazifascismo, che oltre ai campi di sterminio avrebbe provocato i 70 milioni di morti della seconda guerra mondiale. Nazifascismo che, non dimentichiamolo mai, rappresenta la versione violenta di quel capitalismo «moderato» che aveva già provocato i 20 milioni di morti del primo conflitto mondiale.

leggi di più

Dalla RSI agli ospedali: mobilitiamoci per i beni comuni, i diritti e la dignità!

L’Unione sindacale svizzera - Ticino e Moesa ha convocato negli scorsi giorni diverse forze sindacali e associative per promuovere una mobilitazione cantonale in difesa del lavoro e dei beni comuni. Abbiamo chiesto a Enrico Borelli, segretario regionale di Unia, un breve resoconto di questa prima importante riunione.

 

È stato un incontro molto partecipato, con la presenza di diverse realtà. Adesso si tratta di lavorare alla preparazione di una forte mobilitazione. Dobbiamo dare un segnale deciso alla politica perché siamo arrivati a un punto di non ritorno.

leggi di più

28 febbraio: quattro No e un Sì

In vista delle prossime votazioni del 28 febbraio, il ForumAlternativo invita a votare quattro No e un Sì.

 

Sì all'iniziativa «Contro la speculazione sulle derrate alimentari» con la quale si può contribuire alla lotta contro la fame nel mondo. Infatti, la contrattazione delle materie prime attraverso i mercati finanziari provoca delle forti fluttuazioni e degli aumenti dei prezzi che portano all'arricchimento dei super-ricchi e delle aziende e all'impoverimento dei più poveri, provocando la morte per fame di milioni di esseri umani. Vietando la speculazione, il commercio dei beni alimentari tornerebbe a un mercato reale e quindi a prezzi più stabili e più bassi.

 

leggi di più

Un’iniziativa disumana e pure costosa

di Franco Cavalli

 

Manuele Bertoli ha già dimostrato come l’iniziativa sugli stranieri che hanno commesso reati e su cui voteremo il prossimo 28 febbraio, sia assolutamente inutile perché esistono già chiare basi legislative per farlo, se il suo scopo fosse veramente quello di far espellere i criminali stranieri. In realtà i fautori dell’iniziativa vogliono tutt’altro, come ampiamente dimostrato dalla loro demagogica propaganda distribuita a suon di milioni a tutti i fuochi della Svizzera.

leggi di più

Lettera alla Sinistra italiana

di Oskar Lafontaine*

 

Care compagne, cari compagni,

la sconfitta del governo greco guidato da Syriza davanti all’Eurogruppo ha portato la sinistra europea a domandarsi quali possibilità abbia un governo guidato da un partito di sinistra, o un governo in cui un partito di sinistra sia coinvolto come partner di minoranza, di portare avanti una politica di miglioramento della condizione sociale di lavoratrici e lavoratori, pensionate e pensionati, e delle piccole e medie imprese, nel quadro dell’Unione europea e dei trattati europei.

leggi di più

L'ACSI fuori strada

La SSR non potrà più prelevare l’IVA sulla tassa di ricezione dei programmi radiotelevisivi. Lo ha deciso il Tribunale federale. Ciò comporterà una diminuzione delle entrate della SSR, a livello nazionale, di 40 milioni di franchi all’anno. Per far fronte a questa situazione l’azienda ha deciso di ridurre il personale di 250 unità, di cui 49 in Ticino. Oltre ad un problema occupazionale e umano, la qualità del servizio radiotelevisivo, già criticato a volte con qualche buona ragione, subirà un sicuro peggioramento.

leggi di più

Perché votare a sinistra?

di Franco Cavalli

 

La campagna elettorale per le Federali del 18 ottobre batte la fiacca: forse perché i dibattiti radiotelevisivi sono abbastanza noiosi, ma probabilmente soprattutto perché molta gente ormai pensa, in parte giustamente, che le decisioni fondamentali non sono più prese dai rappresentanti del popolo, ma bensì dai circoli economici dominanti. Evitiamo però di fare d’ogni erba un fascio. Ci sono difatti tuttora aspetti importanti della nostra vita quotidiana che dipendono ancora dalle decisioni politiche.

leggi di più

Sì all'Europa, no a questa Unione Europea

Editoriale del Quaderno 4

 

In questi mesi le discussioni sull’Europa, sull’Unione Europea (EU) e sull’Euro si sprecano, spesso attorcigliandosi e rendendo difficile la comprensione della problematica. Vale quindi la pena di partire dall’inizio.

Alla fine della seconda Guerra Mondiale, la grande maggioranza dell’opinione pubblica europea voleva farla finita sia con i nazionalismi che con il capitalismo, responsabili di aver provocato in poco più di 30 anni due guerre mondiali con oltre 100 milioni di morti.

leggi di più

La solidarité, un tremplin vers un autre monde possible

di Sergio Ferrari*

 

« Pour moi, la vie politique et la solidarité ne sont pas de simples formalités administratives. Ce sont des expressions de tendresse, de sentiments fermes, d’amour et d’engagement militant », souligne Franco Cavalli. Il se rappelle avoir fondé AMCA** (Aide médicale pour l’Amérique centrale) en 1985, en réponse à une demande de collègues nicaraguayens.

Dès lors et durant ces trois dernières décennies, l’expérience de cette organisation tessinoise de coopération solidaire fut riche et pleine de défis. Le plus important, c’est « que nous continuons d’exister et de développer nos activités ». Et de poursuivre : « Nous continuons avec la conviction absolue qu’un autre monde est possible ». Interview.

leggi di più

L’Unione Europea strangola la Grecia

La maratona di Bruxelles ha prodotto quanto si temeva: agitando lo spauracchio della Grexit, Schäuble e gli altri suoi camerati hanno imposto alla Grecia privatizzazioni per 50 miliardi, un ulteriore diminuzione di salari e pensioni (che sono già ben al di sotto del limite dei sopravvivenza) e rifiutando inoltre qualsiasi taglio del debito. Quale possibile compenso. Misure che tutti i migliori economisti del mondo, tra cui i premi Nobel Stiglitz e Krugman, hanno da tempo definito come demenziali.

leggi di più

Con Tsipras contro i ricatti neoliberisti

Alla fine il teatrino delle discussioni tra il governo greco e i responsabili della Troika si è riassunto nel solito ricatto: applicare le disastrose ricette neoliberiste oppure accusare la Sinistra greca di non volere un accordo. Quando Tsipras e Varoufakis propongono di reperire fondi riducendo le spese militari o tassando maggiormente gli oligarchi che si spartiscono gran parte della ricchezza nazionale del paese, la risposta delle istituzioni europee dominate dalla destra è sempre la stessa, per loro è meglio tagliare ancora le pensioni, licenziare di più, ridurre nuovamente i salari, aumentare ulteriormente i prezzi dei medicamenti e dei generi alimentari.

leggi di più

Elezioni Cantonali: come volevasi dimostrare

La messa è stata cantata, le elezioni cantonali sono passate. Nonostante una campagna estremamente piatta e noiosa, dai contenuti più pubblicitari che politici, la prima sorpresa è stata l’alta partecipazione. Mentre nelle settimane precedenti a Lucerna e a Zurigo solo un terzo dell’elettorato si era scomodato, in Ticino siamo a due terzi e soprattutto in aumento rispetto a quattro anni fa. L’insistenza quasi spasmodica dei nostri media sul derby liberal-leghista spiega probabilmente in gran parte questo fatto. Che dire dei risultati?

leggi di più

Continua la lettura nella sezione Archivio Annuale